• Google+
  • Commenta
5 dicembre 2003

Intervista a Enrico Bertolino

“Ultime realizzazioni teatrali?”

BERTOLINO:”Ultimamente per il teatro ho creato come personaggio un professore universitario di storia dei pe“Ultime realizzazioni teatrali?”

BERTOLINO:”Ultimamente per il teatro ho creato come personaggio un professore universitario di storia dei perdenti, cioè uno che vede la storia dal punto di vista di chi ha perso; perché questa storia di dover essere sempre vincenti è ormai logora e logora le persone sin dall’adolescenza, devi essere sempre forte, sempre “vincente”. Io ho fatto la storia dal punto di vista di Bruto… Bruto s’incazzava perché Cesare lo chiamava”Bruto”; a Roma tutti avevano 2 nomi: Tullio Ostilio, Marco Tullio, Sergio Tullio e lui sempre Bruto…poi gli ha dato 23 coltellate: ”Io sarò Bruto, ma tu adesso sei morto…”. Annibale ha preso per il culo gli elefanti, perché è impensabile che per venire in Italia da Cartagine li porti sulle Alpi, li ha portati sulle Alpi! Ma pensa un elefante sulle Alpi come si rompe le palle… Caligola, Caligola era un pazzo e ricorda molti dell’era moderna: Caligola fece senatore un cavallo, Berlusconi ha fatto senatore Bossi…

“Quanto è fazioso il TG3?”
B:”E’molto fazioso ed è anche bolscevico come la costituzione…”

“E il TG4?”
B:”E il TG4…ma perché è un TG? Neanche Fede è vero, è il fratello del Gabibbo.”

“Una parola per Previti, salviamo questo pover’uomo…”
B:”Vabbè, salvare Previti è come salvare il panda: si è gia’estinto e non lo sa…”

“Una tua impressione sull’università, a parte il sonoro…”
B:”No, l’impianto sonoro riflette le sonorità dell’aula, ho detto una minchiata ma bisognava dirla. L’impianto sonoro è l’inizio, l’avevamo studiata sta cosa per creare più pathos, più ansia. Funziona tutto perfettamente ma abbiamo fatto in modo che non funzionasse. Devo dire che è eccellente la qualità delle studentesse…”

“Già leggendo i giornali non ti viene facile fare ironia?”
B:”La chiave dell’ironia è il giornale, io ne compro 5.”

“Speroni?”
B:”Speroni è un fenomeno: ha detto che i profughi quando scappano devono arrivare al massimo al paese vicino, se già ne fanno 3 di fila sono turisti…Speroni è uno che entra al parlamento, questa è la cosa brutta. Su 3 deputati, 4 sono Muppets.”

“C’è stato un emendamento di FI che afferma che se i giornalisti diffamano “qualcuno” devono essere arrestati…”
B:”C’è stata una reazione, qualcuno ha detto che l’informazione dev’essere libera e lui (il Berlusca) ha risposto che l’informazione è liberissima, sono i giornalisti ad andare in galera…”

“Quest’anno “Le Iene” è stato criticato perché è meno aggressivo degli altri anni…”
B:”E’ cambiato il costume dell’aggressività. ”Le Iene” ha una connotazione che dev’essere cambiata, è un format che è così da 6 anni, ciò che dura tanto va cambiato e si poteva evitare di coinvolgere i personaggi del Grande Fratello, però è motivo di audience, è evidente, c’è competizione. Pasquale è un cretino, se diamo spazio ai cretini è finita.”

“Forse è giusto dare un’ opportunità a tutti nel qualunquismo”
B:”In quella casa non s’è parlato mai né di lavoro, né di studio; non si parla mai di niente che sia vero, è solo vivere in una casa stravaccati da un divano all’altro: chi tromba, chi scorreggia… Fanno veramente pena.”

“Non si è parlato mai di politica…”
B:”Ma non sono in grado di parlare di politica…”

“Quali programmi ti piacciono?”
B:”Mi piace “Report” della Gabanelli, le inchieste e i programmi storici.”

“E quali conduttori?”
B:”Ce ne sono di bravi quando non si scade nell’istrionismo. C’è un pò di delirio d’onnipotenza talvolta.”

“Come comici?”
B:”A me piacciono tantissimo Albanese, P.Rossi e Fabio De Luigi.”

“Del cinema italiano?”
B:”Da Monicelli a Germi e altri.”

“Su Berlusconi?”
B:”Berlusconi è intelligente, applica però l’intelligenza a modo suo ma non è stupido. Non è scemo altrimenti non sarebbe arrivato lì e chi dice che è stupido fa il suo gioco perché lo demonizza, e più lo demonizzano e più lui può andare contro i comunisti.”

“Tra i programmi comici: Le Iene, Zelig, TG4…qual è il migliore?”
B:”Zelig è quello che ha avuto più impatto sulla gente perché è più fruibile ed ha un grandissimo conduttore che è Claudio Bisio; poi per il resto di comici involontari ce ne sono tanti: Fede ha troppo spazio e Vespa è più sul dramma, è più drammatico.”

“Convenscion?”
B:”Con Convenscion avevamo creato un totale troppo bello e avevo pensato che lo chiudessero perché tutto ciò che va bene in RAI viene chiuso…”

“La comicità che non ti piace?”
B:”A me non piace il Bagaglino e non mi piacciono i programmi del sabato sera e alcuni del “Maurizio Costanzo show” e in generale non mi piacciono i comici eccessivi.”
Giovanni Vito Caserta

Google+
© Riproduzione Riservata