• Google+
  • Commenta
10 novembre 2003

Facoltà di Giurisprudenza: intervista al Preside Pasquale Stanzione

Il 60% circa degli intervistati afferma che si verifica ritardo da parte dei professori sia alle lezioni sia alle sedute di esame. Ciò che però è

Il 60% circa degli intervistati afferma che si verifica ritardo da parte dei professori sia alle lezioni sia alle sedute di esame. Ciò che però è degno di segnalazione è che l’80% denota ritardo o mancanza degli stessi all’ orario di ricevimento.
“… Io cerco di vigilare sempre sul dovere del ricevimento degli studenti e sull’ordinato svolgimento delle lezioni, perché questo è compito primario dei docenti… Il discorso degli esami l’abbiamo razionalizzato, alcuni anni fa era molto più caotico. Ora con il sistema della prenotazione, tramite internet o la carta dello studente, noi professori riusciamo a distribuire gli studenti che devono sostenere un esame su più giorni, limitando il disagio di estenuanti ed inutili attese… Anche quest’anno sono disponibili su internet, oltre che nelle bacheche, i ricevimenti delle persone incardinate, quali ricercatori, prof associati e prof ordinari, perché per loro rientra nei compiti primari. Data l’alta richiesta di consultazioni, ci avvaliamo anche dell’attività volontaria di dottorandi e borsisti, nei limiti in cui la legge consente loro di fare attività di ricevimento e di tutoraggio. Le persone incardinate devono essere presenti negli orari da loro stessi indicati… Se si verificano assenze o ritardi elevati è intollerabile… La facoltà ha intenzione di individuare dei tutor di una certa esperienza, che prendano in carico 30-40 studenti per ciò che riguarda l’orientamento nelle difficoltà di apprendimento. Questo è però un grosso sforzo dato l’alto numero di nuovi immatricolati, mille anche quest’anno. Ma il problema principale sono le diverse migliaia di studenti fuori corso di cui la nostra Facoltà cerca di occuparsi, tra mille difficoltà, e che per il Ministero sono passate nel dimenticatoio.”
Dalle schede di autovalutazione avevate notato questa insofferenza soprattutto in merito alla non presenza dei professori agli orari di ricevimento? Gli studenti lo avevano fatto notare?
A dir la verità no… Si sono mantenuti più sul tecnico, suggerendo magari di cambiare i libri di testo o di spiegare la lezione in un linguaggio più semplice con parole meno difficili o semplicemente esponendo più lentamente… Queste erano le critiche.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy