• Google+
  • Commenta
29 marzo 2014

Wedding Planner: come diventare wedding planner per Enzo Miccio

Enzo Miccio

Chi di noi non si è mai imbattuto in programmi televisivi come Wedding Planner su Realtime e non ha sognato di prendere il posto del fantastico Enzo Miccio?

Wedding Planner

Wedding Planner

Ebbene, abbiamo avuto il piacere di avere direttamente da lui qualche dritta su come diventare Wedding Planner.

Ma vediamo insieme quali sono i passi fondamentali per intraprendere questa professione “da favola” e come diventare wedding planner per Enzo Miccio.

Chi è il Wedding Planner

Molti credono che approcciarsi ad un lavoro come questo sia difficile, non è così: per chi sogna di percorrere le orme di Enzo Miccio la strada è impegnativa, ma non impossibile. Il wedding planner è un mestiere poco conosciuto, soprattutto in Italia ma, negli ultimi anni, ha iniziato a diffondersi e ad acquisire molta credibilità.

Organizzare un matrimonio, infatti, richiede tempo ed impegno, cose di cui molte coppie oggi non sono a disposizione a causa degli impegni lavorativi: il wedding planner soddisfa proprio questa esigenza, venendo incontro alle richieste dei futuri sposi e informando loro delle numerose possibilità esistenti per rendere qualitativamente unico uno dei giorni più importanti della loro vita. Se siete estimatori dei ricevimenti di classe, del velo bianco e di bouquet sofisticati questa è la professione adatta a voi.

Di cosa si occupa un Wedding Planner: Molti sono gli aspetti di cui un wedding planner si occupa, siano essi romantici o no, nell’organizzazione di un matrimonio. Non basta, infatti, fare tutto ciò che la coppia di sposi ha richiesto, è necessario prendere contatto con tutti i servizi utili per la realizzazione della cerimonia e del ricevimento. Il tutto, ovviamente, facendo anche dei confronti nel rapporto qualità/prezzo offerto dai vari fornitori contattati per i servizi richiesti. In parole povere, il weddingplanner, sulla base del progetto e dello “stile” richiesto dalla coppia, si occuperà di tutto ciò che riguarda cerimonia e ricevimento: fedi nuziali, addobbi floreali, bouquet, vestiti, acconciatura, trucco, servizio fotografico, partecipazioni, bomboniere, banchetto nuziale con tanto di torta.

Wedding Planner

Wedding Planner

Ecco Come Diventare Wedding Planner

  • Spirito organizzativo wedding planner: è necessario avere la capacità di pianificare un matrimonio nei suoi minimi dettagli, dimostrando si avere capacità organizzative. È importante mostrarsi sicuri di sé e risoluti per poter pianificare il percorso necessario alla realizzazione di un ricevimento in grande stile. È importante, dimostrarsi flessibili e pronti ad accogliere qualsiasi tipo di richiesta; ogni coppia, del resto, è diversa e di conseguenza ognuna di loro avrà gusti e richieste differenti. Questo tipo di capacità il più delle volte si acquisisce con l’esperienza e con il tempo ma, se la si ha innata, si è decisamente più avvantaggiati.
  • Formazione wedding planner: avere talento innato e buon gusto, pur essendo fondamentali e determinanti, non è tutto; è consigliabile, infatti, frequentare un corso di formazione. È importante valutare le varie possibilità di studio che ogni corso offre, i professori e le loro qualifiche. Sarebbe preferibile frequentare scuole con una certa esperienza alle spalle ed evitare corsi offerti da istituti che, senza alcuna esperienza, si improvvisano formatori di wedding planners. Tra questi si configurano i corsi proposti proprio da Enzo Miccio nella sua “Enzo Miccio Academy”, fondata nel 2009 in risposta alla continua richiesta.
  • Guadagno wedding planner: alcuni temono la mancata riuscita dell’attività, vista la crisi economica e la mancata conoscenza di questa figura professionale. Molto dipende dalla propria professionalità e dalla reputazione che ci si costruisce con il tempo; se le coppie, infatti, rimangono soddisfatte del vostro lavoro saranno le prime a fare pubblicità, avvalorando le vostre capacità attraverso il passaparola.

Per avere informazioni più dettagliate su come diventare wedding planner, abbiamo avuto il piacere di intervistare il più famoso e rinomato wedding planner d’Italia, Enzo Miccio, star di programmi come Ma come i vesti? e Wedding Planner su Realtime.

Enzo Miccio

Enzo Miccio

Per i giovani che, appassionati di moda, vorrebbero avvicinarsi alla professione del wedding planner lei è una fonte di ispirazione; Quali passi ha dovuto fare per arrivare alla successo?

“Sono davvero lusingato nell’essere definito una “fonte d’ispirazione”, non credo di aver fatto nulla di straordinario se non quello di perseguire un sogno e mettercela tutta per concretizzarlo. Il punto di partenza, – Continua Ezo Miccio – come in ogni cosa, è la passione verso ciò che si fa e, nel mio caso, verso il mondo del wedding e dell’event planning, passione che ho nutrito sin da bambino.”

Ricordo – continua Enzo Miccio – sempre con grande piacere quando, da piccolo, aiutavo mia madre nei preparativi di una cena nel salone di casa nostra, trasformandomi in un assistente perfetto, entrando anch’io in quella danza organizzativa che mi faceva sentire l’attore di un grande film. A parte una breve fase durante la quale avevo deciso di fare il commercialista -ancora oggi non saprei dare una spiegazione a quella mia scelta-, effettivamente ho realizzato di voler lavorare nell’ambito della moda ed eventi così ho frequentato l’Istituto Europeo di Design a Milano.

“Il mio percorso professionale nel settore Moda ha avuto inizio in attività legate all’organizzazione di sfilate, curando anche la realizzazione di servizi fotografici per diverse testate giornalistiche e prestando il mio contributo anche nel campo della scenografia e dell’allestimento degli spazi. – dice Miccio –

Wedding Planner

Wedding Planner

Parallelamente a ciò, – continua – ho sempre messo la mia creatività al servizio di amici che richiedevano un aiuto nell’organizzazione dei loro eventi così poi mi son detto: “Perché non farne un lavoro a tutti gli effetti?” ed ho fondato la mia prima società di Event and Wedding planning. Nel 2005 è arrivata la mia prima trasmissione televisiva su Real Time: “Wedding Planner”, un programma che racconta attraverso delle riprese live, il mio lavoro di designer di eventi. Dal 2008 “Ma Come ti vesti?!”, dove si parla di moda, stile, bon ton, con tanti preziosi consigli per non sbagliare mai abito in nessuna occasione; dal 2011, “Shopping Night” spettacolare e divertente game sullo stile e la moda, dove le concorrenti hanno a disposizione un intero store per una notte; infine “L’eleganza del Maschio” che mi vede nei panni di esperto di eleganza e bon ton maschili.”

“A breve, e questa è una anteprima, arriverà un nuovo programma, sempre su Real Time: “Enzo Missione Spose” dove girerò l’intero stivale a bordo di un tir con al seguito ben duecento abiti da sposa per tutti i gusti e silhouette per venire in soccorso alle future sposine in cerca dell’abito perfetto.”

Talento e preparazione per diventare un  wedding planner: molti credono basti avere soltanto l’uno o l’altro. Sembrerà banale chiederlo ma è doveroso sfatare possibili luoghi comuni. Quale conta di più? E’ possibile compensare l’assenza di uno con l’altro?

“Le attitudini personali allo svolgimento di questa professione, il cosiddetto “talento”, sono caratteristiche innate e legate alle capacità creative dell’individuo, alla sua sensibilità e sana curiosità di conoscere ed apprendere; si tratta di attributi che nessuno può insegnare che vanno ad aggiungersi al carattere, alla creatività ed all’estro.”

“Le competenze, invece, possono essere acquisite ed apprese con il tempo. Esse riguardano la capacità di problem solving e di coordinamento delle complessità organizzative e gestione dello staff di collaboratori, spesso composto da decine e decine di persone nel backstage dei matrimoni. “

“Per chi ambisca a rivestire il ruolo di WP alla perfezione, l’optimum sarebbe avere una preparazione variegata che spazi dalla conoscenza della Storia dell’arte e della Moda ad una buona cultura musicale. Si potrebbe continuare, inoltre, con la capacità di saper consigliare un accostamento tra Food and Beverage, di saper scegliere il fiore adatto in una determinata stagione, l’abito più appropriato al tipo di evento, in aggiunta -chiaramente- ad una preparazione in ambito progettuale, tecnico e di light and sound design”. 

Si parla molto di crisi. Tutto viene fatto al risparmio, è facile supporre che i “matrimoni da favola” siano materialmente irrealizzabili per molte coppie. I giovani che vorrebbero avvicinarsi alla sua professione si lasciano intimidire dall’ipotetica mancanza di lavoro. E’ davvero così? Quali consigli si sente di dare a tutti i giovani interessati alla sua professione ma timorosi di inseguire il proprio sogno? 

Wedding Planner

Wedding Planner

“Mai farsi intimidire da fattori esterni: se si ha nel cuore un sogno, bisogna avere la forza di perseguirlo e mettere tutti i mezzi possibili affinché si realizzi. La crisi economica è una certezza, così come lo è la difficoltà nel trovare lavoro… ma è proprio nei contesti in cui la competizione è forte che emergono i migliori ed i più qualificati professionisti. Se si ritiene di avere le caratteristiche giuste per avvicinarsi alla professione del wedding planner, bisogna avere voglia di conoscere ed informarsi, tenendosi in costante aggiornamento. Documentarsi con letture e riviste specializzate e partecipare a fiere di settore, approcciandosi agli espositori con sana curiosità e voglia di conoscenza”. 

“Alla passione segue la voglia di studiare, di formarsi… e qui entra in gioco la mia Accademia, istituita a grande richiesta nel 2009, nella quale si impartiscono corsi sull’argomento di due ordini: Corsi Wedding and Events e Corsi Moda e Immagine. Una novità, a brevissimo, sarà il corso di Manager dell’organizzazione di eventi, che prevedrà una serie di focus specifici sugli eventi moda, musica e spettacolo ed eventi commerciali e fieristici.”

“Alla fase formativa segue, infine, quella di pratica. É il learn by doing a formare più di tutti perché permette di fronteggiare concretamente tutte le complessità organizzative di un matrimonio… In altre parole la “gavetta” ed in questo caso il mio consiglio finale è: siate umili, dedicate tutto voi stessi per svolgere i compiti richiesti e non guardate l’orologio, mostrandovi interessati e propositivi… vedrete che queste vostri sforzi saranno ripagati! In bocca al lupo!!” – Conclude Enzo Miccio –


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy