• Google+
  • Commenta
15 novembre 2004

Assassini Nati di Oliver Stone

“Murder me Mickey”, Uccidimi Mickey! È l’appello disperato di una fan della coppia più spietata che il recente cinema americano abbia conosciuto, M
“Murder me Mickey”, Uccidimi Mickey! È l’appello disperato di una fan della coppia più spietata che il recente cinema americano abbia conosciuto, Mickey e Mallory Knox. Questi due “innamorati pazzi”, fuggiti dal proprio paese dopo aver bruciati vivi i genitori di lei, non si fanno scrupoli a mietere vittime in ogni luogo che attraversano. Un’inarrestabile furia omicida, un caso nazionale seguito con morboso interesse dal mondo dei media che contribuisce ad accrescerne il mito. Il film è montato a ritmi frenetici, con alternanze simboliche di bianco e nero e colori folgoranti e sovrapposizioni di immagini documentaristiche a quelle “tradizionali”. Oliver Stone mostra come nell’animo umano sia sempre presente una componente violenta e distruttrice pronta a venir fuori all’improvviso, e sottolinea in modo brutalmente sarcastico il potere corruttivo della Tv nella nostra cultura. Il desiderio di essere uccisi diventa così una disperata richiesta di esistere, di acquisire importanza e notorietà, di essere presenti, vivi o morti, assassini o vittime, nel mondo della Televisione. L’immagine della bandiera americana rovesciata nel trailer originale, esprime perfettamente il ribaltamento dei valori avvenuto in questo secolo, idea rimarcata dallo stesso autore nell’intervista presente, insieme alle scene tagliate e ad un finale alternativo, nei contenuti speciali del DVD. Ottimi gli interpreti: Woody Harrelson e Juliette Lewis (sig. e sig.ra Knox), Robert Downey Jr. e Tommy Lee Jones.
Gaetano Maiorino

Google+
© Riproduzione Riservata