• Google+
  • Commenta
15 maggio 2004

Detto…tra le righe

Il freno! Aiuto! Ci stiamo schiantando! Fermate! Voglio scendere!… Stavo sognando. Che incubo! Non faccio più una dormita tranquilla da una vita!
Il freno! Aiuto! Ci stiamo schiantando! Fermate! Voglio scendere!… Stavo sognando. Che incubo! Non faccio più una dormita tranquilla da una vita! Lo stress si accumula, è questa società. Ti impone i suoi percorsi, le sue tappe, alla velocità che sceglie lei. Una corsa, come in bicicletta, dove non ci sono vincitori, ma siamo tutti sconfitti per l’avervi partecipato. Competizione, agonismo. E quando non ce la fai, devi farcela e giù tutti a doparci con sostanze proibite e non, che sono il successo (ma quale?), il potere, il denaro, la vendetta. E quando queste non basteranno, cercherai di evadere in percorsi chimici che ti sembreranno tuoi e liberi, ma che esisteranno perché è la stessa società (giudice supremo della corsa della vita) che li vuole, inserendoli nell’irrifiutabile offerta dicotomica. L’umano ed il disumano saranno, ormai, reificati in un tutt’uno inestinguibile, che per affermazione o negazione, risponde, e quindi legittima, i canoni che la società stessa detta. Tutto ciò, mentre gli uomini continueranno a rubare, continueranno a morire, o a lasciarsi morire, continueranno ad odiare, a sopraffare e a sopraffarsi, ma continueranno anche ad amare, a sognare, a vivere, a sperare. Eroe ed antieroe saranno immersi in un limbo fumettistico, e nella massa non riuscirai a distinguere chi regge i fili e chi, invece, è retto; tutto ti sembrerà verde speranza, non perché lo è, ma perché, come nel paese del mago di Oz, tutti porteremo gli stessi occhiali. E questa volta non sarà stato il Mago a darceli, ma li avremo comprati dopo aver visto l’ultima pubblicità con l’ultimo divo dell’ultimo star system che indossa l’ultimo modello di occhiali da sole dell’ultima grande azienda che produce all’ultima moda. E avremo paura di cambiare canale, perché potremmo vedere una nuova pubblicità accorgendoci che quello che abbiamo comprato è già superato. E verde ti sembrerà il latte versato su cui tutti piangeranno, vedrai uomini soli correre, come pirati, di tappa in tappa senza che nessuno, fermandoli, offrirà loro ristoro. E…
Il freno! Aiuto! Ci stiamo schiantando! Fermate! Voglio scendere!

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy