Bonus Bebè 2015: novità Inps agevolazioni mamme, papà e a chi spetta

Redazione Controcampus 23 Febbraio 2015

Tra le Novità del Governo Renzi, debutta il Bonus Bebè 2015.

Ecco le novità: le agevolazioni Inps per le mamme e per i papà, a chi spetta il Bonus Bebè 2015 e come ottenerlo per Carlo Renzi della Codacons

Per i nuovi nati e adottati a partire dal 1° Gennaio 2015 al 31 Dicembre 2017 è previsto il Bonus Bebè 2015.

Ma cos’ è il Bonus Bebè? Chi può richiedere il Bonus Bebè 2015? Come viene erogato e come ottenere il Bonus? Spetta solo alle lavoratrici o è previsto un Bonus Bebè anche per mamme disoccupate?

Resta aggiornano sulle News in Materia Lavoro, collegati alla Fan Page Controcampus

Il testo ufficiale della Legge di Stabilità 2015 conferma, all’art. 13 “Misure per la famiglia”, un assegno di importo annuo di 960 euro erogato mensilmente (80 euro circa mensili) per ogni figlio nato o adottato a decorrere dal 1° gennaio 2015 fino al 31 dicembre 2017. Obiettivo (si apprende dal testo della legge) incoraggiare la natalità e contribuire alle relative spese per il sostegno.

Bonus Bebè 2015: Novità decreto attuativo, ecco a chi spetta e importo

Dopo mesi di rinvii, Renzi è pronto a calare l’asso “Bonus Bebè”. L’emendamento relativo al Bonus Bebè è stato approvato dalla Commissione Bilancio, ma l’aggiornamento modifica la platea dei beneficiari abbassando la soglia di reddito dai 90,000 euro iniziali ai 25.000 euro annui e raddoppiando l’importo dell’agevolazione per la neomamma con redditi fino a 7.000 euro.

Come funziona il Bonus Bebè

Come funziona il Bonus Bebè

Per l’erogazione del bonus, il Governo Renzi stanzierà circa 200 milioni di euro nel 2015.

Somma destinata a salire oltre 600 milioni nel 2016 e a più di un miliardo nel 2017.

Dopo l’autorizzazione di spesa, a partire dal 1 Gennaio 2015, è in arrivo il decreto attuativo del Presidente del Consiglio dei Ministri Renzi (su proposta del Ministero del lavoro e delle politiche sociali di concerto con Ministero della Salute e dell’Economia), che renderà finalmente operativo il cosiddetto bonus bebè 2015: un contributo economico riservato alle mamme che hanno avuto o adottato un bambino nel periodo che va dal 1 Gennaio 2015 al 31 Dicembre 2017.

Alle neomamme spetterà per ciascun figlio nato a partire da tale data un assegno di 960,00 euro (80 euro al mese a partire dal mese di nascita o di adozione) che verrà erogato mensilmente dall’INPS previa richiesta e quindi previa presentazione della domanda su apposito modulo INPS da parte della mamma. Ne avranno diritto anche le mamme disoccupate.

Bonus Bebè 2015: requisiti e limite reddituale ISEE per richiederlo

Le risposte, ovviamente, sono tutte nella prossima Legge di Stabilità 2015,che, relativamente ai requisiti reddituali e le modalità di concessione dell’agevolazione, che fissa la durata del sussidio fino al terzo anno di vita/adozione del bambino purché non venga superato il limite reddituale dei 25.000 euro (7.000 euro, invece, per i nuclei economicamente più “fragili”. Il valore assunto a riferimento non è l’imponibile riportato ogni anno nella dichiarazione fiscale, quanto piuttosto il reddito Isee, parametro che misura l’effettivo benessere della famiglia, tenendo conto anche del patrimonio e dei risparmi di cui dispone. La soglia corrisponderà, in altre parole, alla somma dei redditi dei genitori riferita all’anno solare precedente a quello della nascita del bambino beneficiario dell’assegno. Limite che non si applicherà, però, a partire dal quinto figlio in poi.

Bonus Bebè: esteso anche ai cittadini UE ed extracomunitari con permesso di soggiorno ed escluso dalla dichiarazione fiscale. Il Bonus si applicherà, non solo ai nati/adottati italiani, ma anche ai figli di cittadini di uno stato membro dell’Unione Europea e agli extracomunitari con regolare permesso di soggiorno. Inoltre, l’importo incassato dal genitore sotto forma di bonus bebè 2015 non contribuirà a comporre il reddito imponibile della famiglia. Tradotto: le neomamme nono saranno tenute a riportarlo nella dichiarazione fiscale annuale.

Bonus Bebè 2015: dove, come e quando presentare domanda

La misura, ovviamente, non scatterà in automatico. Per ottenere il sospirato Bonus Bebè e fruire, quindi, degli 80 promessi da Renzi, bisognerà infatti produrre esplicita richiesta all’INPS di competenza territoriale entro 90 giorni dalla nascita/adozione del bambino. Conclusa la domanda, il contributo (qualora sussistano tutti i presupposti di legge) viene erogato a partire dal mese di nascita (o adozione) del bimbo. Il Bonus bebè decorrerà dal mese in cui viene effettuata, invece, perdendo le mensilità precedenti qualora si presenti la richiesta trascorsi i 90 giorni previsti dalla normativa.

Ma come va presentata la domanda? Se si possiede il PIN dispositivo dell’NPS Il modulo BONUS bebè INPS può essere compilato ed inviato per via telematica, oppure, può essere consegnato presso Caf e Patronati o intermediari abilitati che provvederanno a compilare il modello di domanda e trasmetterlo online all’Istituto. Per il modulo occorrerà, ovviamente, attendere il decreto attuativo (ancora in attesa di emanazione). Solo allora l’INPS provvederà a diffondere l’apposita circolare recante tutte le modalità di presentazione della domanda. Ricevuta la domanda per il Bonus Bebè 2015, l’INPS provvederà a verificare il possesso dei requisiti ed erogare la somma di 80 euro al mese per un totale di 960,00 euro per 3 anni (dal 2015 al 2017) senza che vi sia la necessità, per le neomamme, di ripresentare la domanda, fatta salva la consegna dell’ISEE annuale. Concluso questo iter, il Bonus Bebè verrà erogato a partire dalla data di presentazione del modulo e dell’accoglimento da parte dell’Istituto. Ma attenzione:  l’assegno non sarà cumulativo ai fini IRPEF!

Spot o misura concreta? Polemica intorno al bonus di 80 euro. Tutto bello, anche se solo nelle parole del Premier, sostengono sindacati ed associazioni di categoria. Tante, troppe le questioni ferme al palo: dall’indignazione delle escluse che lamentano requisiti reddituali giudicati troppo “discriminatori” (denunciando una visione delle donne e delle madri decisamente anacronistica quando non addirittura “mussoliniana” da parte di Renzi), alla richiesta di ripristinare il Ministero delle Pari Opportunità, dall’insufficienza del finanziamento pubblico alle carenze strutturali del sistema di welfare e scolastico, passando per il divario fra domanda e offerta di asili nido e scuole dell’infanzia pubbliche e gli alti costi che le famiglie devono sostenere quando, non avendo accesso alle strutture pubbliche, si vedono costrette a ripiegare su quelle private. Scettica, soprattutto, la Fp-Cgil, che per bocca del Segretario Generale Rossana Dettori, boccia il “bonus bebè” lanciato in “d’urso-visione” lo scorso ottobre da Renzi dal salotto di Domenica Live (Canale 5): “Con gli stessi 500 milioni previsti dalla bozza della legge di stabilità si potrebbero aprire 1000 asili nido per 60mila bambini, creando 12mila posti di lavoro. Purtroppo si è scelta la strada più semplice e meno utile. Si continuano a utilizzare risorse pubbliche, sempre più limitate e quindi preziose, per un’ininterrotta e costosissima campagna elettorale.”

Carlo Rienzi

Carlo Rienzi

Se non verrà associato a un piano di riforma totale che preveda l’aumento delle strutture e dei servizi a sostegno dell’infanzia e delle famiglie, il Bonus bebè 2015 rischia davvero di trasformarsi nell’ennesimo “obolo un tantum”? Ci sono elementi di questo Bonus bebè che possono segnalare un cambio di rotta reale? O siamo di fronte all’ennesima “carità”, come sostiene qualcuno, spacciata per rivoluzione mentre ai piani alti si taglia lo stato sociale e continua a preferire l’elemosina ad una programmazione finalmente organica ed egualitaria? Come si rilancia la cultura dei diritti e delle politiche familiari? Lo abbiamo chiesto a Carlo Rienzi, Presidente Codacons Nazionale.

Bonus bebè 2015 da 80 euro alle neomamme con un reddito inferiore ai 25mila€ a partire dal 1° Gennaio 2015 per 3 anni. Questo l’annuncio lanciato da Matteo Renzi nell’ormai storica intervista rilasciata in diretta a Barbara d’Urso durante la trasmissione Domenica Live andata in onda il 19 ottobre su Canale 5. Renzi lo depinge come un piccolo-grande paracadute sociale, un contributo dello Stato per venire incontro alle famiglie che si trovano a fronteggiare la nascita-adozione di un bimbo con tutto quello che questo comporta. Una sorta di Bonus Bebè di berlusconiana memoria dilazionato, però, in tre anni. Presidente Rienzi qual è la Sua opinione rispetto al Bonus Bebè renziano? Cosa La convince e cosa no?

“Incentivi una tantum come il bonus bebè non sono a nostro avviso una soluzione adatta a risolvere i problemi del paese e sostenere realmente ed efficacemente le famiglie. Prima di tutto perché tali bonus vanno solo a determinate categorie di utenti (in tal caso chi decide di avere un bimbo); in secondo luogo perché sono soggetti a condizioni spesso limitative; in terzo luogo perché la loro entità è talmente limitata da non consentire un aiuto nel tempo ai nuclei. Si pensi agli elevatissimi costi che devono sostenere i genitori non solo alla nascita di un figlio, ma nel corso dei primi anni di vita. Come insegna la saggezza cinese, “Se un uomo ha fame non regalargli un pesce,ma insegnagli a pescare”…”

In attesa del decreto attuativo, restano però diversi punti bui. A partire dagli stanziamenti previsti per i Bonus bebè 2015. Il problema fondamentale, al solito, è che la cifra stabilita dal governo è limitata e l’erogazione sarà effettuata fino ad “esaurimento scorte”. Morale: chi arriverà tardi non prenderà nulla. Tanto che è la verifica del Ministero dell’Economia sulla reale disponibilità di fondi a portare a questa conclusione. Siamo di fronte all’ennesima lotteria? 

“È un pessimo segnale che creerà discriminazioni tra cittadini. Due famiglie, pur trovandosi nella medesima situazione che dà vita ad un diritto – quello cioè ad ottenere il bonus bebè – potranno ottenere un diverso trattamento, a seconda del periodo in cui sarà avanzata la richiesta e alle disponibilità della casse statali. Una ingiustizia palese che rende il bonus una misura spot, fatta più ad uso e consumo della politica che non per le reali esigenze dei cittadini.”

Intanto in Italia sono sempre più numerose le famiglie che rischiano di entrare nella soglia di povertà in proporzione al numero dei figli. Da una parte, il Governo risponde con 500 milioni (pochi), dall’altro, però, c’è il minimo storico di natalità, con soli 514 mila bambini nati nell’ultimo anno in Italia. Il dilemma di queste ore, insomma è: priorità ai servizi per le famiglie o ai soldi? Secondo Lei?

“Si dovrebbero incrementare i servizi per le famiglie aumentando il potere d’acquisto dei cittadini, che in parole povere significa avere più soldi da spendere ma senza una elargizione immediata in denaro come avviene col bonus. Basterebbe prendere ad esempio i paesi del nord Europa, dove i neo-genitori godono di una infinità di servizi che consentono loro di continuare a lavorare e produrre anche nei primi mesi di vita dei figli. Qui infatti uffici pubblici e privati hanno spazi attrezzati e personale qualificato che si occupa dei figli dei lavoratori, evitando ai genitori inutili e costose spese per baby sitter o corse disperate e assenze dal lavoro per portare i bimbi da nonni o parenti.”

I milioni indicati dalla bozza della Legge di stabilità circolata in questi giorni dovrebbero essere, come si è detto, 500. Eppure la sensazione che tutto obbedisca ad uno disegno elettorale che procede per briciole e contentini continua a penetrare in profondità il dibattito. In molti, intanto, premono per un piano finalmente strutturato e lungimirante (penso ad es. all’apertura di nidi e alla creazione di posti di lavoro). Stop, insomma, a soluzioni tampone che rischiano solo di frazionare risorse pubbliche già scarne e di difficile reperimento. Morale: si può fare di più. In che senso? Allo stato attuale, quali interventi, ritiene, siano i più fattibili? E qual è la posizione del Codacons rispetto alla questione Bonus?

“Occorre ridare dignità alle famiglie e combattere la povertà. In Italia la natalità è ai minimi storici non perché gli italiani non intendono più avere figli, ma perché è oggettivamente impossibile per molti nuclei affrontare le spese connesse ad una nuova nascita. Ed è veramente triste pensare che due genitori, pur desiderosi di avere un bambino, debbano rimandare la nascita in attesa di tempi migliori. Per fare tutto ciò, è necessario partire da riforme strutturali in grado di compensare la gravissima perdita del potere d’acquisto subita dai cittadini (-12% dal 2008 ad oggi), creare nuovi posti di lavoro, sostenere le imprese e far riprendere i consumi, abbassando al contempo la pressione fiscale che risulta ai massimi storici.”

© Riproduzione Riservata
avatar Redazione Controcampus Controcampus è Il magazine più letto dai giovani su: Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro.Controcampus nasce nell’ottobre 2001 con la missione di affiancare con la notizia e l’informazione, il mondo dell’istruzione e dell’università. Il suo cuore pulsante sono i giovani, menti libere e non compromesse da nessun interesse di parte.Il progetto è ambizioso e Controcampus cresce e si evolve arricchendo il proprio staff con nuovi giovani vogliosi di essere protagonisti in un’avventura editoriale. Aumentano e si perfezionano le competenze e le professionalità di ognuno. Questo porta Controcampus, ad essere una delle voci più autorevoli nel mondo accademico.Il suo successo si riconosce da subito, principalmente in due fattori; i suoi ideatori, giovani e brillanti menti, capaci di percepire i bisogni dell’utenza, il riuscire ad essere dentro le notizie, di cogliere i fatti in diretta e con obiettività, di trasmetterli in tempo reale in modo sempre più semplice e capillare, grazie anche ai numerosi collaboratori in tutta Italia che si avvicinano al progetto.Nascono nuove redazioni all’interno dei diversi atenei italiani, dei soggetti sensibili al bisogno dell’utente finale, di chi vive l’università, un’esplosione di dinamismo e professionalità capace di diventare spunto di discussioni nell’università non solo tra gli studenti, ma anche tra dottorandi, docenti e personale amministrativo.Controcampus ha voglia di emergere. Abbattere le barriere che il cartaceo può creare. Si aprono cosi le frontiere per un nuovo e più ambizioso progetto, per nuovi investimenti che possano demolire le barriere che un giornale cartaceo può avere. Nasce Controcampus.it, primo portale di informazione universitaria e il trend degli accessi è in costante crescita, sia in assoluto che rispetto alla concorrenza (fonti Google Analytics).I numeri sono importanti e Controcampus si conquista spazi importanti su importanti organi d’informazione: dal Corriere ad altri mass media nazionale e locali, dalla Crui alla quasi totalità degli uffici stampa universitari, con i quali si crea un ottimo rapporto di partnership.Certo le difficoltà sono state sempre in agguato ma hanno generato all’interno della redazione la consapevolezza che esse non sono altro che delle opportunità da cogliere al volo per radicare il progetto Controcampus nel mondo dell’istruzione globale, non più solo università.Controcampus ha un proprio obiettivo: confermarsi come la principale fonte di informazione universitaria, diventando giorno dopo giorno, notizia dopo notizia un punto di riferimento per i giovani universitari, per i dottorandi, per i ricercatori, per i docenti che costituiscono il target di riferimento del portale.Controcampus diventa sempre più grande restando come sempre gratuito, l’università gratis. L’università a portata di click è cosi che ci piace chiamarla. Un nuovo portale, un nuovo spazio per chiunque e a prescindere dalla propria apparenza e provenienza.Sempre più verso una gestione imprenditoriale e professionale del progetto editoriale, alla ricerca di un business libero ed indipendente che possa diventare un’opportunità di lavoro per quei giovani che oggi contribuiscono e partecipano all’attività del primo portale di informazione universitaria.Sempre più verso il soddisfacimento dei bisogni dei nostri lettori che contribuiscono con i loro feedback a rendere Controcampus un progetto sempre più attento alle esigenze di chi ogni giorno e per vari motivi vive il mondo universitario. La StoriaControcampus è un periodico d’informazione universitaria, tra i primi per diffusione.Ha la sua sede principale a Salerno e molte altri sedi presso i principali atenei italiani.Una rivista con la denominazione Controcampus, fondata dal ventitreenne Mario Di Stasi nel 2001, fu pubblicata per la prima volta nel Ottobre 2001 con un numero 0. Il giornale nei primi anni di attività non riuscì a mantenere una costanza di pubblicazione. Nel 2002, raggiunta una minima possibilità economica, venne registrato al Tribunale di Salerno. Nel Settembre del 2004 ne seguì la registrazione ed integrazione della testata www.controcampus.it. Dalle origini al 2004Controcampus nacque nel Settembre del 2001 quando Mario Di Stasi, allora studente della facoltà di giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Salerno, decise di fondare una rivista che offrisse la possibilità a tutti coloro che vivevano il campus campano di poter raccontare la loro vita universitaria, e ad altrettanta popolazione universitaria di conoscere notizie che li riguardassero.Il primo numero venne diffuso all’interno della sola Università di Salerno, nei corridoi, nelle aule e nei dipartimenti. Per il lancio vennero scelti i tre giorni nei quali si tenevano le elezioni universitarie per il rinnovo degli organi di rappresentanza studentesca. In quei giorni il fermento e la partecipazione alla vita universitaria era enorme, e l’idea fu proprio quella di arrivare ad un numero elevatissimo di persone. Controcampus riuscì a terminare le copie date in stampa nel giro di pochissime ore.Era un mensile. La foliazione era di 6 pagine, in due colori, stampate in 5.000 copie e ristampa di altre 5.000 copie (primo numero). Come sede del giornale fu scelto un luogo strategico, un posto che potesse essere d’aiuto a cercare fonti quanto più attendibili e giovani interessati alla scrittura ed all’ informazione universitaria. La prima redazione aveva sede presso il corridoio della facoltà di giurisprudenza, in un locale adibito in precedenza a magazzino ed allora in disuso. La redazione era quindi raccolta in un unico ambiente ed era composta da un gruppo di ragazzi, di studenti (oltre al direttore) interessati all’idea di avere uno spazio e la possibilità di informare ed essere informati. Le principali figure erano, oltre a Mario Di Stasi:Giovanni Acconciagioco, studente della facoltà di scienze della comunicazione Mario Ferrazzano, studente della facoltà di Lettere e FilosofiaIl giornale veniva fatto stampare da una tipografia esterna nei pressi della stessa università di Salerno.Nei giorni successivi alla prima distribuzione, molte furono le persone che si avvicinarono al nuovo progetto universitario, chi per cercarne una copia, chi per poter partecipare attivamente. Stava per nascere un nuovo fenomeno mai conosciuto prima, Controcampus, “il periodico d’informazione universitaria”. “L’università gratis, quello che si può dire e quello che altrimenti non si sarebbe detto”, erano questi i primi slogan con cui si presentava il periodico, quasi a farne intendere e precisare la sua intenzione di università libera e senza privilegi, informazione a 360° senza censure.Il giornale, nei primi numeri, era composto da una copertina che raccoglieva le immagini (foto) più rappresentative del mese, un sommario e, a seguire, Campus Voci, la pagina del direttore. La quarta pagina ospitava l’intervista al corpo docente e o amministrativo (il primo numero aveva l’intervista al rettore uscente G. Donsi e al rettore in carica R. Pasquino). Nelle pagine successive era possibile leggere la cronaca universitaria. A seguire uno spazio dedicato all’arte (poesia e fumettistica). I caratteri erano stampati in corpo 10.Nel Marzo del 2002 avvenne un primo essenziale cambiamento: venne creato un vero e proprio staff di lavoro, il direttore si affianca a nuove figure: un caporedattore (Donatella Masiello) una segreteria di redazione (Enrico Stolfi), redattori fissi (Antonella Pacella, Mario Bove). Il periodico cambia l’impaginato e acquista il suo colore editoriale che lo accompagnerà per tutto il percorso: il blu. Viene creata una nuova testata che vede la dicitura Controcampus per esteso e per riflesso (specchiato), a voler significare che l’informazione che appare è quella che si riflette, quello che, se non fatto sapere da Controcampus, mai si sarebbe saputo (effetto specchiato della testata). La rivista viene stampa in una tipografia diversa dalla precedente, la redazione non aveva una tipografia propria, ma veniva impaginata (un nuovo e più accattivante impaginato) da grafici interni alla redazione. Aumentarono le pagine (24 pagine poi 28 poi 32) e alcune di queste per la prima volta vengono dedicate alla pubblicità. Viene aperta una nuova sede, questa volta di due stanze.Nel Maggio 2002 la tiratura cominciò a salire, fu l’anno in cui Mario Di Stasi ed il suo staff decisero di portare il giornale in edicola ad un prezzo simbolico di € 0,50.Il periodico era cosi diventato la voce ufficiale del campus salernitano, i temi erano sempre più scottanti e di attualità. Numero dopo numero l’obbiettivo era diventato non più e soltanto quello di informare della cronaca universitaria, ma anche quello di rompere tabù. Nel puntuale editoriale del direttore si poteva ascoltare la denuncia, la critica, la voce di migliaia di giovani, in un periodo storico che cominciava a portare allo scoperto i risultati di una cattiva gestione politica e amministrativa del Paese e mostrava i primi segni di una poi calzante crisi economica, sociale ed ideologica, dove i giovani venivano sempre più messi da parte. Disabilità, corruzione, baronato, droga, sessualità: sono questi alcuni dei temi che il periodico affronta.Nel 2003 il comune di Salerno viene colto da un improvviso “terremoto” politico a causa della questione sul registro delle unioni civili, “terremoto” che addirittura provoca le dimissioni dell’assessore Piero Cardalesi, favorevole ad una battaglia di civiltà (cit. corriere). Nello stesso periodo Controcampus manda in stampa, all’insaputa dell’accaduto, un numero con all’interno un’ inchiesta sulla omosessualità intitolata “dirselo senza paura” che vede in copertina due ragazze lesbiche. Il fatto giunge subito all’attenzione del caporedattore G. Boyano del corriere del mezzogiorno. È cosi che Controcampus entra nell’attenzione dei media, prima locali e poi nazionali.Nel 2003 Mario Di Stasi avverte nell’aria segnali di cambiamento sia della società che rispetto al periodico Controcampus. Pensa allora di investire ulteriormente sul progetto, in redazione erano presenti nuove figure: Ernesto Natella, Laura Muro, Emilio C. Bertelli, Antonio Palmieri. Il periodico aumenta le pagine, (44 pagine e poi 60 pagine), è stampato interamente a colori, la testata è disegnata più piccola e posizionata al lato sinistro della prima pagina. La redazione si trasferisce in una nuova sede, presso la palazzina E.di.su del campus di Salerno, questa volta per concessione dell’allora presidente dell’E.di.su, la Professoressa Caterina Miraglia che crede in Controcampus. Nello stesso anno Controcampus per la prima volta entra nel mondo del Web e a farne da padrino è Antonio Palmieri, allora studente della facoltà di Economia, giovane brillante negli studi e nelle sue capacità web. Crea un portale su piattaforma CMS realizzato in asp.È la nascita di www.controcampus.it e l’inizio di un percorso più grande. Controcampus è conosciuto in tutti gli atenei italiani, grazie al rapporto e collaborazione che si instaura con gli uffici stampa di ogni ateneo, grazie alla distribuzione del cartaceo ed alla nuova iniziativa manageriale di aprire sedi - redazioni in tutta Italia.Nel 2004 Mario Di Stasi, Antonio Palmieri, Emilio C. Bertelli e altri redattori del periodico controcampus vengono eletti rappresentanti di facoltà. Questo non permette di sporcare l’indirizzo e linea editoriale di Controcampus, che resta libera da condizionamenti di partito, ma offre la possibilità di poter accedere a finanziamenti provenienti dalla stessa Università degli Studi di Salerno che, insieme alla pubblicità, permettono di aumentare gli investimenti del gruppo editoriale. Ciò nonostante Controcampus rispetto alla concorrenza doveva contare solamente sulle proprie forze.La forza del giornale stava nella fiducia che i lettori avevano ormai riposto nel periodico. I redattori di Controcampus diventarono 15, le redazioni nelle varie università italiane aumentavano. Tutto questo faceva si che il periodico si consolidasse, diventando punto di riferimento informativo non soltanto più dei soli studenti ma anche di docenti, personale e politici, interessati a conoscere l’informazione universitaria. Gli stessi organi dell’istruzione quali Miur e Crui intrecciavano rapporti di collaborazione con il periodico. Dal 2005 al 2009A partire dal 2005 Controcampus e www.controcampus.it ospitano delle rubriche fisse. Le principali sono:Università, la rubrica dedicata alle notizie istituzionali Uni Nord, Uni Centro e Uni Sud, rubriche dedicate alla cronaca universitariaCominciano inoltre a prender piede informazioni di taglio più leggero come il gossip che anche nel contesto universitario interessa. La redazione di Controcampus intuisce che il gossip può permettergli di aumentare il numero di lettori e fedeli e nasce cosi da controcampus anche una iniziativa che sarà poi riproposta ogni anno, Elogio alla Bellezza, un concorso di bellezza che vede protagonisti studenti, docenti e personale amministrativo.Dal 2006 al 2009 la rivista si consolida ma la difficoltà di mantenete una tiratura nazionale si fa sentire anche per forza della crisi economia che investe il settore della carta stampata. Dal 2009 ad oggiNel maggio del 2009 Mario Di Stasi, nel tentativo di voler superare qualsiasi rischio di chiusura del periodico e colto dall’interesse sempre maggiore dell’informazione sul web (web 2.0 ecc), decide di portare l’intero periodico sul web, abbandonando la produzione in stampa. Nasce un nuovo portale: www.controcampus.it su piattaforma francese Spip. Questo se da un lato presenta la forza di poter interessare e raggiungere un vastissimo pubblico (le indicizzazioni lo dimostrano), dall’altro lato presenta subito delle debolezze dovute alla cattiva programmazione dello stesso portale.Nel 2012 www.controcampus.it si rinnova totalmente, Mario Di Stasi porta con se un nuovo staff: Pasqualina Scalea (Caporedattore), Dora Della Sala (Vice Caporedattore), Antonietta Amato (segreteria di Redazione) Antonio Palmieri (Responsabile dell’area Web) Lucia Picardo (Area Marketing), Rosario Santitoro ( Area Commerciale). Ci sono nuovi responsabili di area, ciascuno dei quali è a capo di una redazione nelle diverse sedi dei principali Atenei Italiani: sono nuovi giovani vogliosi di essere protagonisti in un’avventura editoriale. Aumentano e si perfezionano le competenze e le professionalità di ognuno. Questo porta Controcampus ad essere una delle voci più autorevoli nel mondo accademico.Nel 2013 www.controcampus.it si aplia, il portale d'informazione universitario, diventa un network. Una nuova edizione, non più un periodico ma un quotidiano anzi un notiziario in tempo reale. Nasce il Magazine Controcampus, nascono nuovi contenuti: scuola, università, ricerca, formazione e lavoro. Nascono ulteriori piattaforme collegate alla webzine, non solo informazione ma servizi come bacheche, appunti, ricerca lavoro e anche nuovi servizi sociali.Certo le difficoltà sono state sempre in agguato ma hanno generato all’interno della redazione la consapevolezza che esse non sono altro che delle opportunità da cogliere al volo per radicare il progetto Controcampus nel mondo dell’istruzione globale, non più solo università.Controcampus diventa sempre più grande restando come sempre gratuito. Un nuovo portale, un nuovo spazio per chiunque e a prescindere dalla propria apparenza e provenienza.Sempre più verso una gestione imprenditoriale e professionale del progetto editoriale, alla ricerca di un business libero ed indipendente che possa diventare un’opportunità di lavoro per quei giovani che oggi contribuiscono e partecipano all’attività del primo portale di informazione universitaria.Sempre più verso il soddisfacimento dei bisogni dei lettori che contribuiscono con i loro feedback a rendere Controcampus un progetto sempre più attento alle esigenze di chi ogni giorno e per vari motivi vive il mondo universitario. Leggi tutto