• Google+
  • Commenta
11 settembre 2003

Un lampo nel buio: KAKA’

E’ il minuto 86, c’è un fallo laterale, il quarto uomo sta per alzare il tabellone luminoso che ufficializzerà la sostituzione di Kakà con Ambrosini, E’ il minuto 86, c’è un fallo laterale, il quarto uomo sta per alzare il tabellone luminoso che ufficializzerà la sostituzione di Kakà con Ambrosini, ma i padroni di casa proseguono velocemente, rimandando l’operazione. Questa fretta sarà una condanna senza possibilità di appello. Infatti, il Milan recupera la palla, il “Pendolino” Cafù sfreccia sulla destra e mette al centro, dove il talento di San Paolo libera un destro al volo che conclude la sua corsa alle spalle del quarantenne portiere Verlinden. E’ la rete dell’ 1-0 decisivo. Il “Diavolo” vince e si ritrova primo nel girone H di Champions League, grazie anche alla vittoria del Celta Vigo sull’Ajax al “Balaidos”, che lascia i lancieri a sei punti, uno in più degli spagnoli, uno in meno dei rossoneri. La vittoria in Belgio è arrivata solo nel finale, al termine di una gara tutta in salita per i campioni d’Europa. Al 35’, infatti, capitan Maldini si procura uno stiramento e deve uscire dal terreno di gioco per far posto all’intramontabile Costacurta; 3’ dopo, Nesta viene espulso per doppia ammonizione, costringendo Ancelotti a sostituire Tomasson col croato Simic; nella ripresa l’attaccante peruviano Mendoza colpisce una traversa. Il tutto in una gara in cui i vari Seedorf, Pirlo, Cafù, ecc. hanno potuto esprimere a pieno le proprie capacità in fase di palleggio, impedendo al foltissimo centrocampo impostato dal tecnico del Bruges, Sollied, di prendere il sopravvento. Proprio il tulipano nero si è rivelato essere il migliore in campo, dopo le ultime deludenti prestazioni. Ora il cammino in Europa è più agibile, visto che i rossoneri saranno padroni del proprio destino nelle prossime settimane, in cui sono in programma la trasferta ad Amsterdam e la gara interna col Celta, anch’esso rilanciato in ottica qualificazione. Nei giorni immediatamente successivi, poi, si volerà a Yokohama, dove il 14 Dicembre si giocherà la gara col Boca Juniors per la Coppa Intercontinentale. Per quel giorno il tecnico emiliano spera di recuperare tutti gli infortunati, ma la lista è lunga: Maldini, Kaladze, Serginho, Laursen, Ambrosini, Inzaghi e Redondo. Ad oggi è impossibile fare previsioni per il capitano, per il terzino georgiano (fermo dal 23 Agosto) e per il “Concorde”, mentre per gli altri non dovrebbero esserci problemi. Del resto, il Milan ha ampiamente dimostrato di saper fare di turnover virtù, ma la sostituzione della coppia centrale della difesa è davvero complicata; all’ArenA di Amsterdam dovrebbero giocare Simic e Costacurta, con Cafù e Pancaro sui lati, mentre appare imminente il rientro di Superpippo Inzaghi

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy