• Google+
  • Commenta
7 ottobre 2003

La Masseria, “sala prove” di aggregazione

Dal lunedì al venerdì “la Masseria”, gestita dall’Edisu, rappresenta un luogo di ritrovo per numerosissimi studenti che, ad un anno dall’apertura, hanDal lunedì al venerdì “la Masseria”, gestita dall’Edisu, rappresenta un luogo di ritrovo per numerosissimi studenti che, ad un anno dall’apertura, hanno imparato che nell’Università ci si può incontrare anche al di fuori di un’aula. Le attività per cui è maggiormente conosciuta la Masseria sono diverse, e sicuramente la sala prove è il luogo più inusuale per una struttura di un ateneo, utile a quanti, lontani da casa, non vogliono rinunciare alla musica, una passione difficile da coltivare senza i necessari spazi. Imbracciata la chitarra o dietro una batteria, la sala prove si presta alle prime sperimentazioni di nuovi gruppi, è un luogo di incontro che ha dato vita a band, alcune delle quali si sono esibite al Live @ Fisciano. Tanti altri semplicemente si danno appuntamento nello spiazzo antistante per sbirciare colleghi intenti a suonare nella penombra, ignari di avere già un piccolo pubblico. La sala prove, insieme ad internet, é fra le attività che riscuote maggior successo presso i fruitori della struttura. Ma non è infrequente incontrare gruppi di amici che si riuniscono attorno ad un tavolo della Masseria per trascorrere un po’ di tempo, impegnati nell’ascolto di musica o semplicemente per guardare insieme la televisione, con buona pace di chi vorrebbe semplicemente studiare, lontano dal grigio e dall’affollamento chiassoso delle aule studio delle facoltà. E’ alta l’affluenza nei locali della Masseria, da subito ribattezzata “casa dello studente”, per sancire l’importanza che i ragazzi rivestono nella co-gestione delle attività. E molti sono stati i preziosi suggerimenti indirizzati all’Edisu, quale la creazione di luoghi simili, dislocati in diversi punti dell’ateneo per snellire l’affluenza, la sistemazione di punti ristoro o distributori automatici interni alle sale del caseggiato, per rendere più piacevole la permanenza, senza essere costretti a recarsi ai lontani bar per una breve pausa caffè. Fra le altre proposte, quella caldeggiata da più parti di prolungare l’orario di apertura, ora fissato fino alle 18, ipotizzando la possibilità di accedere alla struttura anche nelle ore serali, data l’assenza, oltre ai bar del paese, di luoghi dove incontrarsi e trascorrere alcune ore insieme agli amici. Le idee più interessanti sono state quelle che riguardano la creazione di laboratori stabili d’arte, che contribuirebbero a rendere la Masseria sempre più il centro pulsante della collettività e della cultura studentesca.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy