• Google+
  • Commenta
27 Marzo 2019

Bonus mamma domani 2019: requisiti e moduli del premio alla nascita

Bonus mamma domani 2019
Bonus mamma domani 2019

Bonus mamma domani 2019

Ecco come funziona il bonus mamma domani 2019: di cosa si tratta, quali sono i requisiti INPS e ISEE da rispettare e come fare domanda. Scarica modulo e modello PDF.

Ogni singola nazione è consapevole di dover investire sui propri cittadini e sul loro proliferarsi per assicurarsi la propria sopravvivenza.

Non sorprende dunque, che al di là dei singoli colori politici, ogni governo cerchi di invogliare alla genitorialità.

Tanto più in una parte del mondo dove il numero di anziani è di gran lunga superiore a quello dei giovani.

Ogni paese necessita di un ricambio generazionale, solo in tale modo ci si può assicurare una parte di popolazione attiva. In un mondo però dove le tappe della vita sono vissute in modo tardivo a causa del cambio di stile di vita e dove, soprattutto, aleggia il fantasma della crisi economica, avere dei figli diventa sempre più un’abitudine sporadica.

Alla luce di tutto ciò, ogni governo tende a dare grande rilevanza alle politiche familiari, con differenti tentativi di investimento sulla famiglia. Solitamente queste azioni si presentano sotto forma di agevolazioni economiche per i neo genitori. Dunque coloro in procinto di formare la propria famiglia potrebbero ricavarne degli interessanti vantaggi.

Vi sono agevolazioni di diverso tipo. Oltre al famoso bonus bebè, esiste anche il bonus mamma domani, previsto dalla Legge di Stabilità 2017 e approvato nuovamente per il 2019 e il 2020.

Novità bonus mamma domani 2019requisiti INPS e ISEE, come richiederlo – scarica PDF

Modello e modulo SR 163 INPS per fare domanda << SCARICA MODELLO PDF

Il bonus mamma domani prevede l’erogazione di una somma che ammonta a 800 euro, somma destinata alle visite di routine della gravidanza e alle prime spese del bambino. Nonostante le iniziali proposte prima dell’introduzione del 2017, non è discriminato da alcun limite del valore ISEE.  L’idea di porre come tetto massimo un ISEE di 13000 euro annui infatti non fu approvata.

Dunque indipendentemente dal reddito, potranno presentare domanda tutte le donne che si trovino nelle seguenti situazioni:

  • settimo mese di gravidanza;
  • partorienti;
  • adozione nazionale e internazionale;
  • affidamento pre-adottivo nazionale.

Il bonus è ottenibile sia dalle madri italiane, sia da quelle appartenenti agli stati membri dell’UE, sia provenienti da altri paesi. Quest’ultime però dovranno avere residenza in Italia e regolare permesso di soggiorno.

La domanda per ricevere il bonus va inoltrata entro un anno dalla data dell’evento inerente, indipendentemente se si tratti di nascita o adozione. In ogni caso, bisognerà presentare specifica documentazione attestante la veridicità della circostanza. In caso di parto gemellare e di domanda già inoltrata, bisognerà aggiornare i dati. Infatti, avrà diritto a un secondo bonus, poiché quest’ultimo ha un’assegnazione individuale nei confronti dell’infante.

Tutte coloro in possesso dei requisiti, potranno presentare apposita domanda. Per farlo,  dovranno compilare il modulo SR163.  Lo stesso potrà poi essere inoltrato prettamente online. Ciò attraverso le apposite sezioni del sito INPS di servizio dei cittadini o degli enti di Patronato, o ancora tramite il contact center integrato al numero numero 803 164 da rete fissa e 06 164 164 da rete mobile.

Come funziona il premio alla nascita 800 euro e quando arrivano i soldi

La somma di 800 euro viene erogata una sola volta e in un’unica soluzione.  In linea di massima il versamento dovrebbe avvenire in tempi brevi, ma in alcuni casi potrebbero passare anche dei mesi. Accedendo alla propria sezione del sito INPS dopo l’inserimento del proprio Pin,si può apprendere la data reale di erogazione.

La modalità di pagamento del bonus mamma domani 2019 può essere scelta tra le seguenti opzioni:

  • bonifico domiciliato;
  • accredito su conto corrente bancario;
  • accredito su conto postale;
  • libretto postale;
  • carta prepagata con IBAN;
Google+
© Riproduzione Riservata