• Google+
  • Commenta
6 Marzo 2019

Significato della giornata internazionale delle donne: storia e origini

Significato della giornata internazionale delle donne
Significato della giornata internazionale delle donne

Significato della giornata internazionale delle donne

Ecco qual’è il significato della giornata internazionale delle donne: la vera storia della festa della donna, perché si festeggia nella data dell’8 marzo e quali sono le origini.

L’8 marzo è il giorno in cui si celebra la Festa della Donna, anche chiamata, Giornata internazionale della Donna.

Questa festa è l’occasione per riportare alla memoria le conquiste fatte dalle donne nel corso del Novecento. Le violenze, i soprusi ma soprattutto le vittorie ottenute e i passi ancora da compiere. La  Festa della Donna assume negli anni anche un’importanza simbolica. In tal senso, siamo soliti donare alle amate donne un piccolo pensiero: la mimosa, un grazioso fiore giallo. Il giallo esprime vitalità, forza e gioia. Questo colore rappresenta il passaggio dalla morte alla vita e diviene una metafora per ricordare le origini della Giornata internazionale della Donna.

La mimosa riporta alla memoria le donne che si sono battute per l’uguaglianza sessuale. Il significato della Giornata internazionale delle Donne ha subito un forte mutamento. In parte si è dimenticato il vero significato, o magari non si conosce.

Questo giorno deve aiutare a riflettere sulle libertà conquistate dalle donne negli anni. Infatti i diritti e le opportunità non sempre sono stati così e in alcune zone del mondo sono tutt’oggi completamente negati. Bisogna festeggiare per supportare, incoraggiare le donne a combattere quotidianamente la propria battaglia.

Significato della giornata internazionale delle donne: storia e origini e frasi da dedicare

Dediche per la festa della donna per WhatsApp, Facebook, Twitter << SCARICA

Le origini della festa della donna, denominata Giornata Internazionale della Donna, risalgono al secolo scorso.

Il 28 febbraio 1908 migliaia di camiciaie newyorkesi si riuniscono in sciopero per rivendicare migliori condizioni lavorative. La festa della donna ci riporta addietro nel tempo. Il significato della Giornata Internazionale delle Donne è quello di ricordare le conquiste politiche, sociali ed economiche e le violenze subite nel corso della storia.

L’industria statunitense è in rapida espansione, ciò permette al Paese di diventare nel breve periodo una potenza economica in grado di accomodarsi al tavolo delle potenze imperiali tipiche di quel periodo.

Nel febbraio del 1909 il Partito Socialista Americano decise di dedicare l’ultima domenica di questo mese all’organizzazione di una manifestazione per il voto alle donne.

Nello stesso mese si svolge la prima giornata internazionale sulle donne negli Stati Uniti.
Fino al 1914, in giro per il mondo, vengono organizzate diverse giornate dedicate alle donne. L’8 marzo del 1917, a San Pietroburgo, le donne manifestarono a favore della fine della guerra chiedendo pane, pace e il ritorno dei loro uomini. Nel 1921, durante la Seconda Conferenza nazionale delle donne comuniste a Mosca, l’8 marzo diventa la data della Giornata internazionale dell’operaia. In Italia la prima giornata internazionale dedicata alla donna si svolse il 12 marzo.

Origini della giornata internazionale delle donne: perché l’8 marzo?

In seguito alla Seconda conferenza internazionale delle donne comuniste del 1921 e all’istituzione, in quella sede, della Giornata internazionale dell’operaia, l’8 marzo diviene la data più diffusa per celebrare le donne in diverse zone del mondo.

Vi sono diverse congetture e falsi storici che tentano di spiegare i motivi alla base della scelta di questa data. In alcuni paesi europei (tra cui l’italia) si fa riferimento ad un tragico evento accaduto a New York l’8 marzo del 1911 quando in una fabbrica di camicie molte donne persero la vita durante un rogo. Tale evento è in parte vero, l’unica incertezza riguarda la veridicità della data, infatti varie fonti ricollegano l’accaduto nel febbraio del medesimo anno.

Nel corso del Novecento il movimento legato alla rivendicazione dei diritti delle donne ha continuato ad ingrandirsi. A Roma nel 1944 viene fondato l’Unione Donne Italiane e si decide di festeggiare la giornata della donna il successivo 8 marzo.

Nel 1946 la Giornata Internazionale delle Donne viene ricordata con la mimosa, che assume così un valore simbolico. Le rappresentanti romane dell’Unione Donne Italiane scelsero questo fiore quasi per caso e soprattutto per risparmiare: un fiore di stagione, molto comune tra Roma e i Castelli: accessibile, allegro e soprattutto a costo zero.

Google+
© Riproduzione Riservata