• Google+
  • Commenta
7 novembre 2013

La sigaretta elettronica fa male ed è cancerogena?

La sigaretta elettronica
La sigaretta elettronica

La sigaretta elettronica

Negli ultimi anni non è stato possibile non notare un vero e proprio boom per quanto riguarda la sigaretta elettronica e, per un certo periodo, il mercato è sembrato addirittura non saturarsi nonostante le numerose nascite di nuovi marchi e negozi.

E-Cigaret gli iniziali aspetti positivi.

Numerosi sono stati infatti i fumatori interessati a questo nuovo modo di fumare senza tabacco, alcuni spinti sicuramente dalla preoccupazione per la propria salute, altri ancora hanno guardato al risparmio: alcuni marchi ad esempio promettevano una spesa inferiore fino al 70%. Inoltre la sigaretta elettronica inizialmente poteva essere fumata ovunque; era sicuramente una comodità ad esempio poter fumare in treno senza dover aspettare la fermata, o sull’aereo senza dover prima giungere a destinazione.

E-Cigaret: gli effetti sulla salute. Si è a lungo discusso sui suoi effetti fra i consumatori e non. Cercando poi di farsi un’idea su una possibile risposta non si può non essere quantomeno confusi dalle molte argomentazioni pro sigaretta elettronica e dalle altrettante contro. Un caos questo che sicuramente ha contribuito ad arrestare il “periodo d’oro” della sigaretta elettronica solo quattro anni dopo la sua uscita, molti negozi infatti rischiano di chiudere. Dopo l’allarme di giugno per l’aver trovato dei metalli pesanti nei liquidi della sigaretta elettronica.

I commercianti chiudono per notizie non veritiere. A fare chiarezza sull’argomento è il servizio delle Iene che hanno fatto analizzare 50 campioni. Il risultato rassicura l’utenza, in quanto il problema si è sì presentato nell’esame di 6 di questi, ma si trattava degli stessi 6 non provvisti di certificazione e dell’elenco degli ingredienti.

Il dottor Domenico Di Candia della sezione tossicologia forense dell’Università degli studi di Milano ha inoltre spiegato che nei liquidi delle sigarette elettroniche ci sono metalli pesanti in una concentrazione talmente bassa da essere sostanzialmente innocui per la salute e, anche per quei liquidi che contengono nicotina, gli effetti sull’organismo non sono neanche paragonabili a quelli della sigaretta normale.

La sigaretta elettronica fa male? Il punto del prof Umberto Veronesi e la ricerca

A prendere le difese della sigaretta elettronica è lo stesso Umberto Veronesi, il quale sostiene che questo modo di fumare “tabacco free” non è cancerogeno proprio per la non presenza della combustione fra tabacco e carta; Inoltre, Veronesi continua, con la sigaretta elettronica si potrebbero salvare 30mila persone l’anno in Italia e 500milioni nel mondo. Proprio per queste motivazioni il famoso oncologo critica la scelta del governo di una tassazione del 58% sulle e-cig, operazione che, sostiene, ha finito per boicottarle, incrementando nuovamente il fumo tradizionale.

Stando alle ultime ricerche dunque si può pensare di poter consigliare nuovamente le e-cig al posto delle sigarette normali ricordandosi solamente di acquistare i liquidi con certificazione e che, quindi, rispettano la normativa.

Emanuela Conficconi

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy