• Google+
  • Commenta
30 luglio 2005

Ok dall’Asl: è potabile l’acqua dell’Università

Dagli esami batteriologici effettuati, l’acqua del serbatoio Pizzolano è risultata potabile e dunque utilizzabile nuovamente anche per usi alimentari.Dagli esami batteriologici effettuati, l’acqua del serbatoio Pizzolano è risultata potabile e dunque utilizzabile nuovamente anche per usi alimentari.
Questi ultimi erano stati temporaneamente sospesi, a scopo precauzionale, nelle frazioni servite dal serbatoio Pizzolano, dopo che vi era stata immessa l’acqua proveniente dall’ex pozzo Ruggiero, messo a disposizione dall’Università e riattivato prontamente dalla civica Amministrazione, dopo un decennio di disuso.
I cittadini di Parco Donica, Vignadonica, Pizzolano, Canfora, Soccorso, Prignano, via S.P. 24, ex via Consortile, via delle Industrie, Cervito, via Ponte don Melillo, via Macchione, via S.S. 88, Pozzillo, Nocelleto e Faraldo potranno dunque riutilizzare l’acqua per usi alimentari e, soprattutto, non avranno più a patire carenze e disagi.
Grande la soddisfazione del sindaco Raffaele Barra che, anche da assessore al ramo, ha costantemente seguito le emergenze connesse alla carenza idrica estiva: “Con la cospicua immissione d’acqua, resa possibile dalla piena riattivazione del pozzo di proprietà dell’ateneo, possiamo dire risolta l’emergenza, che in passato ha arrecato molti disagi alle zone servite dal serbatoio Pizzolano”.

Google+
© Riproduzione Riservata