• Google+
  • Commenta
15 novembre 2004

Il soccorso

E’ obbligo di chi presta il primo soccorso ristabilire o mantenere le funzioni vitali (circolo e respiro) dell’incidentato. E’ necessario valutare l
E’ obbligo di chi presta il primo soccorso ristabilire o mantenere le funzioni vitali (circolo e respiro) dell’incidentato. E’ necessario valutare la sicurezza del luogo su cui si opera, e dare priorità di soccorso ai soggetti incoscienti. Il paziente deve essere messo in posizione supina, su una superficie piatta e rigida, muovendo simultaneamente testa, spalle e tronco, evitando torsioni. E’ necessario aprire le vie aeree e perciò si dovrà: rimuovere eventuale materiale ostruente; sollevare con due dita il mento del soggetto spingendo la testa all’indietro e appoggiando l’altra mano sulla fronte. Va poi valutata la respirazione ascoltando se passa aria e guardando se il torace si solleva e si abbassa. Se sono assenti segni di circolo, vanno iniziate le compressioni toraciche, effettuate a braccia tese, perpendicolari al corpo, con le mani poste sullo sterno all’altezza dei capezzoli. Esse devono abbassare il torace di 4/5 cm, con frequenza pari a circa 100 al minuto e rapporto compressioni/ventilazioni di 15:2. E’ dovere di ciascun cittadino impararle ed attuarle se necessario.

Google+
© Riproduzione Riservata