• Google+
  • Commenta
1 luglio 2005

Salerno – sedicenne stuprata: continuano le indagini

L’insufficienza di prove ha garantito il rilascio, sabato notte, dell’unico indagato per lo stupro della sedicenne salernitana, Adriano D., 20 anni
L’insufficienza di prove ha garantito il rilascio, sabato notte, dell’unico indagato per lo stupro della sedicenne salernitana, Adriano D., 20 anni brasiliano. L’alibi della palestra e l’inesistenza del tatuaggio che avrebbe dovuto servire all’identificazione non sono bastati ad evitare la perquisizione dell’abitazione. Di prima mattina, ieri, sette agenti della Squadra Mobile si sono presentati a casa del giovane con mandato di perquisizione autorizzato dalla Procura. Nonostante lo sforzo dei falchi di cercare anche il più piccolo elemento utile all’incriminazione, non è stato trovato nessun indizio significativamente utile. Sono stati, allora, sequestrati un giubbino di jeans , una maglietta, uno slip, lo shampoo personale di Adriano e il suo pettine da affidare all’analisi della polizia scientifica. I dati risultanti dagli esami sanno comparati con quelli del Dna prelevato, sabato sera, sul corpo della ragazza. In attesa che verità sia fatta, Adriano ha deciso di consultare uno psicologo, avendo alle spalle una non facile infanzia. L’evento lo ha scosso. Aveva, infatti, da qualche tempo deciso di redimersi dalla vita sbandata e turbolenta finora condotta e superato i problemi di tossicodipendenza.

Google+
© Riproduzione Riservata