• Google+
  • Commenta
8 maggio 2013

G student’s best voice. Federica vincitrice G student’s best voice svela i segreti del suo successo

“Per chi ama cantare e per chi ha voglia di fare esperienza il concorso è il posto giusto.Cantate una canzone che vi fa vibrare l’anima oltre che le corde vocali”

Dopo lo strepitoso successo del I concorso canoro G student’s best voice dell’Istituto ITIS Giovanni XXIII, la vincitrice, Federica Cassese, si racconta.

Federica svela i segreti del suo successo alla competizione musicale G student’s best voice

Federica cosa ha rappresentato per te la vincita del concorso canoro G student’s best voice?

[adsense]

Inizialmente non credevo che il concorso canoro mi avesse dato questa “visibilità”. Ho iniziato più per gioco,anche perché sono del parere che cantare è una cosa che fa divertire proprio come i giochi. Poi entrando nel vivo ho percepito l’armonia ,la voglia di cantare e farsi sentire da parte di tutti i partecipanti. E’ stato bellissimo. Mi sentono cantare nella mia scuola ormai da cinque anni, come potevo non partecipare??? Grazie al Prof. Danilo Bughetti tutto questo è stato possibile. La vincita per me ha rappresentato una piccola-grande soddisfazione che dopo anni di studio è arrivata e soprattutto sono riuscita finalmente a trasmettere la mia voglia di fare musica e vivere di musica. Sono felice perché ho la possibilità avendo vinto di partecipare ad altri due concorsi che credo siano l’esperienza più bella per un cantante alle prime armi.

Ti piacerebbe che questa passione per il canto un giorno diventasse il tuo lavoro?

Penso che non sia facile capire noi stessi ma forse guardandomi qualcosa di me ho intuito. Non sono sicura e convinta al massimo della mia voce, studio da tanto tempo e studierò per tutta la vita perché non si finisce mai di imparare.Proprio per questo spesso ho paura di essere ascoltata e non arrivare ( la paura più grande per un cantante). Qui entra in gioco il mio silenzio, le mie dita tra i capelli ed i miei occhi nel vuoto come quando ho sentito la sua domanda. Il mio sguardo nel vuoto è di chi non capisce e non è ancora ben sicura se il proprio futuro le può dare quello che lei vuole. Ed ecco che sono qui che mi rispondo: ho 19 anni quasi e sono cresciuta con una sola certezza la MUSICA e con un solo grande sogno VIVERE DI MUSICA. Dentro di me la mia anima e il cuore suonano!!! Non importa se c’è chi dice che non arrivo perché alla fine le mie pulsazioni le sento forti, forti da stare male. Quando canto anche se il battito sale e non è regolare io sono felice… la mia voce, il mio soffrire, il mio gioire è quello che voglio fare.Voglio fare sforzi affinché i miei grandi occhi non guardino nel vuoto ma fissino un pensiero vero e concreto:VIVERE DI MUSICA!

Chi senti di voler ringraziare per questo successo ottenuto al concorso G student’s best voice?

Non credo si possa parlare di successo,sono molto sincera.Posso dirle semplicemente che è un bell’inizio e la prima persona che vorrei ringraziare è la mia insegnante che da un po’ di anni mi ha tirato fuori una voce che nemmeno io sapevo di avere. E’ stata la mia musa ispiratrice ed è principalmente grazie a lei che sto diventando piano piano una cantante. Il prof Danilo Bughetti è stato fantastico, ha creduto in tutti noi partecipanti e ringrazio di averlo conosciuto perché oltre ad essere una brava persona io lo stimo come musicista. Tutto è nato da lui come potrei non ringraziarlo? Poi ringrazio con tutto il mio cuore i miei amici che non hanno mai smesso di credere in me anzi mi sono vicini sempre perché non avendo molto autostima spesso mi demoralizzo.Grazie a loro quando salgo sul palco la mia fragilità diventa forza e energia.

Quali cantanti preferisci e soprattutto a chi ti senti più vicina e/o ti sei ispirata?

Parto dal fatto che io ascolto tanta ma tanta musica,tutti i generi ma nel mio cuore predilige il blues. Sono cresciuta a ritmo di blues grazie a mio padre che mi ha trasmesso la passione per la musica. Ascolto anche rock, jazz, country e la musica classica. La mia cantante preferita è in assoluto Janis Joplin. Era una cantante statunitense che divenne nota verso la fine degli anni sessanta,la più grande per me voce “blues” della storia del rock. Amo incondizionatamente una sua canzone che poi è quella che ho cantato al concorso canoro: “Piece of my heart”. Janis Joplin è la mia più grande ispirazione ma non ce ne saranno più come lei e tanto meno sarò io. Potrei citare tutti i cantanti che quotidianamente ascolto ma la lista sarebbe veramente troppo lunga!!

Sicuramente dati gli importanti consensi registrati dal concorso G student’s best voice, ci sarà una nuova probabile nuova edizione l’anno prossimo. Perché consiglieresti a tanti giovani studenti come te di partecipare a G student’s best voice?

Spero veramente in un seguito del concorso e se così sarà ISCRIVETEVI! Per chi ama cantare e per chi ha voglia di fare esperienza il concorso è il posto giusto.Cantate una canzone che vi fa vibrare l’anima oltre che le corde vocali. Non vergognatevi, vincete qualsiasi tipo di paura vi si presenti anche perché una volta saliti sul palco non si ha più voglia di scendere! Fate tesoro di qualsiasi occasione vi si presenti davanti agli occhi, mai rinunciare alla musica. In bocca al lupo per i prossimi.

 Pasqualina Scalea

Google+
© Riproduzione Riservata