• Google+
  • Commenta
14 marzo 2013

Rapporto Almalaurea Unipmn – XV Rapporto Almalaurea I laureati dell’Università del Piemonte Orientale

Università degli studi del Piemonte Orientale – Almalaurea: Il 59% dei laureati triennali e il 65% dei magistrali UPO lavora già a un anno dalla laurea

Il XV Rapporto sulla condizione occupazionale dei laureati italiani ha coinvolto oltre 400.000 laureati di 64 università aderenti al Consorzio.

AlmaLaurea conferma: chi studia al Piemonte Orientale trova lavoro prima

Presentato a Ca’ Foscari il XV Rapporto sulla condizione occupazionale dei laureati

L’indagine del Rapporto Almalaurea presentata, martedì 12 marzo, presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia, in occasione del convegno “Investire nei giovani: se non ora quando?” – ha coinvolto oltre 400.000 laureati di 64 università aderenti al Consorzio; per l’Università del Piemonte Orientale ha riguardato 1.068 laureati di primo livello e 289 laureati magistrali del 2011 – cioè l’85-87% del totale –, intervistati a un anno dal conseguimento del titolo.

Per quanto riguarda i neolaureati triennali dell’“Avogadro” secondo il rapporto almalaurea, il tasso di occupazione è pari al 59%, un valore significativamente superiore alla media nazionale, che si assesta al 44%. Il lavoro stabile coinvolge, a un anno dalla laurea, il 39% dei laureati di primo livello (la media nazionale è il 34%); gli occupati che non hanno un lavoro stabile rappresentano il 61%, prevalentemente con contratto a tempo determinato.

Il guadagno è in media di 1.210 Euro mensili netti a fronte di una media nazionale è di 1.040 Euro. L’analisi tiene che si tratta di giovani che in larga parte continuano gli studi, rimandano cioè al post-laurea magistrale il vero ingresso nel mondo del lavoro.

Per quanto riguarda i laureati magistrali, a un anno dal conseguimento del titolo, risulta occupato il 65% dei laureati, un valore superiore alla media nazionale del 59%. Il 18% dei laureati continua la formazione (a livello nazionale è il 13%), mentre chi cerca lavoro è il 17% dei laureati, contro il 29% del totale.

A un anno dalla laurea, il lavoro è stabile per il 39% dei laureati occupati, un dato superiore alla media nazionale (il 34%); superiore alla media è anche il guadagno netto mensile: 1.134 Euro rispetto ai 1.059 Euro del dato nazionale.

Google+
© Riproduzione Riservata