• Google+
  • Commenta
21 ottobre 2003

Salernitana: sconfitta con alibi

Troppe assenze per i granata, che a Messina non trovano la forza di recuperare il doppio svantaggio maturato nella prima parte della gara. La squadra Troppe assenze per i granata, che a Messina non trovano la forza di recuperare il doppio svantaggio maturato nella prima parte della gara. La squadra di Bortolo Mutti ha trovato terreno fertile per la terza vittoria consecutiva. Le assenze contemporanee dei due arieti granata Tulli e Bogdani, il forfait del faro granata Longo hanno pesato ed influito pesantemente sulla gara del Celeste. Due palle inattive, due difensori Rezaei e l’ex Zoro, ed il Messina si trova sul doppio vantaggio che la squadra di Pioli non riesce più a recuperare. La sconfitta di sabato può rappresentare un campanello d’allarme per la dirigenza granata. La rosa è troppo ristretta e poche sono le alternative ai titolari. Mentre in attacco la sfortuna si è accanita sui granata, a metà campo vi sono i problemi maggiori: manca a Pioli un’alternativa a Longo, un mediano in grado di mettere palla a terra e ragionare. Problemi al tecnico vengono anche dai primi malumori di spogliatoio oltre che dalla lunga serie di infortunati. Una situazione da gestire col pugno di ferro verso i dissidenti per il mister e la dirigenza. Un occhio al mercato quindi: una rosa da integrare e sfoltire al tempo stesso. Troppi doppioni, troppi calciatori che non possono fare al caso della Salernitana in un campionato cosi lungo e competitivo. Intanto alle porte c’è un’altra insidia per i granata: ancora una trasferta, stavolta sul campo del Pescara, sperando che dall’infermeria granata arrivino buone notizie.

Google+
© Riproduzione Riservata