• Google+
  • Commenta
30 gennaio 2013

Sigaretta Elettronica Vietata ? – Nussuna legge per divieto di fumo e-cigarette nei luoghi pubblici

Il boom dell sigarette elettroniche continua, gli italiani, i giovani, i fumatori e non solo, continuano le loro ricerche, “la sigaretta elettronica fa male?” la sigaretta elettronica non fa male ?” “la sigaretta elettronica aiuta a eliminare il vizio del fumo?” la sigaretta elettronica fa risparmiare?”

Intanto il Ministero della salute sull’argomento, sarà per una questione politica – economica o meno, non si esprime.

Certo è che con la sigaretta si pongono altre questioni che tradizionalmente la stessa sigaretta aveva posto. Primo tra tutti il Divieto di fumo. Parliamo in questo caso della classica sigaretta. E allora la sigaretta elettronica come viene disciplinata in materia ?

Spopola da subito un nuovo tormentone:  Sigaretta Elettronica Vietata nei luoghi pubblici ?

L’Italia , come spesso accade, dopo molti dibattiti e scambi d’opinione, pochi anni fa ha finalmente regolamentato la questione del fumo passivo nei luoghi pubblici.

Sono trascorsi appena otto anni, e quest’asfissiante questione si è ripresentata a causa dell’improvviso boom della sigaretta elettronica.

Anche in Italia proliferano i forum e i siti specializzati (una semplice ricerca su Google riporta circa 300mila risultati) sulle cui pagine  si discute sia sulle e-cigarette sia sugli impatti che queste hanno sulla salute.

Per ora non ci sono ancora dati ufficiali sulle vendite in italia, dove troviamo una grande varietà di prodotti (dai prodotti che vanno da 15 euro a quelli che costano 100 euro), fatto sta che l’e-cig spopola.

Da un’indagine Doxa emerge che il 20% circa dei fumatori pare interessato ad approcciarsi al fumo elettronico.

Questo porta i non fumatori a chiedersi, e noi?

Quanti non amano il fumo, di nessun genere,  neppure quello celato da  pseudo-fragranze, che diritti avranno?

Dovranno subire passivamente queste nubi tossiche senza alcun diritto di replica?

E-cig e svapatori di ogni sorta, che gioiosamente vorrebbero utilizzare il proprio cilindro hi-tech in ogni dove, fermatevi!

Le nuvole di fumo non sono il massimo della compagnia per quanti vogliono vedere un film , andare a cena senza dover di continuo inalare odori malsani, e strane essenze.

Per ora, causa l’assenza di normative ufficiali, si fa un po’ come si vuole, e questo lassismo genera spesso il malcontento.

Sigaretta Elettronica Vietata ? Nessuna legge la vieta.

Le attuali leggi italiane non proibiscono l’uso della sigaretta elettronica nel locali pubblici: bar, ristoranti cinama, trasporti pubblici, sono luoghi in cui i nostri e-ciger potrebbero tranquillamente fumare. Fino ad oggi l’unico limite è il buonsenso.

[adsense]

Qualcosa però pare muoversi: il pubblico ministero Raffaele Guariniello , sta portando avanti un’inchiesta sull’effettiva  pericolosità dell’e- fumo.

Il P.M ha formulato la sua proposta al Ministero della salute: dal momento che nell’articolo 51 della legge 3 del 2003 non si parla specificatamente di fumo da tabacco, questo divieto dovrebbe essere esteso a tutte le sostanze potenzialmente dannose.

Intanto Trenitalia, Alitalia e Ntv si adeguano alla linea propugnata dall’Oms: niente sigarette elettroniche sugli aerei, sui treni e neppure negli scali e nelle stazioni.

Le sorti di questo business che , come rivela spiega Massimiliano Mancini, il presidente della neonata Anafe (Associazione Nazionale Fumo Elettronico),  vale più 160 milioni di euro, verrà deciso dalle autorità sanitarie.

In ballo ci sono notevoli interessi economici, e si sa che in questi casi , arrivare alla verità è molto difficile. Non ci resta che confidare nel buonsenso e nel rispetto dei più.

Google+
© Riproduzione Riservata