• Google+
  • Commenta
15 dicembre 2004

ACQUISTO auto

L’acquisto di un’autovettura è sicuramente di particolare rilievo data l’entità, non proprio modesta, dell’investimento richiesto: &eg L’acquisto di un’autovettura è sicuramente di particolare rilievo data l’entità, non proprio modesta, dell’investimento richiesto: è quindi consigliabile non avere fretta. Non capita tutti i giorni di cambiare l’auto e, una volta acquistata, dovremmo tenercela per un bel pò.
Se siete già in possesso di una vettura, prima di cercare l’auto che la dovrebbe sostituire, potrebbe essere una buona idea cercare di venderla fin da subito. Nel caso l’acquirente sia un privato, soprattutto se il veicolo è in buone condizioni, potreste spuntare qualcosa in più rispetto a quello che si ricaverebbe dandola in permuta al concessionario.
Ritorniamo all’acquisto. Bisogna, prima di tutto, chiarirsi le idee: dobbiamo scegliere la tipologia di veicolo che meglio si adatta alle nostre esigenze (berlina, station-wagon, monovolume, utilitaria, coupè, …) o, semplicemente, che più ci piace. Questo lo sa bene chi ha già avuto esperienza in merito. Infatti, data la miriade di prodotti in circolazione, non è affatto semplice districarsi tra la ragnatela che, man mano che si procede, si va tessendo intorno a noi. Assodato quindi il tipo di veicolo da comprare, è bene avere un’idea sull’alimentazione e sulla cilindrata che questo è bene abbia, sempre in funzione delle nostre necessità.
Al riguardo facciamo alcune utili considerazioni. Ricordiamo, anche se ben noto ai più, che dovendo percorrere numerosi chilometri, più di 20000-25000 km/anno, sarebbe idoneo l’acquisto di una vettura diesel o alimentata a metano.
In merito alla cilindrata, meglio se si fa riferimento ai Kilowatt, è da tenere da conto che più è elevata e maggiore sarà la potenza e quindi migliori le prestazioni. Tale circostanza, però, comporta un generale aumento delle spese di gestione: più gravoso sarà l’importo della tassa di possesso e della polizza assicurativa, senza parlare del consumo di carburante, ecc..
E’ tuttavia bene osservare che, per alcuni modelli, una cilindrata lievemente superiore potrebbe comportare una diminuzione dei consumi.
L’analisi procede con la scelta del modello che, anche stilisticamente, più ci attrae. Per alcuni comunque potrebbe risultare primaria per la scelta della vettura, rispetto alle altre componenti, proprio la linea della medesima: è giusto acquistare l’auto che si conformi meglio al nostro gusto.
Nella scelta del modello potrà sicuramente aiutarci la consultazione di riviste del settore, senza però dimenticare il prezioso apporto derivante dai consigli di amici e conoscenti.
Si dovrà poi analizzare una serie di fattori che condizioneranno la scelta tra l’acquisto di un’auto nuova o una usata. Sicuramente, non fa piacere ma spesso è così, bisognerà controllare il portafoglio: si dovrà fissare il budget da investire. Va considerato, tra l’altro, se si dispone di un garage o se si abita in una zona dove avvengono soventemente furti: purtroppo, è da tenere in debito conto tale possibilità. Anche se usata è bene che l’automobile sia dotata di air bag, abs, poggiatesta e quant’altro possa rendere più sicura la guida.
Non dimenticate: oltre a valutare i costi di acquisto, stimate i costi di esercizio, di gestione e di eventuali riparazioni. E’ bene chiedersi, ad esempio, quanto costerebbe cambiare il gruppo ottico anteriore del veicolo, il parabrezza o la marmitta, fare un cambio olio o cambiare le gomme.
In ultimo, ma sicuramente non meno importante, è da valutare l’impatto ecologico delle emissioni dei gas di scarico. L‘Unione Europea ha introdotto, infatti, da alcuni anni gli standard ecologici a cui le automobili di nuova produzione devono adeguarsi. Le auto, ad esempio, che hanno in dotazione lo standard Euro3, sono riconoscibili dal fatto che sul libretto di circolazione è riportata la dicitura 98/69 oppure 98/77 rif. 98/69. Ovviamente, le vetture prive delle caratteristiche previste dai nuovi standard antinquinamento si deprezzano: motivo per poter pretendere dal venditore una riduzione del prezzo dell’auto nel momento in cui deciderete di acquistarla. Questo anche in virtù delle attuali norme di restrizione del traffico per i veicoli inquinanti.

Google+
© Riproduzione Riservata