• Google+
  • Commenta
15 novembre 2004

Bilancio Partecipato e non solo…

Eboli come Porto Alegre: è il bilancio partecipato l’innovativo strumento di integrazione dei cittadini alla vita amministrativa. Le associazioni si cEboli come Porto Alegre: è il bilancio partecipato l’innovativo strumento di integrazione dei cittadini alla vita amministrativa. Le associazioni si confrontano con l’istituzione comunale al fine di ottimizzare le risorse finanziarie e pianificare l’offerta culturale. L’obiettivo è quello di allargare ed incentivare la partecipazione, rendendo i cittadini consapevoli e primi attori delle scelte politiche dell’amministrazione. Già messo in atto da numerose Città dell’Italia centro-settentrionale, il percorso di istituzionalizzazione del bilancio partecipato ha preso il via nel Comune capofila della piana del Sele, promosso dall’assessore alle Politiche culturali e giovanili Carmine Caprarella. Strumento, ormai, fondamentale per le pubbliche amministrazioni, di riconosciuta valenza in funzione del superamento del rapporto di sfiducia instauratosi tra istituzioni e cittadini, il bilancio partecipato, approda dunque, anche ad Eboli, ponendosi come grande momento di sintesi tra l’Ente comunale e la popolazione. Il bilancio comunale, quindi, non è più soltanto un documento contabile ma diviene anche e soprattutto mezzo di verifica di un lavoro di ascolto, di coinvolgimento della città che è avvenuto nei mesi che precedono la programmazione. Grandi progetti attendono le associazioni ebolitane che già l’8, il 9 e il 10 ottobre scorsi, presso il PalaSele, hanno dato vita alla 3^ edizione della “Expo delle associazioni- Città di Eboli”, svoltasi, quest’anno, nell’ambito della manifestazione organizzata dagli assessorati al Lavoro e alle Politiche Sociali della Provincia di Salerno “Provincia Aperta”. Ben 52 gli stand dedicati alla città di Eboli tra i più di cento allestiti da realtà aggregative, giunte da ogni parte del salernitano. Teatro, musica, cabaret, tradizioni, scambi culturali, ma anche volontariato e terzo settore. “Anche in quest’occasione -afferma Carmine Caprarella- le associazioni ebolitane hanno dato prova di una grande capacità di confronto e di collaborazione, non soltanto tra gruppi appartenenti al contesto cittadino, ma anche con nuove realtà provenienti da altri luoghi della provincia”.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy