• Google+
  • Commenta
15 Ottobre 2019

Sondaggio politico 14 ottobre Open Media: stabile Salvini, cresce Renzi

Sondaggio politico 14 ottobre Open Media
Sondaggio politico 14 ottobre Open Media

Sondaggio politico 14 ottobre Open Media

Ultimo sondaggio politico 14 ottobre 2019 di Open, giornale online di Mentana: secondo le intenzioni al voto degli Italiani, è stabile Salvini, crescono Renzi e Meloni, Pd ancora avanti ai 5 stelle. 

Il calcolo settimanale del quotidiano Open, diretto da Enrico Mentana, basato sulla media di sondaggi politici compiuti dai maggiori istituti demoscopici pone la Lega di gran lunga come primo partito in Italia.

Mentre l’asse di centrodestra risulta appaiata all’attuale maggioranza di governo giallo-rossa.

Il calcolo della media tra più rilevazioni consente di ricavare, secondo Open, un dato che possa considerarsi molto più attinente al reale.

Una media delinea indubbiamente le dimensioni del consenso meglio del singolo sondaggio politico.

Dai dati emersi dalle indagini si può constatare che la nuova formazione dell’ex premier Matteo Renzi, Italia Viva, nata dopo l’uscita dello stesso dal Partito Deamocratico, comicia a crescere nelle intenzioni di voto.Anche se è necessario aggiungere come non si evinca una vera sintonia sulle percentuali rilavate dai diversi istituti.

Resta una sfida aperta quella per Matteo Renzi di creare una nuova forza centrista capace di occupare uno spazio politico nuovo, insinuandosi tra le aree più moderate di  elettori di Forza Italia e Partito democratico. Un’area, quella dei fedeli a Matteo Renzi, di cui risulta interessante capirne la proporzione, anche guardando ai risultati di ogni sondaggio politico.

La media calcolata da Open delinea scenari interessanti soprattutto per due forze politiche minoritarie, Italia Viva di Matteo Renzi e FdI di Giorgia Meloni. E aiutano a farsi un’idea sulla tenuta dell’attuale Governo. Nelle ultime ore alle prese  con importanti decisioni relative alla manovra economica e alla scelta dei candidati da presentare alle regionali

Sondaggio politico Open Media 14 Ottobre 2019: quali partiti godono del maggiore consenso

Se si votasse oggi per eleggere un nuovo Parlamento la Lega confermerebbe quel predominio elettorale che ha caratterizzato gli ultimi anni.  Anche se in lieve calo percentuale rispetto alle elezioni europee dello scorso Maggio il partito di Matteo Salvini sembra aver attutito il colpo inferto dalla crisi di governo.

La media dei dati raccolti in questa settimana rileva che, se rimanesse in vigore l’attuale legge elettorale, il cosiddetto Rosatellum, il solo asse sovranista, formato dalla Lega e da Fratelli d’Italia, sfiorerebbe quel 40 % da più fonti autorevoli considerata come “soglia per governare”.

Presa nelle ultime ore dal dibattito continuo sulla legga di bilancio il Governo Conte 2 è consapevole di avere un’alta posta in palio e grosse sfide a stretto giro tra manovra economica, per la quale il dibattito a Palazzo Chigi in prossimità della scadenza diviene sempre più fervente, e le possime elezioni regionali dove entrerà in scena l’inedita alleanza a livello locale.

Di quanto consenso godono i partiti di governo secondo Open

La media settimanale del 14 ottobre 2019 di Open vede, infatti, un centro-destra sostanzialmente alla pari dei due principali partiti dell’Esecutivo nel conteggio delle intenzioni di voto.

Certo è che quest’ultimo, sulla base del sondaggio politico dell’istituto Demopolis, apparso oggi nel programma di La7 Otto e mezzo, continua a convincere ampie fette di elettorato di Movimento 5 stelle e Partito democratico. 

Molto dipenderà dunque dalle scelte che il governo Conte 2 attuerà all’interno della manovra economica in un clima di alta tensione tra le due compagini politiche. Gli esiti che riguarderanno quota 100, principale tema di frizione tra PD e M5S, cuneo fiscale, fondo alle famiglie e Iva  potrebbero risultare fondamentali. Intanto i renziani si dichiarono assolutamente contrari al mantenimento di quota 100.

Il punto su Italia Viva e Fratelli d’Italia nel sondaggio politico di Open

Quanto pesa l’uscita di Renzi? La Meloni diventa una valida alternativa nell’area di centro-destra? L’uscita di scena di Matteo Renzi è stata un fulmine a ciel sereno per il Partito democratico. Il partito guidato da Nicola Zingaretti è in lieve, ma non indifferente, calo rispetto alle elezioni europee e  vede assottigliarsi il vantaggio rispetto al Movimento 5 stelle che proprio al momento del voto per i parlamentari UE sembrava destinato, invece, a progredire.

Rispetto alle elezioni europee risulta in costante crescita il partito di Giorgia Meloni, Fratelli d’Italia, che in alcuni sondaggi, come quelli di Ipsos e di Ixè, supera di oltre due punti percentuali il già buon esito delle elezioni europee. Ogni sondaggio politico comunque attesta una notevole crescita.

Percentuali singoli partiti politici: chi voterebbero oggi gli italiani

Ma andando nello specifico, qual è la media delle intenzioni di voto ricavata dal giornale di Enrico Mentana Open dai sondaggi politici dei principali istituti demoscopici?

Il primo partito resta la Lega di Salvini con il 31,3%. Il calo rispetto alle europee di Maggio, quando raggiunse il 34,3%, è di 3 punti percentuali. Ma il distacco rispetto al secondo partito, il Pd, resta introno al 10%. 

Il Pd si attesta intorno al 20%, con un dato minimo rilevato da Euromedia del 18,8% e, come detto, in calo rispetto al 22,7% delle europee.

Come terzo partito resta stabile il M5S, con una media del 19,3% ma con un rilevante dato massimo del 20,2%.

Fratelli d’Italia ha una media del 7,7%. Ma il partito della Meloni supera l’8% in ben quattro sondaggi. Un risultato ragguardevole se paragonato al 6,4% delle europee.

I berlusconiani di FI non calano nella media, che si attesta intorno al 6,7%. Bisogna però considerare che due rilevazioni lo pongono sotto la soglia del 6% ( per i sondaggi di Swg sono al 5% e per Bidimedia al 5,5%).

Il trend positivo di Italia Viva è confermato da una media del 4,6%. Tale media tiene conto di risultati alquanto variegati: si passa dal 3,5 % attribuito da Piepoli al 6% di Noto Sondaggi.

Sofferenza per altri partiti minori. La Sinistra e Leu (conteggiati assieme da molti istituti) hanno una media del 2,2%. I Verdi all’1,8% mentre +Europa è calato all’1,9% dopo la nascita del nuovo partito di Matteo Renzi. Intorno all’1% Cambiamo! di Toti e Siamo europei di Calenda.

Sondaggi considerati: Swg,Tecnè, Ixè, Ipsos, Piepoli, Index, Bidimedia, Euromedia, Noto, Emg. 

Google+
© Riproduzione Riservata