• Google+
  • Commenta
10 ottobre 2013

Sciopero Studenti. Domani, venerdì 11 ottobre Sciopero Rete degli Studenti Medi

Domani, venerdì 11 ottobre, la Rete degli Studenti Medi scenderà in piazza in tutte le città delle Marche e d’Italia per uni sciopero e protesta.

Domani, venerdì 11 ottobre Sciopero Rete degli Studenti Medi

Anche ad Ancona gli studenti scenderanno in piazza in di fronte all’assessorato comunale alla cultura alle ore 9.00, per lanciare un segnale chiaro e forte alle istituzioni, con un sit in dimostrativo e un’assemblea pubblica che servirà a sviluppare il dibattito e a dare voce alle istanze degli studenti, da sempre per nulla considerate.

“Manifesteremo con uno sciopero portando avanti le rivendicazioni nazionali di cui siamo portavoci già da anni e che ci hanno visti protagonisti della grande manifestazione regionale dello scorso 11 dicembre 2012, in cui siamo riusciti ad ottenere 5 milioni di euro per l’edilizia scolastica nella nostra regione.”  Dichiara il coordinatore regionale della Rete degli Studenti Medi Marche, Claudio Concas – “Non ci siamo accontentati: non siamo stanchi di ripetere qual è la Scuola Pubblica che vogliamo e la manifestazione di venerdì è solo un punto di partenza per quello che sarà il nostro percorso di tutto l’anno.”– continua – “Scendiamo in piazza in sciopero per un sistema di diritti degli studenti che sia migliore di quello attuale,  che garantisca alla cittadinanza studentesca di poter vivere in una città ed, in generale, in un Paese che metta al centro la cultura, l’istruzione e la formazione dei cittadini più giovani.” “Scenderemo in piazza anche perché nella città di Ancona gli studenti soffrono sempre più i costi gravosi per i trasporti, che offrono un servizio a dir poco scadente; per le ore di laboratorio diminuite del 60% negli istituti tecnici, professionali ed artistici e per la mancanza di materiale fondamentale che la scuola dovrebbe garantire agli studenti.” – Fa sapere il coordinatore regionale della Rete degli Studenti Medi Marche, Claudio Concas –

Siamo pronti ad un altro autunno di manifestazioni e battaglie, perché quello che abbiamo ottenuto l’anno scorso è solo un punto di partenza. Quest’11 ottobre, data di mobilitazione nazionale da tempo convocata dalla Rete degli Studenti Medi, saremo al fianco di tutti gli studenti anconetani che manifesteranno per i loro diritti.

Ecco i punti dello sciopero nelle dichiarazioni degli studenti:

  • Manifesteremo con uno sciopero per un sistema di diritti per gli studenti di gran lunga migliore di quello attuale.
  • Manifesteremo con uno sciopero per una città che sia a misura di studente e che ci offra la possibilità di essere protagonisti.
  • Manifesteremo con uno sciopero perché crediamo in una scuola migliore, perché i 400 milioni stanziati dal governo Letta ci sembrano una presa in giro rispetto agli 11 miliardi tagliati alla scuola nel corso degli ultimi 5 anni.
  • Manifesteremo con uno sciopero perché non possiamo accettare che nel nostro Paese si preferisca spendere 17 miliardi per comprare 131 caccia bombardieri quando servirebbero 20 miliardi di euro per rendere le scuole sicure. Non possiamo aspettare che i tetti ci cadano in testa!
  • Manifesteremo con uno sciopero per un sistema di trasporti che assicuri a tutti gli studenti di arrivare a scuola ed arrivarci in orario: 390 euro per un abbonamento extraurbano sono un’esagerazione e una famiglia molto numerosa è costretta a pagare quasi mille euro all’anno per permettere ai figli di poter studiare e formarsi. Inoltre il servizio, nella nostra provincia, soprattutto se confrontato col costo elevatissimo, non è assolutamente all’altezza. Abbiamo diritto a trasporti che ci garantiscano un ambiente sano, pulito, che ci garantiscano un posto e non di stare stipati come in un carro bestiame, ma soprattutto abbiamo diritto ad arrivare in tempo a scuola, senza essere costretti ad aspettare alle fermate anche in mesi freddi come quelli invernali.
  • Manifesteremo con uno sciopero per il caro libri, perché non accettiamo che i testi cambino di anno in anno, facendoci spendere ogni inizio di anno scolastico fra i 200 e i 300 euro. La scuola pubblica deve essere accessibile a tutti, non solo a chi può permetterselo.
  • Manifesteremo con uno scipero per le ore di laboratorio negli Istituti tecnici e artistici, per i licei artistici e le scuole professionali. Ogni anno si fanno sempre meno ore di attività pratiche, quando queste dovrebbero essere ciò che caratterizza queste scuole. Le famiglie non possono accollarsi l’onere di pagare anche i materiali di laboratorio con il contributo volontario.
  • Manifesteremo con uno scipero per ridare dignità alla nostra condizione di studente, perché siamo visti sempre come l’ultima ruota del carro e il nostro Diritto allo Studio è calpestato ogni giorno. Vogliamo, insieme a tutta la Rete degli Studenti Medi Marche, una legge regionale per il Diritto allo Studio degli studenti marchigiani. Sentiamo sempre dire che siamo fannulloni, che non ci informiamo e non ampliamo la nostra cultura. Ma come possiamo pensare di frequentare assiduamente posti come teatri e cinema se un biglietto per uno spettacolo teatrale costa quasi 40 euro? Chiediamo alla regione, quindi, che questa proposta di legge, che scriveremo tutti insieme come studenti e cittadini, dedichi ampio spazio alle agevolazioni concesse agli studenti per cinema , teatro, spettacoli e incontri culturali. Non accettiamo più uno Stato che da 5 anni a questa parte sembra voler calpestare sempre di più il nostro futuro.

“Ma il futuro, quello che sentiamo nostro, ce lo dobbiamo riprendere da soli. Per questo motivo venerdì 11 ottobre, alle 09,00 saremo sotto l’assessorato alla cultura del comune di Ancona e faremo un’assemblea all’interno, OCCUPANDOLO, per discutere insieme e fare proposte per cambiare le nostre scuole.
Manderemo un messaggio forte e se questa città, questa regione e questo Paese non ci vorranno ascoltare, allora tutti insieme urleremo più forte!” – concludono –

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy