• Google+
  • Commenta
27 luglio 2005

Maurizio Battista al Villaggio Italia

Dopo il grande successo di pubblico ottenuto lo scorso 10 luglio, Maurizio Battista torna ad esibirsi al Villaggio Italia. Il comico capitolo si esibiDopo il grande successo di pubblico ottenuto lo scorso 10 luglio, Maurizio Battista torna ad esibirsi al Villaggio Italia. Il comico capitolo si esibirà al Parco dell’Aniene, giovedì 28 luglio, alle ore 22 (ingresso 8 euro). E’ stato invece annullato, causa improssiva indisponibilità del gruppo, il concerto dei Flaminio Maphia previsto per venerdì 29 luglio. In alternativa si svolgerà una serata di cabaret.

Il festival, in programma fino al 6 agosto, nel cuore verde del Parco dell’ Aniene (in via di Tor Cervara), continua con un programma ricco di musica e cabaret. Il VILLAGGIO ITALIA apre i cancelli alle ore 20. Tutti gli spettacoli inizieranno alle ore 22. All’interno dell’area sono allestite numerose aree divertimenti: non solo musica e cabaret, ma anche balli latini, spettacoli multietnici, stand e gastronomia.

Maurizio Battista anche quest’anno non tradisce i suoi fans romani un volto noto dell’estate romana, il comico capitolino Maurizio Battista. E’ uno dei personaggi di spicco del cabaret nazionale già noto al grande pubblico per le sue partecipazioni a svariati programmi tv – dal “Seven Show” a “Scherzi a Parte”, da “Partita Doppia” a “Tempi Moderni” – e per le numerose performance teatrali. Versatilità e spontaneità sono le qualità che lo rendono particolarmente simpatico. Autore e attore dei suoi monologhi, i suoi spettacoli sembrano delle rimpatriate fra amici, grazie alla grande affabilità con la quale riesce sempre coinvolgere e rendere partecipe il pubblico. Ogni suo spettacolo è una vera e propria galleria di personaggi caratteristici, colti nelle situazioni più divertenti e strane. Non c’è categoria di persone che si salvi dall’ironia di Battista, ma una in particolare deve rintuzzare gli strali del suo humor: le donne. Che siano madri, mogli, fidanzate, amanti, amiche non fa differenza; é comunque una “Lei” che decide, organizza, fa tutto a suo piacere, dal fidanzamento alla separazione, situazione che lo riguarda molto ad vicino, infatti secondo Battista “il separato è come colui che abbandona la vecchia macchina, per cercarne un’altra, usata da altri”. Dunque ore di esilarante comicità garantite tra i dissensi tra le donne e i consensi tra gli uomini presenti. Non si può dubitare che anche gli uomini assenti concorderebbero con le sue appassionate e, a dir suo, realistiche tesi.
Vincenza Petta

Google+
© Riproduzione Riservata