• Andreotti
  • Carfagna
  • De Luca
  • Scorza
  • Catizone
  • Leone
  • Crepet
  • Cocchi
  • Liguori
  • Califano
  • Algeri
  • Rinaldi
  • Rossetto
  • Falco
  • Barnaba
  • Gelisio
  • Quaglia
  • Pasquino
  • Grassotti
  • Cacciatore
  • Alemanno
  • Miraglia
  • Valorzi
  • Quarta
  • Bruzzone
  • Mazzone
  • Napolitani
  • Gnudi
  • De Leo
  • Chelini
  • Tassone
  • Baietti
  • Ferrante
  • Santaniello
  • Boschetti
  • Ward
  • Buzzatti
  • Romano
  • Romano
  • de Durante
  • Bonetti
  • Casciello
  • Paleari
  • Coniglio
  • Antonucci
  • Dalia
  • Meoli
  • di Geso
  • Bonanni

Sciopero scuola a marzo 2022: scuola, sanità e trasporti si fermano

Martina Sapio 3 Marzo 2022
M. S.
28/05/2022

Informazioni sullo sciopero scuola di marzo 2022: date, modalità e motivazioni, ecco perché scioperano insieme, scuola, sanità e trasporti.



I sindacati lo hanno annunciato. Ci sarà uno sciopero di scuola, sanità e trasporti a marzo 2022. Anche se in giorni diversi e per cause diverse, tutte le assenze sono giustificate da un motivo preciso. Sarà un mese caldo per le sollevazioni di sindacati e lavoratori, molti dei quali protestano soprattutto per ragioni legate al covid. Le strutture fondamentali del nostro welfare lamentano di privazioni, tagli di personale e di stipendi, o maltrattamenti dallo Stato: questi i motivi della protesta.

Già il 7 febbraio c’era stato uno fermo dei docenti e del personale ATA. Poco è però cambiato nelle settimane successive. In generale, dal prossimo mese dovremo aspettarci una serie di giorni in cui vari lavoratori di diversi settori non timbreranno il cartellino. E le conseguenze per i cittadini saranno importanti.

L’1 e il 2 marzo i medici di base hanno annunciato l’astensione dal lavoro. Sono previste assenze in altri settori con lo sciopero 8 marzo 2022, specialmente in quello dei trasporti. Incroceranno poi le braccia i lavoratori del settore dell’istruzione il 25 marzo, insieme ad altre sigle sindacali per i lavoratori delle forze di polizia.

Motivazioni e modalità sciopero scuola a marzo 2022: perché scioperano, scuola, sanità e trasporti

Le proteste del ondo scolastico a marzo 2022 si concentreranno in due date. Si parla dello sciopero scuola 8 marzo 2022 e del 25 marzo 2022. Tuttavia, almeno per la prima data si parla soprattutto di astensione del settore dei trasporti (su gomma, ferroviari, aerei e marittimi).

Per quest’ultima manifestazione le sigle COBAS e USB hanno già annunciato uno sciopero trasporti 8 marzo 2022, da mezzanotte alle nove di sera della Festa delle donne. Le motivazioni avanzate dai sindacati sono la protesta contro la disparità salariale, il ruolo della donna nel posto di lavoro.

Per quanto riguarda la scuola, invece, la data fondamentale sarà il 25 marzo. La SISA invita ad astenersi dalle normali attività anche gli insegnanti e il personale ATA di tutte le scuole, pubbliche e private. Le pretese sono numerose, non legate soltanto al covid o alle disuguaglianze.

Insomma, marzo si preannuncia un mese ricco di manifestazioni. In generale, le modalità dello sciopero scuola sanità e trasporti saranno in linea con le recenti manifestazioni. Interruzioni di servizio programmate con certe fasce garantite, soprattutto per il settore della mobilità. Più complicata sarà invece la gestione dell’astensione dei medici di base, che svolgono un servizio fondamentale per le comunità locali, ma che hanno pretese e richieste ben precise. In ogni caso, le modalità precise saranno presto annunciate dalle sigle sindacali partecipanti, che cercheranno di conciliare gli interessi dei lavoratori con quelli dei cittadini.

Chi sciopera e perché: le richieste di scuola, sanità e trasporti

Come già detto, il prossimo mese sarà un momento fondamentale per le manifestazioni sindacali. A sollevarsi è il settore dei medici di base, dei trasporti e dell’istruzione.

Per quanto riguarda la prima protesta, quella del 2 marzo dei medici di base, le rivendicazioni hanno riguardato sia la pandemia sia la loro situazione lavorativa. Le associazioni sindacali chiedono tutele come ferie, malattia, maternità e sostegno ad handicap e sostituzioni. Ma anche una redistribuzione del carico di lavoro, che per molti è ingestibile, una politica sulle pari opportunità, e la previsione di un indennizzo per le famiglie di medici deceduti per covid.

I motivi dello sciopero trasporti 8 marzo 2022 sono legati per la parità di genere. Parità salariale, eliminazione delle discriminazioni e del c.d. tetto di cristallo, delle disuguaglianze sociali. E quindi più diritti, più garanzie per il genere femminile, in un settore dove queste disparità sono molto evidenti. Queste disuguaglianze sono infatti cresciute durante la pandemia, e le associazioni dei lavoratori intendono sottolineare questo aspetto.

Ed infine, lo sciopero scuola previsto per il 25 marzo. Le sigle sindacali richiedono l’abolizione della figura del dirigente scolastico e una minore burocrazia per l’ingresso nel posto di lavoro. Non è un mistero, infatti, come diventare insegnante o personale ATA sia un lungo e tortuoso percorso, a causa di graduatorie, burocrazie e trasferimenti impossibili. Le associazioni di lavoratori richiedono quindi una semplificazione della disciplina, che permetta quindi anche un’evoluzione del settore in generale.

© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata
Martina Sapio Studentessa di Giurisprudenza alla Federico II di Napoli, scrivo per la sezione Attualità e vedo nel giornalismo il modo migliore di mettere in pratica le mie conoscenze. Ho sempre amato scrivere così come ho sempre amato informarmi sul mondo che mi circonda, sul suo modo di cambiare e di evolversi. Per questo ho deciso di iniziare ad esplorare questo mondo. Capire da quali meccanismi è mossa la nostra società. Mi interesso in particolar modo di politica e di tematiche economiche, sia di carattere nazionale che internazionale, di come queste costanti influenzino tutti noi. Nello scrivere cerco di essere quanto più diretta e chiara possibile: un lavoro di ricerca e di rifinitura che ha come obiettivo la sola, vera informazione. Leggi tutto