• Google+
  • Commenta
21 aprile 2016

Chi era Prince: vita, discografia e biografia del cantante Prince

Immagini per ricordare chi era Prince
Immagini per ricordare chi era Prince

Immagini per ricordare chi era Prince

Ecco chi era veramente Prince, vero nome Rogers Nelson: nato il 7 giugno 1958, morto il 21 aprile 2016, ecco la discografia e biografia del cantante Prince.

Chi era Prince? Il re del pop è morto a 57 anni: icona degli anni ’80 e ’90, l’artista è deceduto in circostanze misteriose nella sua casa di Minneapolis. La vita di Prince è sempre stata costellata da grandi successi, e le sue canzoni più famose sono conosciute in tutto il mondo, tanto da essere considerato un’icona nera della musica pop.

Ma chi era Prince e quali sono le sue canzoni più famose? Tra le canzoni più belle di Prince c’è Kiss, dall’album Parade, ma anche la famosissima Purple Rain o Money Don’t Matter Tonight. Ricordiamo anche Rock’n’Roll Love Affair, Sometimes It Show in April e Raspberry Beret.

Il Rolling Stone lo inserì tra i primi 100 migliori artisti nel 2004. Ecco in breve la biografia di Prince per ricordare i momenti più importanti della sua vita e carriera.

Chi era Prince: vita privata e canzoni celebri del cantante re del pop – immagini e frasi

Discografia e filmografia Price – Rogers Nelson – Re del Pop << scarica

Prince Rogers Nelson nacque il 7 giugno 1958: fu un cantante, attore, musicista, produttore e artista poliedrico, soprannominato il genietto-folletto di Minneapolis (città dove era nato) a causa della sua statura (era alto 1,58 metri). Ma chi è Prince? Il suo nome sembrerebbe derivare dalla band dove suonava suo padre, i Prince Nelson Trio. Inizia a farsi conoscere verso la fine degli anni Settanta, quando inizia a combinare e mixare i più svariati generi musicali: dal funk al soul, al rock, jazz e pop. Debutta nel 1978 con l’album For You, e da quel inizia a formarsi una schiera di fedelissimi che lo seguono in tutti i suoi impegni. Il numero dei fans aumenta, e la personalità dell’artista diventa sempre più irrequieta ed intransigente.

Ma chi era Prince? Spesso ai ferri corti con le major discografiche (Warner in primis) perchè odiava le imposizioni, l’artista in alcuni casi cambiò addirittura nome, come quando si fingeva Tafkap, The Artst o The Symbol per potersi esprimere liberamente.

Tra gli album più famosi incisi a partire dalla fine degli anni 70 ci sono 1999, Purple Rain, Around the world in a day, Lovesexy, Sign O’the times, ed ha venduto oltre 100 milioni di copie. Il suo talento e la sua creatività furono tali da ispirare numerosi artisti futuri, cambiando per sempre la storia della musica.

La vera storia di chi era Prince: vita e storia dell’icona pop anni 80

Il cantante ottiene un enorme successo nel 1984 con la canzone Purple Rain, che fu anche un celebre film che gli valse il premio Oscar per la miglior colonna sonora con canzoni originali. Inoltre con il brano When Doves Cry vinse anche un Golden Globe.

Ma per comprendere chi era Prince, non si può non considerare anche l’aspetto più tormentato della sua biografia, ossia la sua vita privata. L’artista aveva scritto alcuni brani dove parlava in maniera esplicita dell’amore passionale, come Scandalous o Cream, quest’ultima scritta mentre si guardava allo specchio. Alcuni atteggiamenti e dichiarazioni sembravano lasciare intendere che Price era gay, ma sarebbe difficile da credere se si considera la lunga lista di storie che gli sono state attribuite.

Foto per ricordare chi era Prince

Foto per ricordare chi era Prince

Kim Basinger, Vanity, Apollonia, Mayte Garcia, con la quale ebbe anche un figlio nel 1966, che però morì pochi giorni dopo la sua nascita. La seconda moglie di Prince fu l’italo canadese Manuela Testonini, dalla quale divorziò due anni fa. Prince fu uno dei primi artisti a vendere musica online, ma successivamente il suo rapporto con la tecnologia andrà in declino. Inizialmente aprì dei profili Facebook, Twitter e Instagram per restare in contatto con i suoi tantissimi fan, a improvvisamente li chiuse tutti. A luglio di un anno fa decise anche di dire addio a tutte le piattaforme di musica in streaming, come Spotify, Apple Music o Deezer, per lasciare i suoi dischi solo su Tidal.


© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy