• Google+
  • Commenta
27 novembre 2013

Sciopero Trasporti 3 dicembre 2013: sciopero a Roma contro la privatizzazione

Dopo l’ondata di scioperi di novembre, si prospetta un inizio negativo anche a dicembre, mese in cui le mobilitazioni e le proteste non si fermeranno. Il primo sciopero del mese sarà il 3 dicembre a Roma.

Gli scioperi indetti dall’Unione Sindacale di Base Lavoro Privato andranno contro la politica di privatizzazione prevista dalle recenti politiche di governo. Stavolta i diretti interessati saranno gli operatori del trasporto pubblico di Roma che nella giornata del 3 dicembre non garantiranno il regolare svolgimento del servizio.

Orari e modalità sciopero 3 dicembre a Roma. Atac e Trotta Bus Service S.p.A. si fermeranno dalle 8.30 alle 17.00 e dalle 20.00 a fine servizio, Roma Tpl Scarl non sarà operativa dalle 8.30 alle 16.30. A ciò si aggiungerà lo sciopero per la rimessa di Porta Maggiore dalle 8.30 alle 12.30. Sul sito del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti si legge che anche UGL trasporto aereo ha coinvolto nello sciopero addetti del trasporto aereo che dalle 12 alle 16 sospenderanno l’attività lavorativa.

Sciopero 3 dicembre, scioperiamo perché. L’Unione Sindacale di Base Lavoro Privato ha dichiarato che le azioni di sciopero che avranno luogo nel mese di Dicembre saranno indirizzate a una protesta ferma e decisa contro le politiche di privatizzazione del trasporto pubblico proposte dal governo che prevedono “pesanti ricadute sui carichi di lavoro, sui salari, nonché sulla quantità e qualità del servizio alla cittadinanza”.

Una fotografia sull’Italia: gli esempi negativi. A proposito, l’USB richiama l’esempio di Telecom, Alitalia e ILVA a dimostrazione di politiche di privatizzazioni fallimentari che tra dismissioni, riduzione del numero di aziende e diminuzione delle risorse da parte dello Stato, non hanno offerto una soluzione al problema, ma hanno solo contribuito ad aggravare la situazione, determinando, inoltre, un peggioramento dei servizi.

“Per tutti questi motivi, l’USB Lavoro Privato chiama gli autoferrotranvieri ad aderire in massa allo sciopero nazionale e ritiene che i lavoratori debbano interrompere qualunque forma di disponibilità nei confronti delle aziende per non essere complici di chi pretende di peggiorare il servizio, ridurre le linee e colpire nello stesso tempo salario e condizioni di lavoro. Pertanto, ritiro immediato da parte dei lavoratori della diponibilità ad operare ’straordinari volontari’ che, in quanto tali, non rappresentano alcun obbligo contrattuale dei lavoratori ma sono solo ed esclusivamente una disponibilità concessa dai singoli lavoratori: in quanto tale può e deve essere revocata”.

Oltre lo sciopero del 3 dicembre a Roma sono previsti altri scioperi nel mese di dicembre.

Altre giornate di sciopero si susseguiranno per tutto il mese di dicembre, creando disagi nella giornata del 6 dicembre e nella giornata del 16 dicembre in cui è indetto lo Sciopero Nazione per il Trasporto Pubblico. Si spera di scongiurare almeno gli scioperi del periodo natalizio paventati per ora dagli autisti Atac nel momento in cui le loro richieste non verranno soddisfatte.

Cecilia Capri

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy