• Google+
  • Commenta
17 agosto 2013

Regole per diventare insegnanti: come si diventa professore o maestro

Regole per diventare insegnanti
Regole per diventare insegnanti

Regole per diventare insegnanti

Ecco le regole per diventare insegnanti secondo la legge e il Miur. Intervista al Dott. Galletti, Sottosegretario al Ministero dell’Istruzione che ci spiega come diventare professore. 

Educare e formare le giovani leve, insegnare la letteratura e la matematica, è una missione sociale tutt’altro che banale.

L’insegnamento, infatti, è il mezzo, lo strumento attraverso il quale i giovani vengono educati alla società. Il ragionamento, la capacità di riflettere e di arguire la realtà, invece, simboleggia il fine.

Insegnare, dunque secondo le regole per diventare insegnanti, è senza ombra di dubbio un’attività dotata di un’importanza sociale del tutto sintomatica. Le regole per diventare insegnanti prevedono un percorso intricato e ricoperto da molteplici cavilli burocratici.

Si tratta di un percorso tanto “diabolico” quanto agognato. Un travaglio, un tragitto ad ostacoli, in grado di annichilire brama e passione degli aspiranti educatori. Al di là del bene e del male, dei cavilli burocratici e della selezione naturale, negli ultimi tempi sembra che la strada sia divenuta meno tortuosa. Tant’è che dalle procedure rigorose e selettive della Riforma Gelmini (240 del 2010) si è passati alla circolare del Ministro Profumo. Alle sue soffici regole per diventare insegnanti.

Dal 2008 al 2012, con l’elisione delle ormai logore Ssis e con la creazione di norme profondamente severe, l’insegnamento italiano ha vissuto il suo periodo peggiore. In questi quattro anni, infatti, non vi è stata ombra di un corso abilitativo per diventare insegnanti.

La strada per diventare insegnanti era in pratica del tutto bloccata. Gli aspiranti docenti, esausti e desiderosi di lavoro, non avevano idea di quale fosse il proprio destino.  Poi la situazione è cambiata. Il Governo dei “tecnici” ha mutato l’assetto normativo, garantendo la reintroduzione degli agognati corsi formativi. Passaggio cruciale per diventare insegnanti. Così, grazie all’introduzione del Tirocinio Formativo Attivo (Tfa), gli aspiranti educatori hanno potuto tirare un sospiro di sollievo.

Le regole per diventare insegnanti: requisiti fondamentali da seguire secondo il Miur

  • conseguimento titolo accesso all’insegnamento;
  • conseguimento dell’abilitazione all’insegnamento;
  • superamento delle prove concorsuali.

Il Titolo di studio per diventare insegnanti oggi varia a seconda del tipo di scuola. Per la scuola dell’infanzia e primaria, i titoli di accesso all’insegnamento sono:

  • Laurea in Scienze della Formazione
  • Diploma Magistrale conseguito entro l’anno scolastico 2001/2002.

Per la scuola secondaria di primo e secondo grado, invece, è necessaria una Laurea con specifico piano di studi.

Il Tfa simboleggia il nuovo percorso finalizzato alla formazione del personale docente ed all’accesso all’insegnamento nelle scuole di primo e secondo ciclo.

Dal 2 agosto 2013 è possibile iscriversi online ai Percorsi Abilitanti Speciali per il conseguimento dell’abilitazione all’insegnamento presso scuole secondarie, primarie e dell’infanzia.

Gli interessati possono inoltrare le proprie domande di iscrizione ai Pas collegandosi al sito del Miur. Il Percorso Speciale Abilitante ha quale obiettivo nevralgico la preparazione dei docenti non abilitati. Inoltre l’accesso alla seconda fascia delle graduatorie.

Il concorso è un altra delle regole per diventare insegnanti e rappresenta l’ultima tappa. Una tappa dedicata a coloro i quali abbiano conseguito il  titolo e l’abilitazione all’insegnamento.

L’iscrizione in graduatorie per diventare insegnanti di seconda e terza fascia, invece, concede agli aspiranti educatori in possesso di titoli di accesso e di abilitazione all’insegnamento, la possibilità di essere chiamati per incarichi di supplenza.

L’immissione in ruolo, infine, è la conseguenza logicamente prevedibile della vittoria del concorso pubblico bandito dal Miur per determinate classi.

Le regole per diventare insegnanti secondo Gianluca Galletti del Miur

Ecco come diventare insegnanti secondo Gianluca Galletti, Sottosegretario Miur.

Galletti ha ricoperto per circa venti anni il ruolo di Consigliere Comunale al Comune di Bologna, E’ stato Deputato alla Camera.

Dal 2 maggio scorso ricopre l’incarico di Sottosegretario di Stato al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (Miur). Sottosegretario Galletti, potrebbe parlarci delle Sue principali attività?

“Ho ricevuto dal Ministro Carrozza deleghe importanti. Dall’edilizia scolastica agli indirizzi per lo sviluppo e il supporto delle azioni di innovazione digitale. Alle strategie nazionali in materia di rapporti delle scuole e delle università con lo sport. Alla contabilità economico-patrimoniale delle università, alla ricerca industriale. Senza dimenticare l’Alta formazione artistica, musicale e coreutica. Non ultima la promozione della cultura scientifica. E’ su questi temi che si è concentrata l’attività dei miei primi mesi da Sottosegretario.

Il nuovo sistema normativo e sistema scolastico italiano? 

 

 

“I Sistemi dell’istruzione, dell’università e della ricerca non possono vivere nell’incertezza dei tagli. Quel che occorre è un orizzonte di lungo periodo per riuscire a sviluppare un sistema in linea con le strategie che il Paese intende proseguire. Ed è proprio verso questo obiettivo che si è mosso in questi mesi di governo il Miur. La strada giusta, come sottolineato più volte dal Ministro Carrozza, è quella di una maggiore trasparenza delle regole e dei criteri di valutazione. Più  merito come principio di distribuzione delle risorse, di una maggiore chiarezza nella gestione.

Il nuovo Sistema normativo per diventare insegnanti è caratterizzato da alcune emblematiche novità. Il tirocinio obbligatorio da affiancare allo studio teorico. Abilitazione immediata dei laureati. Lauree specifiche relative alle singole classi di abilitazione ed abolizione delle Ssis.

  • Come diventare insegnanti ovvero maestro d’asilo e di scuola primaria. Per diventare educatori nella scuola dell’infanzia e maestri di scuola elementare è necessaria una laurea quinquennale a numero programmato.
  • Come diventare insegnanti ovvero professore di scuola media e di scuola superiore. Per insegnare nella scuola secondaria di primo e secondo grado è necessaria la laurea magistrale ad hoc. Inoltre Un anno di tirocinio formativo attivo, caratterizzato da ben 475 ore, 75 delle quali dedicate alla disabilità.
  • Come diventare insegnanti ovvero professore di università. Per insegnare all’Università sono necessari due requisiti essenziali: diploma di laurea e dottorato di ricerca.
Google+
© Riproduzione Riservata