• Google+
  • Commenta
16 marzo 2015

Lavoratori precoci e pensioni anticipate: novità calcolo pensione Inps

Lavoratori precoci e pensioni anticipate

In continuo fermento il dibattito sulla riforma pensioni 2015 Governo Renzi e sulle questioni connesse come i lavoratori precoci, le pensioni anticipate, l’opzione donna: ecco le ultime novità sul calcolo pensione Inps

Lavoratori precoci e pensioni anticipate

Lavoratori precoci e pensioni anticipate

Buone notizie per i lavoratori precoci e per chi ha iniziato a lavorare prima dei 20 anni di età.

Se con la riforma pensioni Fornero i lavoratori precoci subivano penalizzazioni dovute all’aver maturato l’età contributiva ma non quella anagrafica per poter andare in pensione, con la Legge di Stabilità 2015 e la riforma pensioni Renzi, sarà finalmente possibile imboccare una strada differente.

La riforma pensioni ha finalmente approvato un nuovo sistema di calcolo della pensione per i lavoratori precoci e ha abolito le penalizzazioni alle quali si andava incontro con la legge Fornero. Si tratta di un sistema sperimentale: almeno per adesso, è stato stabilito che si potrà usufruire di questa possibilità da quest’anno fino al 2017.

Lavoratori precoci, ecco quali sono i requisiti per la pensione anticipata

Chi sono i lavoratori precoci? Come sfruttare la flessibilità garantita dalla legge di stabilità? I lavoratori precoci sono tutte le persone che hanno iniziato a lavorare prima dei 20 anni di età. Attualmente, quei lavoratori, hanno già maturato l’età contributiva necessaria per andare in pensione (42 anni) ma risultano anagraficamente ancora giovani. Le ultime news sulla riforma pensioni riguardano la sospensione temporanea delle penalizzazioni per coloro che, avendo i contributi necessari, desiderino andare in pensione. Quindi, niente più decurtazioni per i lavoratori precoci! In questo caso, la pensione anticipata è un diritto di cui ci si può avvalere senza contro.

Stabilito che i lavoratori precoci possono andare in pensione anticipatamente, avendo i requisiti necessari, come si procede con il calcolo dell’assegno pensionistico? Prima di tutto, è bene ricordare le scadenze: la riforma pensioni dice chiaramente che i lavoratori precoci che hanno diritto alla pensione anticipata sono quelli che matureranno i requisiti necessari entro e non oltre il 31 dicembre 2017. Chi rientra in questa categoria, è escluso dalle norme entrate in vigore con la riforma Fornero del 2012.

Nel tener conto dei requisiti necessari al calcolo della propria pensione, bisogna considerare che l’età contributiva varia a seconda della speranza di vita: se, infatti, durante tutto il 2015, i lavoratori precoci che desiderino andare in pensione dovranno avere un’età contributiva di 42 anni e 6 mesi se uomini e 41 anni e sei mesi se donne, dal 2016 l’età contributiva passa dall’essere a 42 anni e 10 mesi per gli uomini e 41 anni e 10 mesi per le donne.

Calcolo pensione Inps lavoratori precoci: quando andare in pensione

I lavoratori precoci dovranno tenere in considerazione i contributi percepiti durante la propria carriera lavorativa: varranno anche i periodi di maternità, leva, infortuni e cassa integrazione.

Il calcolo della pensione dei lavoratori precoci seguirà un sistema di calcolo misto: chi ha maturato almeno 18 anni di contributi fino al 1995, dovrà calcolare con sistema retributivo fino al 2011 e poi con sistema contributivo.

Il calcolo retributivo si basa sulla retribuzione complessiva di un determinato periodo, considerando la rivalutazione su base Istat e facendo la media della retribuzione del periodo lavorativo in questione.

Il calcolo contributivo tiene in considerazione la somma delle retribuzione annue del lavoratore, il 33% dei contributi e i tassi di capitalizzazione pubblicati annualmente dall’Istat.

Dal momento che il calcolo della pensione risulta essere cosa di non poco conto, esistono vari sistemi per calcolarlo sfruttando la tecnologia: su internet, ad esempio, esistono vari software forniti anche dall’Inps stesso.

Ultime novità pensioni anticipate, quota 100 e quota 62

Per quanto riguarda i lavoratori che non sono precoci ma desiderano ugualmente andare in pensione, a breve potrebbero diventare attuali sistemi per andare in pensione anticipata previsti dalla riforma pensioni 2015.

Calcolo Pensione

Calcolo Pensione

Tali sistemi consistono nella possibilità di rientrare in categorie denominate rispettivamente quota 100 e quota 62.

Come già i nomi chiariscono, nel caso della quota 100 si tratta di un numero da raggiungere calcolando età anagrafica ed età contributiva; nel caso della quota 62, si tratta della possibilità di andare in pensione con età anagrafica di 62 anni ed età contributiva di 35.

Per le lavoratrici, inoltre, fino alla fine di quest’anno c’è la possibilità di usufruire dell’opzione donna (pensione anticipata a 57 o 58 anni con 35 anni di contributi) – opzione che potrebbe essere prorogata fino al 2016.

Scarica gratis da qui > >> Tabelle Calcolo Pensione

Ambra Benvenuto


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy