• Google+
  • Commenta
12 gennaio 2014

Forconi Piacenza: Appiccato il fuoco al presidio dei forconi



Appiccato il fuoco al presidio dei forconi: L’atto di origine dolosa ha messo a repentaglio la vita dei manifestanti forconi.

Forconi

Forconi

Continuano le tensioni al presidio del Movimento 9 Dicembre, meglio conosciuto come Forconi, sito presso la zona Barriera Genova di Piacenza.

Come riportato dal giornalista di Telecolor Vladimiro Poggi: «Intorno alle tre della notte tra l’8 e il 9 gennaio un gruppo di ignoti ha dato alle fiamme bandiere e striscioni dei manifestanti».

L’incendio a danno dei Forconi è stato appiccato in quattro punti diversi, tra i quali un tubo del gas collegato alla stufa che i manifestanti utilizzano per scaldarsi durante le ore notturne.

Nessun dubbio tra gli organizzatori riguardo al movente del gesto, riconosciuto come un vero e proprio atto intimidatorio volto a spaventare e conseguentemente far desistere i cittadini aderenti al movimento rivoluzionario dei Forconi; già nei giorni precedenti all’incendio alcuni giovani avevano sfasciato le insegne del presidio e, dopo questo nuovo e grave sviluppo, gli organizzatori sono intenzionati a spostare l’insediamento in una zona diversa della città.

Per di più la protesta non violenta è finanziata interamente dai manifestanti Forconi, i quali provvedono di tasca propria al suo sostentamento, vedendosi difatti costretti a pagare la tassa di occupazione del suolo comunale. Gli stessi organizzatori del presidio Forconi hanno richiesto l’aiuto del Sindaco di Piacenza, che non si è dimostrato collaborativo nei loro confronti.

L’obiettivo del Movimento 9 Dicembre Forconi è quello di ottenere le dimissioni del Governo italiano mediante una rivoluzione costituzionale sostenuta dal popolo. Dalle dichiarazioni rilasciate dai portavoce del presidio Forconi ai microfoni di Vladimiro Poggi si evince come questi atti ingiustificati e criminosi non riescano comunque a fermare la protesta che, nella mente dei manifestanti, sarà destinata a protrarsi ad oltranza.


© Riproduzione Riservata