• Google+
  • Commenta
30 settembre 2013

Violenza contro le donne. Uniud combatte la violenza contro le donne: premio di laurea Silvia Gobbato

Università degli Studi di UDINE – L’ateneo istituisce il premio di laurea Silvia Gobbato. Cultura per combattere la violenza contro le donne

In ricordo della giovane laureata dell’Ateneo friulano un riconoscimento di 3000 euro per la migliore tesi in discipline giuridiche sul fenomeno della violenza di genere e violenza contro le donne

L’Università di Udine ha istituito un premio di laurea in memoria di Silvia Gobbato, assassinata lo scorso 17 settembre, per promuovere ‘studi di genere’, con particolare riguardo ai temi relativi alla violenza contro le donne. Il premio, del valore di tremila euro, è riservato a studentesse e studenti dell’Ateneo friulano che concluderanno gli studi di area giuridica nel prossimo anno accademico (2013-2014), approfondendo il tema della violenza di genere.

Bando del premio e ulteriori informazioni saranno disponibili sul sito dell’Ateneo. L’iniziativa combattere la violenza contro le donne è promossa dal Comitato unico di garanzia dall’Università. Il decreto che istituisce il premio è l’ultimo atto ufficiale firmato dal rettore, Cristiana Compagno, che oggi 30 settembre termina il suo mandato.

Silvia Gobbato si laureò brillantemente (110 e lode) in Giurisprudenza, nel 2009, presso facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Udine e, nel 2006, frequentò una delle prime edizioni del corso ‘Donne, Politica e Isituzioni’ attivato dall’Ateneo.

«Questo premio di laurea per i futuri laureati di area giuridica – spiega il rettore Cristiana Compagno – intende promuovere una cultura dell’eguaglianza di genere ed è un’iniziativa basata sulla convinzione che propria la cultura possa essere una forma di prevenzione e di protezione contro le discriminazioni e le violenze nei confronti delle donne. Da qui l’idea di dedicare il premio alla memoria di Silvia Gobbato».

«Le statistiche – ricorda la delegata dell’ateneo alle pari opportunità, Marina Brollo, docente di diritto del lavoro – segnalano che le donne e le ragazze sono maggiormente esposte al rischio di subire violenze di genere. Da qui l’esigenza di diffondere, con azioni positive, come questo premio di laurea, il valore dell’eguaglianza e di farlo coinvolgendo sia ragazze sia ragazzi nello studio delle pari opportunità».

La Commissione giudicatrice del premio “combattere la violenza contro le donne” è composta dall’avvocato Maria Biancareddu, rappresentante individuata dalla famiglia Gobbato, e dai professori Ludovico Mazzarolli, già relatore della tesi di laurea di Silvia Gobbato, e Marina Brollo, direttore del dipartimento di Scienze giuridiche. Membri supplenti i docenti dell’Ateneo friulano Valeria Filì, ordinario di Diritto del lavoro e Mario Nussi, ordinario di Diritto tributario.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy