• Google+
  • Commenta
29 novembre 2013

All’Università degli Studi Insubria Antonio Serra di Nathan Never

Scuola sul fumetto

Università degli Studi INSUBRIA Varese-ComoCome si inventa un fumetto? Ce lo spiega il “papà” di “Nathan Never”. 

Fumetti Nathan Never - Università degli Studi Insubria

Fumetti Nathan Never – Università degli Studi Insubria

Con Antonio Serra all’Università degli Studi Insubria si chiarirà la genesi e l’evoluzione di un fumetto di successo

Come si inventa un fumetto? A spiegarlo è Antonio Serra, ideatore di “Nathan Never”, della Sergio Bonelli Editore, nell’incontro in programma mercoledì 4 dicembre alle ore 14,30 nell’Aula Magna dell’Università degli Studi Insubria, via Ravasi 2, a Varese. L’appuntamento rientra nell’ambito del ciclo su “Scienza e fantascienza nei media e nella letteratura” a cura del professor  Paolo Musso.

«Con questo incontro all’Università degli Studi Insubria – afferma il professor Musso dell’Università degli Studi Insubria – faremo finalmente conoscenza col protagonista principale del nostro ciclo: Nathan Never, l’agente speciale dell’Alfa, una delle agenzie di investigazione private che, nel futuro non troppo lontano e non troppo roseo immaginato dai suoi autori, affianca la polizia, inefficiente e corrotta, nella lotta al crimine iper-tecnologico, il quale poi si ritroverà ad affrontare minacce sempre più globali, fino a salvare il mondo diverse volte, come ogni eroe che si rispetti».

A presentare l’agente speciale è Antonio Serra, che nel 1991, insieme a Michele Medda e Bepi Vigna,  ha creato il fortunato personaggio.

«Antonio, che insieme a Glauco Guardigli è anche stato il principale artefice di questo ciclo di incontri e a cui va quindi tutta la mia gratitudine – continua Musso dell’Università degli Studi Insubria – ci racconterà come ha fatto a ideare quella che ormai, dopo oltre 20 anni, è diventata una vera e propria saga, di elevatissimo livello artistico e di grande complessità, con diverse linee narrative intrecciate che si sviluppano in parte in futuri ancora più lontani e in parte addirittura in universi paralleli al nostro, senza nulla da invidiare a quelle dei “mostri sacri” del genere, come Bradbury, Asimov o Star Trek. Ma anche (e la cosa, soprattutto di questi tempi, non è certo secondaria) una serie di successo, capace di stare sul mercato per oltre 20 anni senza ancora dare segni di stanchezza, anzi, con una prodigiosa capacità di rinnovarsi e addirittura di dare origine a diversi “spin off” (serie derivate), delle quali la più celebre è stata quella di Legs Weaver, durata esattamente 10 anni, il primo fumetto di avventura ad avere come protagonista assoluta una donna».

Una delle cose più interessanti all’Università degli Studi Insubria sarà vedere come gli autori di Nathan Never hanno affrontato il problema dell’aggiornamento sulla scienza e la tecnologia, che sono in continua e rapidissima evoluzione, costituendo un vero e proprio “gruppo di studio” informale che li supportasse. Tema, questo, che sarà ulteriormente approfondito mercoledì prossimo dal professor Musso, che stavolta sarà protagonista in prima persona, parlando della scienza di Nathan Never in paragone a quella reale e mostrando fino a che punto la prima possa essere presa sul serio.

ANTONIO SERRA

Antonio Serra nasce ad Alghero il 16 febbraio 1963 e muove i suoi primi passi nel mondo dell’editoria e della fiction di carta alla fine degli anni Settanta, quando cura la rivista amatoriale di fantascienza “Fate largo”. Nel 1982, presso il Centro Culturale cagliaritano “Il Circolo”, conosce Michele Medda e Bepi Vigna, che formeranno con lui quella che, nel mondo della letteratura disegnata, è nota ai più come “la Banda dei Sardi”. Accomunati dalla passione per il fumetto, i tre fanno parte del gruppo “Bande Dessinèe”(insieme ad altri futuri autori, quali Vanna Vinci e Otto Gabos), per poi entrare da professionisti nel settore vedendosi sceneggiare da Alfredo Castelli alcuni soggetti scritti per Martin Mystère. Sempre lavorando insieme, Medda, Serra e Vigna realizzano altre sceneggiature per il detective archeologo e per Dylan Dog. Infine, dopo avere elaborato insieme il progetto di Nathan Never e Legs Weaver, si dedicano separatamente alla sceneggiatura delle singole storie. Serra è anche curatore redazionale delle due testate, cui si è aggiunta la serie dedicata all’Agenzia Alfa. Nel 1999, l’Editore Sergio Bonelli approva a Serra l’idea per un “nuovo” personaggio. Gregory Hunter (un tempo Gregory Hammer, creato all’epoca della “Bande Dessinèe”) che raggiunge le edicole nel 2001. Nel 2007 è alle redini anche del nuovo semestrale legato al mondo di Nathan Never: Universo Alfa. Nel 2009, esordisce in edicola “Greystorm”, miniserie creata da Serra insieme a Gianmauro Cozzi.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy