• Google+
  • Commenta
8 giugno 2013

Divieto della sigaretta elettronica nelle scuole

La sigaretta elettronica
Divieto della sigaretta elettronica nelle scuole

Divieto della sigaretta elettronica nelle scuole

Divieto della sigaretta elettronica nelle scuole. Questo il dictat del Consiglio superiore della sanità che in questi giorni si è espresso in materia di e-cig.

Un divieto della sigaretta elettronica derivato dall’uso che i giovani stanno facendo di questa nuova “moda” in quanto il loro costo è accessibile anche ai più giovani.

Insomma, una moda della sigaretta elettronica che punta molto sul risparmio. Giusto per fare due calcoli: il costo di un modello base della sigaretta elettronica varia tra i 30-40 euro a cui deve essere aggiunta una tantum di 10 euro per acquistare le ricariche, anche qui è da precisare che il prezzo varia in base alle ricariche che acquistiamo, fragranze, contenuto di nicotina, ecc.

Costi che non intaccano minimamente sui portafogli dei giovani fumatori in quanto è come dover sostenere una ricarica al cellulare molto più convenienti dei circa 5 euro giornalieri che si andrebbero a spendere per l’acquisto di un pacchetto di sigarette tradizionali.

Divieto della sigaretta elettronica nelle scuole secondo il regolamento del Css

Ovviamente il Css si è espresso a 360° su questo tema ancora scottante e se per il momento ha deciso di non approvare il divieto nei locali pubblici della sigaretta elettronica ha indicato misure di regolamentazione che interessano l’uso sconsigliato alle donne in gravidanza o in allattamento, il divieto di vendita di sigarette elettroniche con presenza di nicotina ai ragazzi minori di 18 anni e la vendita di ricariche con chiusura di sicurezza a prova di bambino oltre al rapporto sigaretta elettronica pubblicità al fine di evitare la costruzione di pubblicità ingannevoli che inducono il consumatore al tabagismo suggerendo alcune indicazioni da inserire nelle etichette.

Nel frattempo il Consiglio ha lasciato aperto il tavolo di concertazione pronto a riaprire in qualsiasi momento la discussione in materia di sigaretta elettronica.

Dora Della Sala

Google+
© Riproduzione Riservata