The Giver-Il mondo di Jonas: trama, recensione, cast e trailer film

Mario Ragone 9 Marzo 2020

Ecco di cosa parla il film The Giver-Il mondo di Jonas, diretto da Phillip Noyce: trama, recensione, scheda tecnica, cast completo e trailer.

La pellicola sci-fi del regista australiano trae ispirazione dal romanzo fantasy di Lois Lowry “The Giver-Il donatore”. Tale adattamento cinematografico pone al centro della storia un ragazzo, Jonas, ed il suo particolare compito: custodire le memorie dell’umanità. Attraverso alcune peripezie e con l’aiuto di un’amica e di una guida, il protagonista cambierà per sempre il destino legato al suo ruolo.

Il cast completo del film The Giver-Il mondo di Jonas si basa su attori quali Brenton Thwaites, Odeya Rush, Jeff Bridges (“Hell or High Water”), Meryl Streep, Alexander Skarsgard, Katie Holmes, Cameron Monagan, Taylor Swift. Set nutrito che restituisce il contenuto dell’opera prima di Lowry in chiave moderna. La chiave di lettura è quella del ricordo e dell’importanza che esso ha nelle nostre vite.

Le memorie, racchiudendo il passato di ciascuno di noi, rendono immortali i momenti migliori della nostra esistenza. Un bene immateriale ma prezioso da preservare, poichè arricchisce di colore una vita altrimenti grigia e cupa.

Trama e recensione del film The Giver-Il mondo di Jonas, di Phillip Noyce con Jeff Bridges

Dopo aver esaminato cast e tematiche dell’adattamento di Phillip Noyce, passiamo ora in rassegna trama e recensione del film The Giver-Il mondo di Jonas. In questa sua versione filmica, il contenuto narrativo del romanzo di Lowry prende una piega psico-sociale oltre che fantascientifica.

Il racconto ha luogo in un futuro non specificato dove la società vive in condizioni di serenità assoluta, priva di conflitti o tensioni. In essa, ogni nucleo familiare è composto da madre, padre, e due figli di sesso diverso. Una di queste famiglie è quella di Jonas, il protagonista, che proprio come tutti i suoi coetanei, ad ogni compleanno assume un incarico. Giunto all’età di 18 anni, il ragazzo assume il compito che determinerà il suo futuro. Così a Jonas spetta l’ardua missione di gestire i ricordi di tutta l’umanità in qualità di Accoglitore di Memorie.

Seguendo le orme di un’anziana guida conosciuta come Il Donatore, il protagonista approfondisce i diversi aspetti del suo ruolo. Jonas, quindi, inizia a capire ben presto che nei ricordi delle persone si annidano i momenti di maggiore felicità. Per questo motivo se ne prende cura con attenzione e si lega sempre più al suo incarico. Inoltre, il ragazzo inizia a sviluppare un particolare interesse nei confronti della sua amica Fiona. I due, amici da tempo, non avevano mai conosciuto emozioni diverse da quella che caratterizzava il loro rapporto. Trovandosi in un contesto in cui il sentimento e la passione erano vietati, Jonas e Fiona sfuggono a questa regola legandosi sentimentalmente.

Il finale dell’adattamento cinematografico di Phillip Noyce

Sfuggire alla repressione dei sentimenti, però, non è la sola regola che Jonas infrange. Il ragazzo, infatti, scoprendo dalla sua guida che i bambini inadatti al compito venivano uccisi, decide di intervenire. Interessato alla vicenda di un bambino in particolare, Gabriel, facente parte della sua unità familiare, Jonas lo prende con sè per salvargli la vita.

Durante la fuga, il protagonista viene a sapere dal Donatore che può restituire i ricordi a tutti oltrepassando un confine di contenimento delle memorie. In seguito ad un’avventura difficile, che vede il ragazzo insieme al bambino Gabriel districarsi tra deserti e montagne, ecco comparire il famoso dirupo. Superato tale limite contenente i ricordi dell’intera umanità, Jonas dischiude difatto il “vaso di Pandora” della memoria.

Portata a termine la missione, il protagonista intravede poi una piccola abitazione di legno simile a quella mostratagli dalla sua guida in un ricordo. Capendo il legame tra la visione e la realtà dinanzi ai suoi occhi, il ragazzo ed il bambino si avviano verso la casa. Un film originale, quello di Noyce, poichè va oltre il mero adattamento di un romanzo, per farne qualcosa di più. Permeandolo con una riflessione psicosociale sui ricordi, il contenuto sci-fi del regista australiano assume originalità e vigore.

Scheda tecnica del film The Giver-Il mondo di Jonas e trailer HD

Scheda tecnica
Un ragazzo giunto all'età di 18 anni viene incaricato di accogliere le memorie dell'intera umanità diventando l'erede del Donatore. Ben presto però capirà che il suo ruolo comporta sacrifici e responsabilità tutt'altro che felici.
TitoloThe Giver-Il mondo di Jonas
Durata97'
Generesci-fi
CastBrenton Thwaites, Odeya Rush, Jeff Bridges, Meryl Streep, Alexander Skarsgard, Katie Holmes, Cameron Monagan, Taylor Swift
RegiaPhillip Noyce
Anno di prod.2014
Scheda tecnica
Un ragazzo giunto all'età di 18 anni viene incaricato di accogliere le memorie dell'intera umanità diventando l'erede del Donatore. Ben presto però capirà che il suo ruolo comporta sacrifici e responsabilità tutt'altro che felici.
TitoloThe Giver-Il mondo di Jonas
Durata97'
Generesci-fi
CastBrenton Thwaites, Odeya Rush, Jeff Bridges, Meryl Streep, Alexander Skarsgard, Katie Holmes, Cameron Monagan, Taylor Swift
RegiaPhillip Noyce
Anno di prod.2014
© Riproduzione Riservata
avatar Mario Ragone Sono Mario Ragone, redattore web con formazione in Comunicazione Audiovisiva e Mediale. Ho grande passione per il Social Marketing e l'informazione a 360°. Mi occupo, infatti, di argomenti di vario tipo che spaziano dalla Cultura come Cinema e Televisione all'Economia, dalla Medicina allo Sport fino al mondo di motori. Penso che avere un'idea su molteplici tematiche della nostra vita, ci permette di passare dall'una all'altra con grande versatilità mentale, una condizione questa che rende una persona libera nell'esprimersi, senza farsi fuorviare o condizionare. Capacità critica di discernimento ed autonomia di pensiero sono per me gli unici due elementi che ci rendono realmente liberi dalla schiavitù dell'ignoranza. Approfondisco le mie rubriche con intervento di esperti e professionisti del settore di cui scrivo. Leggi tutto