• Google+
  • Commenta
15 gennaio 2004

Tutto fumo. Niente… rispetto

Suicidio? Non è un reato! Ognuno ha diritto a morire come meglio desidera. Il punto è questo: morire, non far morire! L’alibi paventato dai fumatori
Suicidio? Non è un reato! Ognuno ha diritto a morire come meglio desidera. Il punto è questo: morire, non far morire! L’alibi paventato dai fumatori “Se ti dà fastidio il fumo basta che lo fai presente” è un atteggiamento da persona incosciente e irresponsabile; a me piacerebbe usare altri appellativi ma verrebbero sicuramente censurati. Infatti sanno benissimo che quantomeno è sgradevole respirare aria viziata da fumo, senza parlare dei danni che arreca all’organismo. E poi, è tutta una scusa! Infatti, quante volte è capitato di chiedere al primo di turno della compagnia di andare a fumare da un’altra parte? Sicuramente infinite. Quante volte è stata esaudita la richiesta? Nella migliore delle ipotesi, pochissime volte. Sarebbe quindi superfluo dire altro. Il fumatore è attratto in modo ancestrale, quasi fosse un rito magico che porta in sé l’inconsapevole ma irresistibile fascino che il fumo esercita. La sconsideratezza per questo gesto è oramai insita nel DNA del fumatore; una mutazione genetica che ha dell’incredibile se pensiamo che è avvenuta nell’arco di tre generazioni. Un atteggiamento che, mi duole pensarlo, per essere corretto necessita di un intervento coercitivo e, finalmente, qualcuno è riuscito a capirlo! Mi riferisco alla legge n.3 del 16 gennaio 2003 che vieta di fumare nei locali pubblici (tranne che nelle aree riservate) e negli uffici. Questo è il primo passo per far comprendere ai fumatori come è giusto che ci si comporti. Spero che ciò possa essere sufficiente, anche perché non vedo come si possa altrimenti intervenire a tal fine. Infatti non basta neanche l’innumerevole spettro di possibili, e spesso efficaci, metodi di cura per convincere a smettere. Amici fumatori quello che chiediamo, cioè il vostro rispetto, per voi non rappresenta chissà quale sacrificio; per noi invece vuol dire vita!

Google+
© Riproduzione Riservata