• Ward
  • Liguori
  • Ferrante
  • Coniglio
  • Valorzi
  • Tassone
  • de Durante
  • De Luca
  • Bonetti
  • Napolitani
  • Santaniello
  • Gnudi
  • Falco
  • Rinaldi
  • Leone
  • Cocchi
  • Pasquino
  • Rossetto
  • Grassotti
  • Antonucci
  • Barnaba
  • Bruzzone
  • Casciello
  • Mazzone
  • Meoli
  • Buzzatti
  • Cacciatore
  • Catizone
  • Alemanno
  • Scorza
  • Califano
  • Crepet
  • Andreotti
  • Quarta
  • Algeri
  • Boschetti
  • Miraglia
  • Romano
  • Paleari
  • Quaglia
  • Baietti
  • Romano
  • Gelisio
  • Carfagna
  • Dalia
  • di Geso
  • Chelini
  • Bonanni
  • De Leo

Chi è Lunetta Savino: età, genitori, compagno, figli, film e fiction

Letizia Liguori 21 Marzo 2022
L. L.
28/05/2022

Si chiama Marina nella fiction Studio Battaglia, ecco chi è Lunetta Savino oggi nella vita privata: età, origini, genitori, compagno, figli, film, fiction e serie tv dell'attrice.



Sia al cinema che in tv la vediamo spesso nel ruolo di madre e moglie e la sua filmografia consta di ben 27 titoli di pellicole e di ben oltre 20 prodotti televisivi tra film tv, serie e fiction.

É il piccolo schermo a regalarle il successo del grande pubblico, nel ruolo dell’amatissima tata della famiglia Martini nella fiction “Un medico in famiglia”. Altri progetti televisivi di successo ai quali ha lavorato sono Raccontami, Il figlio della luna, Il coraggio di Angela, Due mamme di troppo, Il candidato – Zucca presidente Pietro Mennea – La freccia del Sud, Felicia Impastato.

Esordisce al cinema con “Grog” diretta da Francesco Laudadio. Lavora con i grandi registi italiani sin dagli inizi, da Nanni Loy a Matteo Garrone fino a Cristina Comencini. Sia cinema che tv la vedono spesso nel ruolo di madre e moglie, citiamo  “Mai + come prima” di Giacomo Campiotti, “Saturno Contro” e “Mine Vaganti” di Ferzan Ozpetek.

Nel 2015 è nell’opera prima come regista di Giorgio Pasotti nel film “Io, Arlecchino”. Altri film degli di nota sono: “Scusate se esisto” di Riccardo Milani, Oggi sposi di Luca Lucini, “Tutto tutto niente niente” e “Sono stato negro pure io ” di Giulio Manfredonia.

Ma a parlarci di lei non sarà solo la sua filmografia, serie tv, fiction e film Lunetta Savino chi è oggi, quanti anni ha, dove vive, origini, vita privata, marito, figli sarà la sua biografia a raccontarcelo.

Chi è Lunetta Savino oggi: biografia, età,  origini, genitori, compagno, figli e vita privata dell’attrice

Per mettere a fuoco la sua biografia e sapere chi è Lunetta Savino, Instagram, Facebook e Twitter ci aiuteranno innanzitutto a conoscere età, altezza, peso, fisico, origini, dove vive, se ha un marito, famiglia e figli.

Nasce a Bari il 2 novembre 1957 sotto il segno zodiacale dello Scorpione. É alta 165 cm e pesa 55 kg.

L’attrice di teatro, cinema e televisione è di un talento cristallino, bravissima e coerente in ogni ruolo dai drammatici ai comici. Occhi azzurri e capelli argentei la contraddistinguono.

Di sé stessa dice di essere una fatalista ottimista, Fellini amava descriverla come una donna dal cuore infrangibile e occhi da tigre buona.

Sin da bambina faceva le imitazioni delle cantanti dell’epoca e manifestava da subito il suo particolare talento per la comicità. Abile nello scoprire ed imitare i dettagli che caratterizzano il carattere delle persone, è riuscita ad imporsi nel variegato panorama del cinema italiano, grazie anche alla sua personale simpatia.

Curiosità sulla vita dell’attrice: la montagna è la sua grande passione, come pure il canto. Proprio la sua intonazione le ha permesso di raggiungere livelli altissimi nelle performance teatrali.

Il profilo Instagram di Lunetta Savino è seguito da quasi 54 mila followers. Condivide con i fan gli scatti riguardanti il suo lavoro, descrizioni accompagnate da citazioni e suoi pensieri su personaggi appartenenti al mondo del cinema. Non mancano scatti rubati dal suo quotidiano e suoi personali consigli alla lettura. Infine, spiccano post di sensibilizzazione su particolari tematiche sociali, molto care all’attrice, come la violenza sulle donne.

Circa le sue origini, sappiamo che i genitori di Lunetta Savino, sono entrambi insegnanti: papà Gino e mamma Gigliola ama definirli intellettuali. L’hanno incitata sempre ad inseguire i suoi desideri e a realizzarsi professionalmente. La coppia ha quindi cercato di assecondare l’ambizione della figlia, a patto che quest’ultima conseguisse in ogni caso la laurea. Il traguardo formativo è stato raggiunto a circa trent’anni dall’attrice, che durante la sua carriera scolastica ha continuato ad inseguire il suo sogno di diventare un’affermata attrice, oltre che una brava madre.

Ad oggi mamma Gigliola non c’è più, è morta di Alzheimer. Il padre ha compiuto 100 anni lo scorso anno e nonostante l’età, è descritto come un uomo dalla tempra forte, granitico, spiritoso e vitale.

Per quanto riguarda la vita sentimentale e privata dell’attrice, sappiamo che è stata sposata fino al 1994. L’ex marito di Lunetta Savino è Franco Tavassi dal quale ha avuto un figlio, Antonio. La sua nascita è stata l’emozione più grande della sua vita, dichiara l’attrice. Attualmente l’attrice ha un compagno, Saverio Lodato, giornalista e saggista italiano, i due si sono conosciuti sul set della fiction Felicia Impastato.

Formazione e titoli di studio dell’attrice Savino

Se moltissimi oggi la ricordano nei panni di Cettina Gargiulo nella serie Un medico in famiglia, Lunetta Savino chi è oggi come attrice e cosa ha fatto per arrivare ad essere quella che è ora, non tutti lo sanno. Conosciamola meglio attraverso la sua formazione e cerchiamo insieme di ricostruirla.

Dopo aver frequentato il liceo classico, dal 1977 prende parte alla Scuola di Teatro diretta da Alessandra Galante Garrone a Bologna, dove in seguito consegue il diploma.

Approfondisce la sua formazione con seminari diretti da Jacques Lecocque (La Commedia dell’Arte) e P. Byland (La ricerca del proprio clown). Inoltre nel 1983 partecipa al seminario con D. De Fazio sul metodo dell’Actor Studio.

La sua carriera inizia a teatro nel 1981 nella tragedia Macbeth con G. Mauri diretta da E. Marcucci, Cavaliere senza patria nel 1982, Il mercante di Venezia nel 1984. Nel 1985 è in “Non è vero ma ci credo” e “Come finì Don Ferdinando Ruoppolo” con L. De Filippo e P. De Filippo.

Nel 1989 consegue la laurea in DAMS con il massimo dei voti presso l’Università degli studi di Bologna.

Molto importanti per la sua professione d’attrice sono le partecipazioni in “Un brutto difetto” (1992) di E. Scarpetta, “Medea” (1994) di A. Captano, “Prova orale per membri esterni” (1995-99) di C. Grimaldi, nel 1998 “Le sorelle Materassi” e Monologhi della vagina di E. Ensler, regia di Emanuela Giordano (2001).

Filmografia, film, fiction e serie tv: Lunetta Savino chi è oggi in tv

Dal cinema alla televisione, chi è Lunetta Savino oggi sarà sicuramente la sua filmografia e il curriculum ricco di partecipazioni, in progetti importanti a raccontarcelo. Conosciamola meglio nel ruolo di Marina Battaglia nella fiction Rai: “Studio Battaglia”. E poi scopriamo insieme quali sono i suoi ultimi lavori sia sul piccolo sia sul grande schermo.

Interpreta la madre di tre figlie, le ha cresciute da sola, portando avanti anche il proprio studio. É una donna di successo, avvocato spietato, senza scrupoli, proprio grazie al suo temperamento è riuscita ad arrivare ad alti livelli. Il cinismo e l’ironia le servono da scudo per non mostrare le sue fragilità. Ha la capacità di ferire usando solo le parole. Ritorna nella sua vita, l’ex marito, il quale cerca di ricostruire un rapporto con le figlie che ormai non vede da venticinque anni. Il tradimento dell’ex marito con Fanny, la ragazza alla pari, nonostante il tempo passato, resta una ferita ancora aperta per Marina.

Ultimi lavori al cinema sono nel 2018 in “Amici come prima” per la regia di Christian De Sica e “Croce e delizia” di Simone Godano. Nel 2020 riceve tre candidature dai David di Donatello, ai Nastri D’argento sino al Premio Flaiano, per il ruolo da protagonista nel film “Rosa” di Katia Colja. Nel 2021 appare nei film “Io e mio fratello” di Luca Lucini e “My Soul Summer” di Fabio Mollo.

In televisione la vediamo di recente oltre che in “Studio Battaglia” (2022) anche nella serie “Le indagini di Lolita Lobosco” nei panni di Nunzia la mamma della protagonista alias Luisa Ranieri.

Anagrafica Principale
Nasce a Bari il 2 novembre 1957 sotto il segno zodiacale dello Scorpione. É alta 165 cm e pesa 55 kg. Attrice di teatro, cinema e televisione. Si forma presso la Scuola di Teatro diretta da Alessandra Galante Garrone a Bologna. Esordisce al cinema in "Grog" e in televisione in "Storie di mozziconi" di Nanni Fabbri. Nota per UN MEDICO IN FAMIGLIA (1997-2006), 7 RACCONTAMI (2006), MINE VAGANTI (2009), SATURNO CONTRO (2006), SCUSATE SE ESISTO (2014) AMICI COME PRIMA (2018), ROSA (2019) e STUDIO BATTAGLIA (2022).
Nome e CognomeLunetta Savino
Data di nascita02/11/1957
Luogo di nascitaBari
ProfessioneAttrice
Anagrafica Principale
Nasce a Bari il 2 novembre 1957 sotto il segno zodiacale dello Scorpione. É alta 165 cm e pesa 55 kg. Attrice di teatro, cinema e televisione. Si forma presso la Scuola di Teatro diretta da Alessandra Galante Garrone a Bologna. Esordisce al cinema in "Grog" e in televisione in "Storie di mozziconi" di Nanni Fabbri. Nota per UN MEDICO IN FAMIGLIA (1997-2006), 7 RACCONTAMI (2006), MINE VAGANTI (2009), SATURNO CONTRO (2006), SCUSATE SE ESISTO (2014) AMICI COME PRIMA (2018), ROSA (2019) e STUDIO BATTAGLIA (2022).
Nome e CognomeLunetta Savino
Data di nascita02/11/1957
Luogo di nascitaBari
ProfessioneAttrice
© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata
Letizia Liguori Sono una studentessa di Lettere Moderne. Ho scelto questa facoltà per la mia passione più grande: la scrittura. Credo nel potere delle parole per cambiare il mondo, perché queste hanno una forza innata. Nel corso della mia vita, la scrittura è stata uno strumento di evasione: mi ha consolato nei momenti difficili e aiutato quando necessitavo di un consiglio. Maturando ho capito la sua importanza: raccontare idee che smuovano le coscienze. Le mie giornate da adolescente sono state influenzate dalle storie dei deboli di De Andrè, della poesia fatta canzone di Guccini, dal cinema con regia cristallina di Sorrentino e dalla lettura dei classici. Grazie alla lettura riesco ad allontanarmi dalla realtà presente ricercando un altrove nelle epoche passate. Credo che le parole siano un mezzo importante per conoscere sé stessi e gli altri, i vocaboli sono sempre stati la mia difesa, la mia ancora di salvezza. Il mio obiettivo è quello di impiegarli per rendere edotto ed informato il lettore lasciandogli una traccia, un punto di vista, seppur rivolto ad un unico e singolo individuo. Leggi tutto