• Google+
  • Commenta
11 Aprile 2019

Pensione quota 100-2019: a chi spetta e a chi conviene chiederla

Pensione quota 100-2019
Pensione quota 100-2019

Pensione quota 100-2019

Ecco come funziona la nuova pensione quota 100-2019: a chi spetta andare in pensione prima e a chi conviene chiederla.

Ultime news sui requisiti e su come fare la domanda, cumulabilità con gli altri redditi e come funziona il sistema delle finestre.

Con la quota 100 2019 è possibile andare in pensione prima dei 62 anni. Servono però 38 anni di contributi Inps. La misura è sperimentale, è prevista solo per il triennio 2019-2021. I soggetti beneficiari sono i lavoratori dipendenti e autonomi.

Devono avere però età inferiore ai 62 anni e almeno 38 anni di contributi. La cessazione del rapporto di lavoro è necessaria per il trattamento pensionistico. Dalla prestazioni sono esclusi militari, polizia e vigili del fuoco. Tra i requisiti è inoltre richiesta l’iscrizione all’Assicurazione Generale Obbligatoria (AGO).

Per accedere deve essere presentata domanda telematica all’Inps. Come fare la domanda è semplice. Disponibile online il servizio Inps “Domanda di pensione di anzianità/anticipata Quota 100″. Su sito Inps indicate anche modalità alternative di presentazione. Le pensioni anticipate non sono cumulabili con i redditi derivanti da qualsiasi attività lavorativa. L’unica eccezione è prevista per i redditi derivanti da lavoro autonomo occasionale. Ripristinato il regime delle finestre per tutti i lavoratori dipendenti, pubblici e privati, e autonomi.

Come funziona la pensione quota 100-2019: a chi spetta andare prima e come fare domanda

Le pensioni quota 100 non è obbligatoria ma facoltativa. Da diritto al trattamento anticipato ma non senza costi. Aumenta la ricchezza pensionistica perchè si va prima in pensione ma l’assegno mensile è più basso. La misura è stata introdotta con il D.L. n. 4/2019. Può essere definita come prestazione economica anticipata erogata ai lavoratori. La prestazione è riconosciuta in via sperimentale dal 1° gennaio 2019 al 31 dicembre 2021. Non tutti i lavoratori possono accedere. Sono esclusi dal trattamento il personale delle forze armate e di Polizia. Escluso anche il personale dei Vigili  del Fuoco e della Guardia di Finanza. Per andare in pensione prima ci sono dei requisiti da rispettare. E’ richiesta un’età anagrafica non inferiore a 62 anni e un’anzianità contributiva di almeno 38 anni. Ovviamente il rapporto di lavoro deve essere cessato. Necessaria inoltre l’iscrizione dei lavoratori all’Assicurazione Generale Obbligatoria (AGO).

La decorrenza dell’anticipo è diverso a seconda del datore di lavoro, pubblico o privato. I lavoratori dipendenti privati e autonomi che hanno maturato i requisiti:

  • entro il 31 dicembre 2018, conseguono il trattamento dal 1° aprile 2019;
  • a decorrere dal 1° gennaio 2019, maturano il trattamento trascorsi tre mesi dalla maturazione dei requisiti (finestra).

I lavoratori pubblici che hanno invece maturato i requisiti:

  • entro il 29 gennaio 2019, conseguono il diritto dal 1° agosto 2019;
  • dal 30 gennaio 2019, hanno diritto all’anticipo trascorsi sei mesi dalla maturazione dei requisiti (finestra).

A chi conviene quota 100 e a chi rivolgersi per averla

I principali beneficiari sono i lavoratori con lunghe carriere contributive. In particolare, coloro che appartengono alle classi 1957, 1958 e 1959. Tali lavoratori, infatti, possono andare in pensione fino a 5 anni prima. Inoltre, vedono ridursi solo in parte l’importo dell’assegno pensionistico a fronte dell’allungamento del periodo di percezione delle stessa. Più di un quinto dei beneficiari è rappresentato da lavoratori maschi dipendenti e autonomi del nord. I beneficiari sono concentrati anche fra i dipendenti pubblici. Contano più di un terzo dei beneficiari e più del doppio della loro quota sull’occupazione. Numeri inferiori per le donne e per i lavoratori del sud e delle isole.

Per valutare in concreto i benefici, l’Inps permette di simulare la quota 100. Si tratta del servizio “la mia pensione futura”. Il servizio online permette di fare valutazioni personalizzate dei pro e dei contro dell’adesione.

Come fare la domanda quota 100? La domanda può essere presentata online all’Inps attraverso un servizio dedicato. In alternativa si può fare domanda tramite:

  • contact center al numero 803 164 (gratuito da rete fissa) oppure 06 164 164 da rete mobile;
  • enti di patronato e intermediari dell’istituto.
Google+
© Riproduzione Riservata