• Google+
  • Commenta
23 febbraio 2005

Serie A: tutto in un minuto

Tutto in un minuto, tutta la classe di Sergio Claudio Dos Santos, l’uomo della provvidenza. Il Milan vince e raggiunge la vetta della classifica graziTutto in un minuto, tutta la classe di Sergio Claudio Dos Santos, l’uomo della provvidenza. Il Milan vince e raggiunge la vetta della classifica grazie ad un colpo del brasiliano nei minuti di recupero, una botta al volo perfetta, che può valere una stagione. Serginho ancora una volta entra in campo e decide; il brasiliano con residenza a Milanello ci ha abituato così. Il Milan aggancia, dunque, la Juventus, dopo una partita sofferta ma dominata dai rossoneri, incapaci di darsi per vinti fino alla fine. Carlo Ancelotti i suoi ragazzi li vuole così, determinati, consapevoli dei loro mezzi. Unica nota stonata, l’infortunio di Sheva. L’ucraino ne avrà per circa un mese, a causa della tremenda botta al volto che gli ha procurato la frattura di orbita e zigomo.
Il Milan dà il colpo decisivo in una partita dura, durissima, fino all’ultimo minuto. La squadra rossonera riesce a battere il Cagliari con un 1-0 conquistato con grande grinta e con il cuore. Primo tempo incolore, complicato dall’infortunio di Sheva, inizio ripresa senza efficacia nella manovra offensiva, prima della magia del carioca. Carlo Ancelotti nel decidere la formazione da opporre al Cagliari guarda ai prossimi impegni con Manchester e Inter e opta per il turnover. A centrocampo giocano Brocchi e Rui Costa, Pirlo recupera dall’infortunio, mentre Seedorf vince il ballottaggio con Dhorasoo. Stam si posiziona al centro della difesa mentre Tomasson costituisce con Shevchenko la coppia d’attacco. Arrigoni, allenatore del Cagliari, non rinuncia al tridente Esposito-Zola-Langella e recupera Abeijon a centrocampo. Dopo i primi minuti di studio, con un Milan propenso alla verticalizzazione con i lanci di Pirlo e Seedorf, il Cagliari prova ad impensierire Nelson Dida con un colpo di testa di Abeijon sugli sviluppi di un calcio di punizione di Zola. La risposta del Milan è immediata, Cafu dalla fascia pennella un cross per Sheva che di testa impegna seriamente Iezzo. L’ucraino, a seguito del contrasto con il difensore Loria, subisce un duro colpo alla testa ed è costretto ad uscire; sono passati otto minuti. Ancelotti si affida a Crespo e dice a Paolo Maldini di uscire su Zola palla al piede per disturbare la fonte di gioco cagliaritana. Dal canto suo la formazione di Arrigoni dopo l’uscita dell’ucraino prova a prendere coraggio e a rubare metri nella metà campo rossonera. Nell’undici milanista si segnala un ottimo Brocchi, caparbio e propositivo, mentre Seedorf sembra voler provare spesso la conclusione da fuori area. Arrigoni si affida ad una difesa arcigna, brava a raddoppiare l’avversario e a togliere profondità alle punte rossonere che faticano a trovare spazi. Per vedere una conclusione pericolosa bisogna aspettare il 43’ quando Crespo dal limite cerca la botta a sorpresa, ma il tiro sfiora la traversa. Dopo i primi quarantacinque minuti di gioco si segnala un Milan volenteroso ma involuto nella manovra offensiva. Buona la partita del Cagliari in fase di contenimento.
Alla ripresa del gioco nessuna variazione nei due schieramenti. Mentre Serginho e Kakà si riscaldano a bordo campo, il Milan prova a salire di tono e intensità, ma non ci sono vere e proprie occasioni da rete a favore dei padroni di casa. Al contrario all’8’ è il Cagliari a rendersi pericoloso: Gobbi da fuori area esplode il suo sinistro ed Esposito devia a Dida battuto, ma mette fuori. Carlo Ancelotti, nel chiaro tentativo di allargare la squadra, richiama Brocchi in panchina e inserisce Serginho. Rui Costa si sposta sulla corsia di destra e il Milan viene ridisegnato con un classico 4-4-2. L’occasione buona per sbloccare la gara arriva al 15’, quando Rui Costa riceve pallone in area, ma il tiro del portoghese è debole e viene intercettato da un difensore sardo. Il Cagliari continua ad amministrare l’incontro, la difesa è solida e nelle ripartenze Langella prova a duellare in velocità con un attento Stam. Carlo Ancelotti intuisce le difficoltà della propria squadra e invita Kakà ad entrare, mentre al 24’ Maldini si libera in modo straordinario di due giocatori, crossa in area e sulla ribattuta di un cagliaritano il tiro di Rui Costa esce di un soffio sopra la traversa. Con Kakà in campo al posto di Tomasson, il Milan torna a posizionarsi col 4-3-1-2, ma la manovra rossonera continua ad essere poco fluida. Al 31’ la situazione si complica; Pancaro, infatti, già ammonito nel corso del primo tempo dopo un’entrata scomposta ma non cattiva viene espulso per somma di ammonizioni. Arrigoni a questo punto toglie un centrocampista, Abeijon, e inserisce l’attaccante Suazo. Il Cagliari ci prova, ma un tiro di Kakà al 37’ viene parato senza difficoltà da Iezzo. Al 39’ sugli sviluppi di un corner il Milan sfiora il vantaggio: Iezzo sbaglia l’uscita e Rui Costa schiaccia di testa con il pallone che esce di un soffio. Dopo due minuti l’occasione giusta arriva a Crespo ma il colpo di testa dell’argentino non ha fortuna. Il Milan recrimina per un fallo di mano di un difensore sardo, ma Tombolini lascia correre. Così si arriva al secondo minuto di recupero. Cafu arriva sul fondo, calibra in area un cross morbido che sfila fino a Serginho, che con una coordinazione strepitosa batte Iezzo con un tiro al volo. Il Cagliari recrimina per un presunto fallo di Cafu, Agostini viene espulso per le proteste, ma il Milan può gioire per tre punti sofferti ma fondamentali per raggiungere la Juve in vetta alla classifica.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy