• Google+
  • Commenta
15 gennaio 2004

Malattie atipiche che colpiscono gli studenti…

Quante volte ci siamo guardati allo specchio con la voglia di essere diversi… più belli sì, ma soprattutto più forti, intraprendenti, magari come quelQuante volte ci siamo guardati allo specchio con la voglia di essere diversi… più belli sì, ma soprattutto più forti, intraprendenti, magari come quelle persone che in un attimo riescono a conciliare una miriade di impegni e problemi, senza mai scomporsi più di tanto, senza mai cadere nel panico. E invece no, non siamo così. Innanzi a qualsiasi difficoltà sentiamo un vuoto in noi che non riusciamo a colmare, un muro insormontabile che noi stessi abbiamo costruito…ma che non riusciamo ad abbattere.
Sembra un luogo comune ormai, ma il terrore, l’ansia, l’angoscia che colpisce ogni studente universitario durante gli esami, e durante qualsiasi ostacolo che si incontra lungo l’iter universitario, è proprio come quel muro…alto, solido, enorme e soprattutto frutto del proprio carattere, insomma, il risultato di una “produzione propria”. Non è facile combattere ogni giorno, ogni attimo con queste emozioni forti e contrastanti che nascono e si nutrono di noi stessi… come una ‘malattia’ che lentamente ci consuma, ci abbatte e ci annulla se non viene curata in tempo. In un certo senso è così che gli psicologi definiscono queste ‘paure’, ‘insicurezze comportamentali’, che mai come oggi allarmano ogni giovane, ogni persona e ancora di più ogni studente universitario, in lotta continua con se stesso nell’immensa “giungla universitaria”.

Google+
© Riproduzione Riservata