Alaska: trama, recensione, scheda tecnica, cast e trailer del film

Mario Ragone 4 Marzo 2020

Ecco di cosa parla il film Alaska, diretto da Claudio Cupellini, con Elio Germano: trama, recensione, scheda tecnica, cast completo e trailer.

Il dramma sentimentale sviluppato dal regista Cupellini tratta le vicende di una giovane coppia: lui cameriere d’albergo, lei modella in erba. I due si conoscono all’interno di un hotel e da lì inizia la loro storia d’amore contraddistinta da momenti tragici e attimi di disincanto. Un racconto che unisce passione e dramma mettendo a confronto le due personalità completamente opposte dei protagonisti.

Il cast completo del film Alaska vede tra le sue fila gli attori Elio Germano (“La tenerezza”), Astrid Bergès-Frisbey, Valerio Binasco, Elena Radoncich, Paolo Pierobon, Pino Colizzi, Marco D’Amore, Roschdy Zem. Un set nutrito utile a mettere in scena le trame intricate che tengono unite, talvolta a distanza, talvolta in modo ravvicinato, le due figure principali.

Il destino poi fa il resto, rimettendo ogni volta sulla stessa strada i partner della giovane coppia protagonista.

Trama e recensione del film Alaska: di cosa parla il film di Cupellini con Elio Germano

Avendo esaminato cast completo e tematiche fondamentali del lavoro filmico di Claudio Cupellini, passiamo ora all’analisi di trama e recensione del film Alaska. Un hotel di lusso di Parigi fa da sfondo all’iniziale incontro tra i due protagonisti: Fausto e Nadine. Lui è un cameriere, lei una partecipante ad una selezione di moda.

Il coinvolgimento maggiore è soprattutto da parte di Fausto, il quale s’innamora fin da subito della ragazza, perdendosi completamente in lei. Ciò conduce il giovane cameriere a mettersi ben presto anche in guai seri per amore di Nadine, al punto tale da esser licenziato e finire in prigione. Durante il periodo di reclusione, Fausto pensa continuamente alla sua fidanzata, inviandole spesso delle lettere che però non hanno risposta. Dal canto suo, la ragazza si afferma come modella realizzando il proprio sogno.

Scontata la pena, il protagonista ritrova la libertà e con sua somma gioia scopre che lì fuori ad attenderlo c’è proprio la sua amata. Il riavvicinamento dei due li porta però a capire che a distanza di tempo qualcosa è mutato. Fausto, in particolare, si rende conto che Nadine è cresciuta e la sua affermazione professionale e personale l’ha notevolmente cambiata. Tuttavia il ragazzo va a viviere a casa di lei, iniziando un nuovo progetto legato all’apertura di una discoteca a Milano dal nome “Alaska”. Il successo di tale attività porta Fausto a vivere un momento di massima felicità che coincide con un periodo decisamente negativo per Nadine.

Il finale del dramma sentimentale di Claudio Cupellini

La tristezza della ragazza porta la coppia ad una discussione in auto che causa un incidente. Dal terribile evento la ragazza ne esce con una gamba malconcia e la paura di aver compromesso la propria carriera da modella. Questo momento di negatività spinge Nadine tra le braccia di un altro uomo e di conseguenza a rompere il legame con Fausto.

L’ex cameriere, ora proprietario di una discoteca redditizia ed affermata, cede, invece, alle lusinghe di una facoltosa donna d’affari. Quest ultima, inoltre, propone al protagonista di diventare gestore di un hotel di lusso, novità che porta Fausto a lasciare la proprietà dell’attività notturna. Questo cambiamento di piani, innesca a sua volta un altro tragico evento: il socio del ragazzo si suicida dopo aver venduto la discoteca e dilapidato la somma ottenuta. Un fatto, questo, che riavvicina Fausto e Nadine, in occasione dei funerali dell’amico comune.

Ciò nonostante, il rivedersi tra i due non genera una riconciliazione definitiva, in quanto alla proposta della ragazza di partire insieme per Parigi, Fausto risponde di no. L’ex modella ricomincia da capo nella capitale francese in qualità di barista, ma un giorno decide di rubare un’ingente somma di denaro al suo datore di lavoro per andare via. L’uomo, però, rintraccia la ragazza per riavere indietro i soldi e la lite tra i due finisce con l’uccisione del datore da parte di Nadine. In stato totale di choc, quest ultima viene raggiunta da Fausto che assiste alla sua reclusione proprio come era accaduto tempo addietro a parti invertite. L’epilogo del film di Cupellini vede il ragazzo attendere Nadine fino al momento della sua uscita di prigione con la promessa reciproca di sposarsi.

Scheda tecnica del film Alaska e trailer ufficiale HD

Scheda tecnica
Una giovane coppia formata da un cameriere d'albergo ed una modella in erba intraprende una relazione amorosa contraddistinta da eventi drammatici e attimi di disincanto. Il destino poi fa il resto intrecciando le strade dei due protagonisti.
TitoloAlask
Durata125'
Generedramma sentimentale
CastElio Germano, Astrid Bergès-Frisbey, Valerio Binasco, Elena Radoncich, Paolo Pierobon, Pino Colizzi, Marco D'Amore
RegiaClaudio Cupellini
Anno di prod.2015
Scheda tecnica
Una giovane coppia formata da un cameriere d'albergo ed una modella in erba intraprende una relazione amorosa contraddistinta da eventi drammatici e attimi di disincanto. Il destino poi fa il resto intrecciando le strade dei due protagonisti.
TitoloAlask
Durata125'
Generedramma sentimentale
CastElio Germano, Astrid Bergès-Frisbey, Valerio Binasco, Elena Radoncich, Paolo Pierobon, Pino Colizzi, Marco D'Amore
RegiaClaudio Cupellini
Anno di prod.2015
© Riproduzione Riservata
avatar Mario Ragone Sono Mario Ragone, redattore web con formazione in Comunicazione Audiovisiva e Mediale. Ho grande passione per il Social Marketing e l'informazione a 360°. Mi occupo, infatti, di argomenti di vario tipo che spaziano dalla Cultura come Cinema e Televisione all'Economia, dalla Medicina allo Sport fino al mondo di motori. Penso che avere un'idea su molteplici tematiche della nostra vita, ci permette di passare dall'una all'altra con grande versatilità mentale, una condizione questa che rende una persona libera nell'esprimersi, senza farsi fuorviare o condizionare. Capacità critica di discernimento ed autonomia di pensiero sono per me gli unici due elementi che ci rendono realmente liberi dalla schiavitù dell'ignoranza. Approfondisco le mie rubriche con intervento di esperti e professionisti del settore di cui scrivo. Leggi tutto