• Google+
  • Commenta
27 febbraio 2013

Rischio idrogeologico – Studio sul rischio idrogeologico al Bo

Studio sul rischio idrogeologico al Bo
Studio sul rischio idrogeologico al Bo

Studio sul rischio idrogeologico al Bo

Studio sul rischio idrogeologico al Bo

LIDAR, DEM, SAR, GIS: sono gli acronimi dietro cui si sta sviluppando una nuova scienza, la geomatica, un ibrido di conoscenze scientifiche che applica l’informatica allo studio del territorio e dell’ambiente.

Così il LIDAR, Light Detection and Ranging, è una tecnica di telerilevamento che permette di determinare la distanza di un oggetto o di una superficie utilizzando un impulso laser, mentre il DEM, Digital Elevation Model, è un modello digitale di elevazione che può disegnare le quote di un territorio in formato digitale, o il SAR è un radar ad apertura sintetica installato su un satellite, infine il GIS, Geographic information system, è un sistema adatto per catturare, immagazzinare, manipolare, analizzare, gestire e rappresentare tutti i tipi di dati geografici.

Da domani, mercoledì 27, a giovedì 28 febbraio i massimi esperti internazionali saranno presenti al meeting sul Rischio idrogeologico “The Role of Geomatics in Hydrogeological Risk” organizzato dal CIRGEO, Centro Interdipartimentale di Ricerca di Geomatica dell’Università di Padova.

Mercoledì 27 febbraio dalle ore 9.00 in Archivio Antico di Palazzo Bo, via VIII febbraio 2 a Padova, dopo i saluti di Antonio Vettore, organizzatore scientifico del convegno, e Giancarlo Dalla Fontana, Direttore del Dipartimento TESAF – Territorio e Sistemi Agro-Forestali dell’Università di Padova, prenderà la parola Johannes Hubl, Direttore dell’Institute of Mountain Risk Engineering di Vienna, sulle ultime scoperte in materia di rischio idrogeologico. Successivamente verranno approfonditi particolari aspetti di rischio e monitoraggio di aree come quella del fiume Piave, del Conero, della laguna di Venezia, dei confini con la Francia, e della situazione in Bangladesh, paese localizzato sul delta di Gange e Brahmaputra, e dell’India.

Google+
© Riproduzione Riservata