>
  • Antonucci
  • Rinaldi
  • Buzzatti
  • Cocchi
  • Mazzone
  • Romano
  • Dalia
  • Leone
  • Miraglia
  • Gnudi
  • Coniglio
  • Liguori
  • Bonanni
  • Napolitani
  • De Luca
  • Quarta
  • Barnaba
  • Valorzi
  • Paleari
  • Meoli
  • Romano
  • Ward
  • Califano
  • Cacciatore
  • Scorza
  • Grassotti
  • Bruzzone
  • Baietti
  • Crepet
  • Casciello
  • Tassone
  • Bonetti
  • Boschetti
  • Ferrante
  • Alemanno
  • Falco
  • Algeri
  • De Leo
  • Catizone
  • de Durante
  • Quaglia
  • Andreotti
  • di Geso
  • Carfagna
  • Santaniello
  • Rossetto
  • Gelisio
  • Chelini
  • Pasquino

Consigli per l’uso: come funziona io nuovo sistema universitario a Unisa

Mario Di Stasi 2 Luglio 2003
M. D. S.
18/07/2024

Consigli per spiegare come funziona io nuovo sistema universitario a Unisa Viste le numerose domande poste quotidianamente nei corridoi e all’interno delle Associazioni dell’Università degli studi di Salerno, ma viste soprattutto le facce disperate di studenti, specie i più giovani, che appena approdati nel sistema universitario si trovano ad affrontare innumerevoli disagi dovuti alla non conoscenza del sistema universitario, è opportuno dare alcune delucidazioni in merito.

Partiamo dall’ Orientamento e Tutorato, parole forse sentite molte volte ma per molti una vera e propria chimera; per prima cosa, dobbiamo sapere che varie leggi prevedono il diritto degli studenti a ricevere dall’Università un supporto informativo, in entrata (azioni informative e formative sull’offerta didattica delle Facoltà, sui percorsi di studio relativi ai diversi curricula e sui saperi minimi necessari per accedere ai vari Corsi di Laurea), in itinere (azioni di assistenza volte a favorire il superamento di specifiche difficoltà individuali, al fine di ridurre la durata effettiva degli studi e di evitare gli abbandoni), e in uscita, (azioni finalizzate a promuovere l’acquisizione da parte dei laureandi e dei laureati di competenze utili per l’accesso qualificato al mondo del lavoro, con corsi di sostegno alla creazione d’impresa, tirocini, stage, etc.).

Il tutorato, disciplinato dalla legge 341/90 è “finalizzato ad orientare ed assistere gli studenti lungo tutto il corso degli studi, a renderli attivamente partecipi del processo formativo, a rimuovere gli ostacoli ad una proficua frequenza dei corsi, anche attraverso iniziative rapportate alle necessità, alle attitudini ed alle esigenze dei singoli”.

L’aspetto più importante di questa legge è quello che prevede come “compito istituzionale dei professori e dei ricercatori di guidare il processo di formazione culturale dello studente secondo quanto previsto dal sistema di tutorato di cui all’art. 13” della legge 341/90 e all’art.15 del Ns Regolamento Didattico di Ateneo.

Il tutorato e l’orientamento, garantito, accessibile gratuitamente a tutti gli studenti e svolto dai docenti e dai ricercatori, che possono avvalersi dei servizi di supporto forniti dal Centro di Ateneo per l’Orientamento e il Tutorato (CAOT) ed essere occasionalmente coadiuvati, anche, da studenti seniores part-time.

Se non si usufruisce di questi servizi offerti dalle Università, capiterà sempre più spesso che strutture private possano lucrare sulle inefficienze del pubblico e soprattutto sulle nostre spalle.
Quindi a volte, anziché lamentarci delle ipotetiche inefficienze dell’Ateneo, ma nutrendo interesse verso la vita universitaria, e credendo in un suo costante miglioramento, invece di restare all’oscuro, delle possibilità offerte al manifestarsi di un dubbio, di un problema o per mero interesse, chiediamo chiarimenti ai Docenti, al C.A.O.T. e per i più timidi, alle Associazioni Studentesche dislocate in tutto l’Ateneo.

© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata
Mario Di Stasi Editore, opera dal 2000 nel mondo dell’informazione e della comunicazione, dal cartaceo al web, dall'analogico al digitale. Avvocato e Giornalista, non ha mai lasciato il mondo universitario che ha ben conosciuto quando da studente, ha ricoperto per due anni la carica di Consigliere, e che continua a scoprire quotidianamente da interno all'Università. E’ proprio il connubio tra informazione e Università che lo ha portato a fondare Controcampus, offrendo agli studenti e a tutti coloro che vivono l'università, la scuola, la formazione e il mondo del lavoro, un giornale per essere informati, e un foglio per dar voce a chiunque abbia voglia di confrontarsi. Una carta che riconosce o che permette di far conoscere riconoscere i diritti essenziali di una classe spesso messa da parte, relegata, "I GIOVANI". La sua Vision? Il lettore prima di ogni cosa. La sua Mission? Ascoltare, Pensare, Scrivere e Comunicare per fare Impresa. Leggi tutto