• Google+
  • Commenta
27 ottobre 2013

Bug sul social network Facebook: bacheche bloccate

Problemi e bug sul social network Facebook
Problemi e bug sul social network Facebook

Problemi e bug sul social network Facebook

Nelle ultime sono stati riscontarti problemi e bug sul social network Facebook: ecco di cosa si tratta.

Secondo quanto riportato dall’ Agenzia TMNews, in un breve comunicato email pubblicato dal Wall Street Journal in data 21 ottobre, il portavoce del gruppo ha dichiarato:

“Mentre venivano condotte operazioni di manutenzione, abbiamo riscontrato un problema che ha impedito ad alcuni utenti di postare sulla propria pagina per un ristretto arco di tempo” .

Scusandosi per il black out di cui è stato vittima facebook che ha gettato migliaia di utenti nel panico ed ha impedito loro di aggiornare il proprio stato, di postare fotografie e di caricare e pubblicare links sulle proprie bacheche.

Inoltre  il portavoce del gruppo californiano, riferendosi sempre al black out avvenuto su Facebook, ha aggiunto “Abbiamo risolto la questione rapidamente, siamo di nuovo funzionanti al 100% e siamo spiacenti per qualsiasi eventuale problema causato”.

Facebook può essere definito come una “macchina perfetta”  contenente informazioni opportune ed un mezzo per rilevare somiglianze, analogie e rapporti di qualsiasi genere tra elementi e persone apparentemente estranei. Non desta dunque meraviglia l’ammirazione fanatica che è in grado di suscitare in tanti utenti, ammirazione non disgiunta da un timore reverenziale per la sua potenza.

Problemi e bug sul social network Facebook: non può essere considerato onnipotente

Facebook non può essere considerato onnipotente e ciò è stato dimostrato dai problemi tecnici che ha riscontrato nei giorni scorsi. I suoi limiti costituiscono i limiti stessi dell’uomo, e le informazioni e le funzioni di cui dispone  sono quelle che l’individuo stesso gli ha attribuito, così come le sue capacità di ordinare schemi determinati sono gli stessi che il soggetto gli ha imposto nel progettarlo.

Facebook offre agli utenti la possibilità di far circolare le informazioni il più velocemente possibile agevolando enormemente la diffusione di notizie attraverso il sistema della condivisione.

Ed ecco che rappresenta una rivoluzione nel modo di produrre e di comunicare degli uomini, nel loro stesso modo di essere e di pensare, che per la vastità dei suoi effetti non ha equivalenti nel passato e quanto più potenti ed importanti sono le innovazioni tecnologiche introdotte tanto più ampi e drammatici saranno gli effetti.

D’altra parte l’innovazione tecnologica, nonostante la sua velocità, risulta sempre in ritardo nei confronti delle esigenze dei singoli e ciò dimostra che le nuove tecnologie, tra cui facebook, non potranno mai liberare l’individuo dalla sua finitezza perché se l’uomo non fosse finito non avrebbe bisogno delle nuove tecnologie e né sarebbe sopraffatto da quella che è definita come “ansia da risultato” causata dagli stessi risultati ottenuti considerati sempre troppo pochi rispetto a quelli che si desidererebbe perseguire.

FB governa e coinvolge emotivamente anche nel caos

Facebook, con i suoi problemi tecnici, ha dimostrato ancora una volta quanto siamo dipendenti dalla tecnologia e dai social networks.

Travolti da ira, ansia e panico…il nostro nervosismo è salito in maniera esponenziale durante quelle ore in cui abbiamo perso  quell’ indispensabile contatto con il mondo virtuale che ci spinge a trascorrere ore ed ore davanti al pc con gli occhi incollati allo schermo fino a perdere completamente il controllo della nostra mente. Rapiti dalla Rete che risucchia tutte le nostre energie mentali e fisiche e ci condanna a navigare ininterrottamente nel mare di Internet e dei social networks a tal punto da pensare che il mondo reale sia solo il posto in cui si soddisfanno i bisogni fisiologici, ma che la vita vera si svolga nell’ universo virtuale.

Ed ecco che facebook, custode del nostro tempo, è riuscito a rapirci fino a renderci suoi prigionieri alimentando in noi fantasie sempre più nascoste. 

Google+
© Riproduzione Riservata