• Google+
  • Commenta
14 giugno 2017

Quattordicesima pensionati 2017: domanda INPS e a chi spetta

Quattordicesima pensionati 2017
Quattordicesima pensionati 2017

Quattordicesima pensionati 2017

Ecco quando si prende la quattordicesima pensionati 2017: quando arriva, domanda Inps e a chi spetta. Dal 1 luglio fino a 655 euro in più sulla pensione, ma come si calcola la 14esima mensilità?

Com’è noto a partire dal 2007 ai pensionati Inps spetta una somma aggiuntiva sulla pensione, che viene erogata di solito nel mese di luglio. Quest’anno il beneficio è stato confermato ma con importanti novità, come è stato precisato dall’Inps in una circolare.

La somma aggiuntiva è molto utile ai pensionati e permette loro di far fronte a delle spese impreviste.

Non è necessario fare domanda per la quattordicesima 2017. Infatti, la somma viene accreditata automaticamente dall’Inps a quei pensionati che abbiano i requisiti previsti dalla legge per poterne usufruire.

I pensionati, dunque, sulla mensilità di luglio della pensione troveranno un importo aggiuntivo che varia dai 336 a 655 euro. Un bel gruzzoletto, insomma.

Tale somma, inoltre, non costituisce reddito nè ai fini fiscali, nè ai fini della corresponsioni di prestazioni previdenziali o assistenziali.

Quattordicesima pensionati 2017: requisiti e a chi spetta, limiti di reddito e come si calcola

I pensionati Inps il 1 luglio troveranno una gradita sorpresa. Come tutti gli anni a partire dal 2007 riceveranno una somma aggiuntiva sulla pensione. Ovviamente non tutti i pensionati saranno beneficiati da questa prestazione, ma solo coloro che hanno determinati requisiti.

Vediamo, dunque, a chi spetta la Quattordicesima pensionati 2017 e come si calcola la somma.

Verrà corrisposta, dunque, l’integrazione sulla pensione di luglio i titolari di pensione a carico dell’Inps, delle gestioni separate, delle gestioni speciali lavoratori autonomi. Inoltre, ne hanno diritto anche i titolari di assegno di invalidità, di pensione, di inabilità o ai superstiti. Ne restano esclusi le pensioni e gli assegni sociali e le pensioni invalidi civili.

Innanzitutto, la prima importante novità è che per il 2017 è stata ampliata la platea dei beneficiari.

Infatti, mentre prima veniva erogata ai pensionati con un reddito fino ai 9.786,86 Euro, con le modifiche alla legge di bilancio 2017 il limite di reddito è stato innalzato a 13.049,15.

Nel calcolo del reddito non viene compreso quello del coniuge, nè l’indennità di accompagnamento o il reddito della casa di abitazione.

L’importo comunque si differenzia a seconda che il reddito sia inferiore o superiore ai 9.786,86 euro.

Altro requisito, oltre al limite reddituale, è quello anagrafico. La quattordicesima mensilità spetta, infatti, ai pensionati che abbiano raggiunto i 64 anni.

Attenzione, anche per il requisito dell’età ci sono delle distinzioni da fare. Chi compie i 64 anni nel primo semestre del 2017 riceverà a luglio la somma. Coloro, invece, che li compiranno nel secondo semestre dovranno attendere la fine dell’anno per l’accredito della mensilità aggiuntiva. Anche l’importo ovviamente sarà calcolato in maniera proporzionale.

A quanto ammonta l’importo nella quattordicesima pensionati 2017

L’importo aggiuntivo che i pensionati riceveranno sulla pensione di luglio 2017 varia a seconda dei contributi versati e del reddito. Da un minimo di 336 euro ad un massimo di 655 euro.

Infatti, per evitare che il beneficio sia distribuito a pioggia, incurante dei contributi versati dal singolo lavoratore nel corso degli anni, la legge prevede un importo differenziato in base proprio agli anni di contribuzione.

Per coloro il cui reddito non supera i 9.786,86 euro la Quattordicesima pensionati 2017 sarà di:

  • € 437 con 15 anni di contributi;
  • € 546 con contributi tra i 15 e i 25 anni;
  • € 655 con oltre 25 anni di contributi

I pensionati con un reddito compreso tra i 9.786,86 e i 13.049,25 euro, riceveranno:

  • € 366 con 15 anni di contributi;
  • € 420 con contributi tra i 15 e i 25 anni;
  • € 504 con oltre 25 anni di contributi

Se la pensione è di reversibilità, per il calcolo della fascia di appartenenza, occorre tener conto che va applicata una decurtazione del 40% sui contributi versati dal coniuge defunto.

Come già accennato, non va presentata alcuna domanda per ottenere il beneficio. Infatti, sarà erogato in modo automatico dall’Inps nel mese di luglio.

Google+
© Riproduzione Riservata