• Liguori
  • Paleari
  • Baietti
  • Boschetti
  • Valorzi
  • Bonetti
  • Leone
  • Catizone
  • Crepet
  • Ward
  • Napolitani
  • Alemanno
  • Gnudi
  • Romano
  • Bruzzone
  • Falco
  • Quarta
  • Casciello
  • Dalia
  • De Leo
  • Tassone
  • Santaniello
  • De Luca
  • di Geso
  • Meoli
  • Chelini
  • Scorza
  • Cocchi
  • Cacciatore
  • Rossetto
  • Quaglia
  • Coniglio
  • Bonanni
  • Algeri
  • Carfagna
  • Rinaldi
  • Pasquino
  • Buzzatti
  • Barnaba
  • Califano
  • Andreotti
  • Mazzone
  • Ferrante
  • Grassotti
  • Romano
  • Miraglia
  • Gelisio

Diventare attore famoso: come fare gli attori al cinema o teatro

Cristina Siciliano 3 Marzo 2021
C. S.
15/10/2021

Come diventare attore al cinema o al teatro o in una serie tv: cosa fare, corsi di recitazione, scuole teatrali, istruzione e formazione sul campo.



Le luci dello spettacolo hanno un fascino senza tempo, e conquistano l’immaginario di chi vuole essere protagonista della scena. Giovani ed adulti, uomini o donne che almeno una volta nella propria vita, vorrebbero essere i protagonisti di un film, di uno spettacolo teatrale o di una esibizione artistica. Se una cosa è certa quando si parla di cinema e teatro, è che c’è più di una strada per diventare artisti famosi.

E’ possibile diventare attori senza studiare e andare a scuola per recitare al cinema o al teatro. Christian Bale, Tom Cruise, Rossell Crowe o Leonardo di Caprio ne sono l’esempio. Talento, determinazione e carisma hanno fatto il resto. E lo dimostra la stessa Michele Hunziker. Infatti ha recitato in alcuni film italiani con un diploma di interprete non riconosciuto in Italia.

Stessa cosa deve dirsi per gli anni, non esiste un’età precisa per iniziare questa professione. E’ possibile diventare attore a 20 anni, 30 o 50 anni.

Ma nel settore cinematografico e teatrale il talento naturale non basta per raggiungere Hollywood, Cannes o Venezia. Diventare attore in Italia prevede una formazione specifica, e la frequentazione di determinate scuole di recitazione.

Per intraprendere questa professione i requisiti sono: determinazione,  passione per l’arte, energico studio e solida preparazione culturale. Indispensabile per l’artista è anche una preparazione tecnico – fisica, agilità, corretta dizione, uso della voce, abilità mimica ed improvvisazione. A queste caratteristiche si aggiungono poi la capacità di adattamento e lo spirito di collaborazione. 

E come per ogni altra professione, è difficile diventare attore famoso in Italia senza studiare. A darci qualche consiglio sul percorso professionale, il  regista teatrale Fabrizio Coniglio.

Come diventare attore al cinema: cosa fare, istruzione, formazione, corsi e abilitazione

C’è chi impara a recitare all’accademia nel proprio paese, chi seguendo un tutorial YouTube, o per improvvisazione realizzando video amatoriali, c’è invece chi vuole diventare attore studiando recitazione.

In Italia non mancano centri di formazione dove sono attivi corsi di recitazione, danza e canto per attori.

Quale scuola di cinema fare, istruzione, formazione, corsi e abilitazione, saranno i consigli che ci offrirà in primis il professionista Fabrizio Coniglio.

Tra le migliori scuole di recitazioni d’Italia troviamo sicuramente: la Scuola di Recitazione del Teatro Stabile di Genova. La Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi di Milano. L’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio D’Amico a Roma. Infine, il Centro Sperimentale di Cinematografia a Roma“. – Fa sapere Fabrizio Coniglio e continua -.

“Io ad esempio, dopo il liceo entrai nella Scuola di Recitazione del Teatro Stabile di Genova. Questa è una scuola che ti consegna una grande formazione teatrale. Per prima cosa è gratuita ed è molto ambita perché su 500 persone ne prendono 10. Quindi c’è una grande scrematura e poi si lavora dal lunedì al venerdì per circa 8 ore al giorno e  si  frequentano corsi di recitazione, visione e canto“.

Le 4 scuole di recitazione citate sono le più importanti in Italia. Un altro aspetto positivo è che queste 4 scuole di recitazione sono tutte gratuite. Solo l’Accademia Silvio D’Amico, costa in media 600 euro l’anno“.

Dopo aver frequentato una di queste scuole si otterrà un diploma o un attestato riconosciuto dalla Comunità Europea. D’altronde, si può fare accesso ad alcuni provini solo se si ha conseguito un diploma da una di queste 4 scuole di recitazione.

La formazione in queste scuole di recitazione è ottima perché gli insegnanti di questi istituti gratuiti, sono pagati dallo Stato. Non hanno un giudizio inquinato dall’interesse economico. Cosa che purtroppo si evince nelle altre Accademie private che mirano solo ad avere quanti più iscritti”. – Ci fa sapere il professionista Fabrizio Coniglio -.

Come fare gli attori di teatro: istruzione, formazione, corsi

Dopo aver visto le migliori scuole di recitazione in Italia, e quindi approfondito l’aspetto della  formazione, diventare attore di teatro e di cinema sarà la successiva distinzione che andremo a delineare.

Il professionista teatrale ha bisogno di molta istruzione. Gli artisti di teatro svolgono il proprio lavoro su un palco, di fronte ad un pubblico che assiste allo spettacolo dal vivo. In questo contesto il pubblico giudica sul momento l’abilità degli artisti.

Questo è un elemento molto importante da tenere in considerazione, poiché può influenzare molto la performance degli artisti.

A spiegarci come diventare attore famoso di teatro, come fare, che tipo di formazione bisogna seguire, corsi ed esperienza, è il regista Fabrizio Coniglio.

“Bisogna frequentare una delle quattro scuole di recitazione migliori in Italia. Tra queste troviamo: La Scuola civica di arte drammatica “Paolo Grassi” di Milano. E poi, la Scuola di recitazione del Teatro Stabile di Genova e l’Accademia Nazionale di Arte Drammatica “Silvio d’Amico”.

“Una volta terminata l’Accademia, bisogna sempre tenersi informati e studiare, ma soprattutto avere tanta umiltà soprattutto quando si lavora in un team teatrale.

I corsi in queste scuole istruiscono sui metodi e le tecniche della recitazione quali l’interpretazione di testo, studio del personaggio, uso del linguaggio del corpo e della voce. – Spiega Coniglio e continua -.

“Vengono anche approfondite le discipline complementari ed essenziali per lo sviluppo artistico e professionale dell’individuo. Perché permette ad ogni allievo di ampliare le proprie competenze in aree interdisciplinari, quali il doppiaggio, storia del cinema, regia, e produzione“.

Come diventare attore famoso in un film o serie tv

Per riuscire a diventare attore famoso in un film o serie tv bisogna per prima cosa partecipare a numerosi casting e provini. Questi a prescindere dall’esito finale, rappresentano soprattutto ad inizio carriera. Una buona occasione per farsi conoscere da un regista e da un casting director.

Oltre a rivolgersi alle agenzie, alle compagnie teatrali o cinematografiche è utile fare ricerche online per trovare offerte di lavoro per artisti. Facendo molta attenzione poichè anche in questa professione le insidie sono all’ordine del giorno.

Si può iniziare accettando piccole parti in cortometraggi realizzati da compagnie minori. Bisogna costruire un buon Curriculum Vitae e realizzare diverse esperienze di lavoro. Questo sarà un buon biglietto da visita per future candidature in ruoli più rilevanti.

Noi artisti siamo rappresentati da un’agente che prende una percentuale sui contratti. E’ l’agente stesso ad organizzare gli incontri ai provini. Dopodiché il regista segnerà la tipologia più consona ed adatta all’attore“.

Fabrizio Coniglio spiega anche che tre sono i fattori importanti per diventare attore famoso in un film o serie tv:

  • La serie tv o il film deve avere successo;
  • Il personaggio che si interpreta, anche se più piccolo deve avere una simpatia per il pubblico (es. di Visone dell’Allieva);
  • Lo spettatore deve riconoscere nel personaggio di un film o di una serie tv una componente umana che lo solleva dalle ansie quotidiane.

Quale consiglio si sentirebbe di dare ai giovani che vogliono diventare attori in Italia al cinema in una serie tv o al teatro?

Il consiglio che mi sento di dare ai giovani è quello di capire realmente se si sentono di dedicare una vita a questo tipo di passione. Questo porterà a  sacrificare spesso anche la vita privata e il tempo”.

“I risultati non è detto che arrivino subito ma non bisogna smettere di crederci. Inoltre, non si deve cercare la cattiveria tra colleghi. Né parlare male di loro se lavorano più di noi. Si deve capire su cosa bisogna migliorare. Bisogna farsi furbi ed imparare da chi è più grande di noi in questo mestiere. E’ essenziale ascoltare molto gli altri e non isolarsi in una presunzione“. – Conclude Fabrizio Coniglio -.

© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata
Cristina Siciliano Sono laureata in Lettere Moderne e specializzanda in Filologia Moderna (curr. Umanistica Digitale). Ho esperienza nell'ambito della comunicazione ed ho svolto l'attività di pubblicista per diverse testate giornalistiche online, anche all'Estero. In questi ultimi due anni ho potuto lavorare come assistente part-time all'Università. Ho un'ottima conoscenza della lingua inglese e buone capacità informatiche e di Team working. Attualmente il mio punto di forza è sicuramente la mia modestia, che mi permette di conoscere tutti i miei limiti. Ho una grande passione per la scrittura, che è nata sulla carta ed è migrata sulla tastiera. Infatti, mi piace scoprire, conoscere, imparare e amo qualsiasi cosa racconti una storia. Leggi tutto