• Ferrante
  • Cocchi
  • Quarta
  • Liguori
  • Tassone
  • Bonetti
  • Rossetto
  • Valorzi
  • Falco
  • Andreotti
  • Quaglia
  • Meoli
  • Baietti
  • Napolitani
  • Paleari
  • Gelisio
  • Rinaldi
  • Mazzone
  • Ward
  • Leone
  • Pasquino
  • Chelini
  • Gnudi
  • Miraglia
  • De Leo
  • Algeri
  • Coniglio
  • Scorza
  • Romano
  • Grassotti
  • Carfagna
  • Bonanni
  • Casciello
  • Crepet
  • Barnaba
  • Califano
  • Dalia
  • Bruzzone
  • Boschetti
  • Santaniello
  • De Luca
  • Alemanno
  • di Geso
  • Cacciatore
  • Catizone
  • Romano
  • Buzzatti

Frasi Lo Stato Sociale: citazioni canzoni famose e di Sanremo

Carolina Campanile 3 Febbraio 2021
C. C.
04/08/2021

Le più belle frasi de Lo Stato Sociale, citazioni canzoni famose e brani presentati al Festival di Sanremo: aforismi per capire chi è il gruppo bolognese.

Il gruppo nasce nel 2009, e già nel 2010 autoproducono il loro primo EP. Nel 2012 invece esce il loro primo album in studio, Turisti della democrazia, che promuovono con più di 200 concerti in giro per l’Italia.

Il successo arriva soprattutto con il singolo C’eravamo tanto sbagliati, che scala le classifiche e sorpassa anche il brano Happy di Pharrell Williams.

Nel 2017 è annunciata la loro partecipazione a Sanremo dove, con il singolo Una vita in vacanza, ottengono il secondo posto. Il brano riscuote un notevole successo radiofonico, risultando il più trasmesso in Italia per oltre un mese.

A giugno del 2020 pubblicano l’ultimo singolo, Dj di m****, con la partecipazione di Arisa e della rapper Myss Keta.

Nei loro brani ci parlano della vita e di tutte le sue sfumature, dalla politica alle relazioni, e lo fanno con quella penna un po’ ironica che li contraddistingue. Ecco le migliori frasi de Lo Stato Sociale ratte da canzoni famose. Riflessioni e testi dei brani della band.

Frasi Lo Stato Sociale tratte canzoni più belle e famose per capire chi è il gruppo bolognese

Chi è la band indie bolognese Lo Stato Sociale, frasi e citazioni, di canzoni famose e portate a Sanremo, ce lo dicono. Gruppo indie tra i più amati sulla scena italiana, la band è seguita da fan di tutte le età. Le loro canzoni toccano argomenti diversi e importanti, nelle frasi Lo Stato Sociale aspetti della vita, come voglia di realizzarsi, tristezza, delusione, fino alla felicità e all’amore.

Eccone qualche esempio.

  • Ma tu balla leggera su questo prato di carta, mia Venere scalza. – Abbiamo vinto la guerra
  • D’altronde che c’è di più bello della vita, e io l’ho vista da struccata appena sveglia. – Maiale
  • E quando la vita sarà una responsabilità, sarai sempre la mia scusa. – Sessanta milioni di partiti
  • Passerò col vento, passerà il momento, passerai per sempre, passerà la gente. – La musica non è una cosa seria
  • Parole, parole, parole, soltanto fiumi che vanno da sole, che non so afferrare, che è facile dirle senza pensare e guardare altrove. – Il sulografo e la principessa ballerina
  • Dammi un bacio che fuori è la rivoluzione che non passerà in tv. – La rivoluzione non passerà in tv
  • Io con te non mangerei nulla, perdo l’appetito e pure il fiato, e rimango sospeso. – Te per canzone una scritto ho
  • Io canto e tu mi salvi la vita. – Io, te e Carlo Marx
  • Ma non sai che bello che era quel sogno di un mondo dal disordine pulito. – In due è amore in tre è una festa
  • E tu amami come ameresti te se fossi me e viceversa, quindi male senza capire niente. – Amarsi male
  • Mi metto a contare il tempo che passa tra un venditore di rose e l’altro. – Mai stati meglio
  • Ricordati di ringraziare per una vita in tempo reale. – Sessanta milioni di partiti
  • Fidati delle cose chiare, non delle cose ovvie, di quelle luminose e non di quelle illuminate. – Quasi liberi

Citazioni Lo Stato Sociale di canzoni famose

Nei loro testi ci parlano della vita e dell’amore, ma anche della tristezza, delusione e felicità.

Anche per questo le frasi Lo Stato Sociale, tratte da canzoni belle e famose e dai brani presentati a Sanremo, sono condivise su Facebook e Instagram non solo dai loro fan.

  • Si sta svegli finché non muore la speranza, maledetta stronza che non muore mai mentre io vorrei dormire. – Mi sono rotto il cazzo
  • Vorrei trovare parole nuove ma piove piove, e allora me ne vado chissà dove. – Cromosomi
  • La distanza ci rende intoccabili e tra noi c’è uno spazio di approfondimento. – Vado al mare
  • Le tue palle degli occhi rotolano morbide, come dirigibili in un acquario, come clessidre nella bocca di una tromba d’aria, come l’aria che si fa portare. – Seggiovia sull’oceano
  • Chiedevo un passaggio per un mondo fragile, invece rimango inchiodato ai tuoi occhi. – Il sulografo e la principessa ballerina
  • Perché cancelli quello che scrivi se lo vorrai ricordare? – Forse più tardi un mango adesso
  • Tu sei in divieto di sosta, io sono in rimozione. Ricordo un freddo improvviso e pochissime parole: dov’è che avrò parcheggiato il tuo nome? – Te per canzone una scritto ho
  • Mi faccio una foto allo specchio, per essere sicura due volte di non dare l’immagine sbagliata di me, e poi è quasi sempre quella giusta. – Instant classic
  • Ti va se dopo la partita facciamo l’amore? – Amarsi male
  • E non resta niente dei tuoi sogni, se da sveglio non valgono più. – Sessanta milioni di partiti
  • Ti cerco nei sorrisi degli altri che non sorridono mai come te. – Eri più bella come ipotesi
  • Per quanto saremo lontani io ti vedrò ogni giorno, per quanto saremo sordi ti ascolterò ogni giorno. – Per quanto saremo lontani

Dalle canzoni di Sanremo, Frasi Lo Stato Sociale: citazioni e aforismi

Ci hanno fatto ballare con il brano Una vita in vacanza presentato a Sanremo, ma i loro testi, sebbene in chiave ironica, ci parlano della vita e di tutte le sue sfaccettature.

Ecco alcuni esempi delle frasi Lo Stato Sociale, citazioni canzoni famose e aforismi da condividere su Facebook e Instagram.

  • Se avessi tempo ti regalerei i miei denti, per lasciarti comporre i miei sorrisi migliori. – Seggiovia sull’oceano
  • Abbiamo vinto la guerra e non era mica facile, e già che avanzavano cartucce siamo rimasti
    per vincere anche la pace. – 
    Abbiamo vinto la guerra
  • Ho scritto una lettera d’amore una volta, ti pensavo così forte che poi mi è salita la pressione. – Quello che le donne dicono
  • Non avere niente ed essere tutto quello che possiamo solo immaginare, e poi ricominciare. – Sessanta milioni di partiti
  • Il netto senza tara è bassa marea, tutto ciò che si distrugge poi si ricrea. – Amore ai tempi dell’Ikea
  • Portami ovunque ma che sia lontano, lontano da casa mia, dove fidarsi è bene, ribellarsi è meglio. – La musica non è una cosa seria
  • Ma tu stai con me che ho un problema serio: mi piace scherzare con il fuoco. – Piccoli incendiari non crescono
  • Ci incontriamo sempre a mezza strada sulle scale, con la busta della spesa e cuore in ascensore. – Dozzinale
  • Una vita al contrario ed i sogni a metà. – Amarsi male
  • Avete chiesto cambiamento? Mi spiace, oggi serviamo solo merda. – Questo è un grande Paese
  • Questi sono e resteranno sempre i migliori anni della vostra sfiga. – Mai stati meglio
  • Voglio una musica solo per noi, senza pensare a quella degli altri, una musica che sia un incendio. – Sessanta milioni di partiti
© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata
Carolina Campanile Diplomata in Scienze del Turismo, sono iscritta alla Facoltà di Lettere Moderne alla Federico II. La passione per la scrittura nasce sin da piccola, quando nella mia stanzetta inventavo fiabe che ancora oggi custodisco gelosamente. Appassionata di letteratura e di arte, con gli anni ho iniziato ad interessarmi anche a ciò che è successo e succede nel mondo. Sensibile ai problemi che il pianeta (e l'uomo) affronta quotidianamente, per ControCampus scrivo prettamente per la rubrica Giornate e festività. L'idea nasce dalla volontà di raccogliere tutte le ricorrenze il cui obiettivo è sensibilizzare gli animi. Gli articoli trattano vari temi, dal problema dell'inquinamento alle malattie per le quali non ancora esiste una cura specifica. In passato ho scritto per la rubrica Il Personaggio e Frasi, dove ogni tanto mi ritroverete. Leggi tutto