A Quiet Place: trama, recensione, scheda tecnica, cast e trailer

Mario Ragone 6 Febbraio 2020

Ecco di cosa parla il film A Quiet Place, diretto da John Krasinski, con Emily Blunt: trama, recensione, scheda tecnica, cast e trailer.

La pellicola sci-fi dell’attore e regista Krasinski, vede al centro della storia una famiglia sopravvissuta ad un incredibile invasione aliena.

Quest ultima, connotata da scarne capacità visive ma ottime abilità uditive, si sposta e attacca in virtù di tali peculiarità. A doversi riparare dalle grinfie dei predatori extraterrestri sono Lee, sua moglie Evelyn, e i loro tre figli: Regan, Marcus e Beau. Proprio dalla loro lotta tensiva con l’emissione di suoni trae ispirazione il titolo dell’opera cinematografica.

Il cast del film A Quiet Place oltre la presenza del suo regista/interprete John Krasinski, conta anche su attori quali Emily Blunt (“Il diavolo veste Prada”), Noah Jupe, Millicent Simmonds, Cade Woodward e Leon Russom.

Un racconto fantascientifico dalle sfumature thriller in cui la chiave di lettura principale è quella della sopravvivenza. Sullo sfondo di tale storyline vi è poi il legame familiare che unisce i protagonisti nella disperata avventura per mettersi in salvo dalle creature aliene.

Trama e recensione A Quiet Place: di cosa parla il film di John Krasinski con Emily Blunt

Dopo aver esaminato cast e tematiche del lavoro sviluppato da John Krasinski, prendiamo ora in considerazione trama e recensione del film A Quiet Place. Il thriller sci-fi in questione tratta le vicende post invasione aliena di una famiglia di New Paltz. I membri che la costituiscono sono Lee Abbott, sua moglie Evelyn, e i loro tre figli Marcus, Regan e Beau. Nello specifico la giovane Regan è sorda e i suoi genitori comunicano con lei tramite il linguaggio dei segni americano. Questo perchè è di fondamentale importanza, ai fini della sopravvivenza di tutti, il non emettere suoni che possano attirare le creature predatrici.

Tali esseri, infatti, utilizzano le eccellenti capacità uditive di cui sono dotati per i propri spostamenti ed attacchi. Essendo a conoscenza di ciò, gli Abbott cercano di evitare in ogni modo suoni o rumori. Tuttavia, proprio questa particolarità costerà la vita ad uno dei componenti della famiglia: Beau. Il bambino con la complicità della sorella Regan, porta con sè un giocattolo. Ricaricato l’oggetto con alcune batterie (di cui sono all’oscuro i genitori), esso richiama l’attenzione di una delle creature che uccide il ragazzino.

A distanza di un anno da tale tragedia, la famiglia si è rifugiata in una fattoria di periferia. Qui il capofamiglia Lee si dedica alla messa a punto dell’apparecchio acustico della figlia sorda per amplificarne le potenzialità. Inoltre sua moglie è incinta e viene aiutata da Regan per le faccende domestiche. Un giorno, però, mentre Lee e suo figlio Marcus sono fuori per addestrarsi, la ragazza esce di casa all’insaputa della madre Evelyn. Quest ultima, rimasta sola, partorisce nella vasca da bagno e per camuffare le fatali grida di dolore accende le luci rosse d’allarme della fattoria. Notandole, Lee e suo figlio capiscono che qualcosa non va e rientrano di corsa a casa.

Il finale del thriller fantascientifico di John Krasinski

Rientrati in fattoria, Lee intuito il pericolo della minaccia aliena attirata involontariamente dalle grida della moglie, ordina al figlio Marcus di far esplodere dei fuochi d’artificio. Questi, depistando la creatura predatrice, offrono l’occasione all’uomo di raggiungere Evelyn ed il neonato. I rumori attirano anche Regan che nel frattempo si era recata al luogo in cui era seppellito il fratello Beau (della cui morte si era resa responsabile).

Marcus dopo essere stato raggiunto dalla sorella si rifugia con lei nel granaio della fattoria. Lee e la moglie si nascondono invece nel seminterrato per mettere al sicuro anche il loro bambino. La creatura aliena, ripresasi dal fastidio provacato dai fuochi, avvicina Marcus e Regan mettendoli in pericolo. Per fortuna, però, l’apparecchio acustico potenziato della ragazza infastidisce nuovamente l’essere extraterrestre che scappa. Lee, ritrovati i figli nel granaio, tenta di condurli nel seminterrato, ma sulla strada ricompare l’alieno. A questo punto l’uomo decide di sacrificare la propria vita per salvare quella dei suoi cari.

Immolatosi nello scontro con la creatura, Lee ha la peggio. All’alba i suoi familiari, dopo essersi ricongiunti, ne piangono la scomparsa ed in particolare Regan tenta di seguirne le orme. Studiando, infatti, gli appunti del padre, la ragazza scopre che lo strumento acustico utilizzato in precedenza può essere l’arma per annientare gli invasori. Messo a punto un piano per attirare le creature aliene, Regan e sua madre riescono prima ad indebolire e poi ad ucciderne una. La scena finale mostra le due donne nell’intento di sterminare gli altri esseri rimasti, consce di aver scoperto il loro punto debole. Un thriller ad alta tensione, quello di Krasinski che unisce alla perfezione toni fantascientifici ed horror nella sua doppia veste di regista ed interprete.

Scheda tecnica del film A Quiet Place e trailer ufficiale HD

Scheda tecnica
Una famiglia sopravvissuta ad un'invasione aliena tenta di mettersi in salvo dalle creature predatrici rimaste. Rifugiatasi in un granaio, essa diventa ostaggio degli attacchi ripetuti degli esseri extraterrestri. Toni fantascientifici ed horror fanno da sfondo al film.
TitoloA Quiet Place
Durata90'
Generethriller/sci-fi
CastJohn Krasinski, Emily Blunt, Noah Jupe, Millicent Simmonds, Cade Woodward, Leon Russom
RegiaJohn Krasinski
Anno di prod.2018
Scheda tecnica
Una famiglia sopravvissuta ad un'invasione aliena tenta di mettersi in salvo dalle creature predatrici rimaste. Rifugiatasi in un granaio, essa diventa ostaggio degli attacchi ripetuti degli esseri extraterrestri. Toni fantascientifici ed horror fanno da sfondo al film.
TitoloA Quiet Place
Durata90'
Generethriller/sci-fi
CastJohn Krasinski, Emily Blunt, Noah Jupe, Millicent Simmonds, Cade Woodward, Leon Russom
RegiaJohn Krasinski
Anno di prod.2018
© Riproduzione Riservata
avatar Mario Ragone Sono Mario Ragone, redattore web con formazione in Comunicazione Audiovisiva e Mediale. Ho grande passione per il Social Marketing e l'informazione a 360°. Mi occupo, infatti, di argomenti di vario tipo che spaziano dalla Cultura come Cinema e Televisione all'Economia, dalla Medicina allo Sport fino al mondo di motori. Penso che avere un'idea su molteplici tematiche della nostra vita, ci permette di passare dall'una all'altra con grande versatilità mentale, una condizione questa che rende una persona libera nell'esprimersi, senza farsi fuorviare o condizionare. Capacità critica di discernimento ed autonomia di pensiero sono per me gli unici due elementi che ci rendono realmente liberi dalla schiavitù dell'ignoranza. Approfondisco le mie rubriche con intervento di esperti e professionisti del settore di cui scrivo. Leggi tutto