• Google+
  • Commenta
4 Maggio 2019

TFA sostegno 2019: dove si ripetono le prove annullate e quando

TFA sostegno 2019
TFA sostegno 2019

TFA sostegno 2019

Ultime news sulle prove preselettive TFA sostegno 2019: dalle irregolarità notate in tutta Italia alla nuova data per ripetere il test dopo annullamento delle commissioni.

Il 15 ed il 16 Aprile in tutta Italia si sono svolte le prove preselettive per accedere al percorso TFA: tirocinio formativo attivo.

Non tutto però è andato secondo i piani. Su tutto il territorio infatti si registrano vai casi di errori tecnici che hanno comportato l’annullamento delle prove preselettive del concorso per insegnare sostegno. Le imprecisioni hanno portato all’annullamento delle prove pre selettive del Tirocinio Formativo Attivo, effettuate in alcune Università.

Molti i disagi per i concorrenti partecipanti. Dopo aver sostenuto le prove, tra mille difficoltà, hanno poi saputo del loro annullamento. Di conseguenza il Miur ha fissato una nuova data.

Ciò è stato fatto per poter permettere agli atenei nei quali la prova è stata annullata  di poterla ripetere. Oltre a conoscere qual’è la nuova data del test TFA sostegno, fissata per il giorno 6 Maggio 2019.

Nuova data TFA sostegno 2019: il 6 Maggio si ripetono i test preselettivi: ecco dove

A causa del caos delle ultime settimane dovuto alla pessima gestione dei test preselettivi molti atenei hanno dovuto annullare le prove. Dopo tanto è stato finalmente stilato un elenco delle regioni in cui sarà necessario ripetere l’esperienza:

  • Basilicata: A Potenza un errore riguardo l’ordine dei plichi ha portato all’annullamento degli esami scritti. Difatti il problema che ha portato all’interruzione riguarda lo scambio di alcuni testi. In venticinque casi le prove della secondaria di secondo grado (quindi superiori) hanno sostituito sui banchi quelle della secondaria di primo grado (medie).
  • Calabria: dopo quaranta minuti dall’inizio la prova  è stata annullata per presunti “problemi tecnici“. Questi problemi riguardano i fogli contenenti i questionari. All’Università di Rende infatti i test sono arrivati incompleti. Alcune delle domande previste non erano stampate in modo corretto. In alcune copie erano totalmente assenti.
  • Puglia: anche all’università di Bari gravi disagi di tipo pratico. Così come in Calabria, anche in Puglia i quesiti non erano completi. Delle sessanta domande previste ne raffiguravano soltanto venti sulle prove.

La colpa principalmente ricade quindi sull’organizzazione e la somministrazione delle prove. In queste università sarà necessario ripetere il test per il TFA sostegno. La data prescelta è  il 6 Maggio, ore 11. Ci informa così il Miur tramite un decreto ministeriale. Eventuali informazioni specifiche per ciascun ateneo saranno pubblicate sui rispettivi portali online.

Perché annullate le prove preselettive Tirocinio Formativo Attivo

I disagi che hanno portato al conseguente annullamento delle prove sono tanti. In alcuni atenei si registra la presenza di cellulari posati sui banchi di prova. In altri materiale poggiato in bella vista. Ed ancora si segnalano collaborazioni tra candidati. A Reggio Calabria si parla di una grave mancanza di equità nel trattamento degli aspiranti insegnanti di sostegno.

Il trattamento quindi per i partecipanti non è stato dei migliori. Gli iscritti alle prove non hanno perso tempo a far sentire le proprie lamentele. E si sono scontrati con le commissioni di esame. Queste ultime hanno però, in seguito, chiamato in gioco le società che avevano preso in carico il trasporto delle prove. Secondo il rettore dell’università della Calabria infatti le università hanno solo prestato la sede per lo svolgimento delle prove. Sarebbero state quindi le società esterne a gestire il tutto. L’ateneo di Bari aveva affidato la procedura al consorzio interuniversitario Cineca. Invece quelli di Cosenza e Foggia si erano affidati a una società privata esterna.

Varie testimonianze provenienti da tutta Italia aiutano a comprendere la situazione delle diverse aule dove si sono svolti i test TFA sostegno 2019. Oltre alle collaborazioni interne segnalano anche collaborazioni esterne. Un ragazzo testimonia di aver chiaramente sentito una ragazza leggere ad alta voce le domande della prova. Il motivo? La ragazza era in possesso di auricolare in comunicazione diretta con l’esterno.

Questa non è che l’ennesima dimostrazione di come l’organizzazione nel sistema scolastico italiano abbia bisogno di una ventata di aria fresca. Un rinnovamento che si spera possa arrivare con i nuovi insegnanti che, superato questo ostacolo preliminare, potranno così inserirsi nel mondo della scuola.

Google+
© Riproduzione Riservata