• Google+
  • Commenta
26 agosto 2005

Ferrara: Lotta contro la Corrosione dei Metalli

Quella dei Simposi sugli inibitori della corrosione è ormai una tradizione per l’Università di Ferrara, in quanto questi convegni, con frequenza quinqQuella dei Simposi sugli inibitori della corrosione è ormai una tradizione per l’Università di Ferrara, in quanto questi convegni, con frequenza quinquennale, hanno luogo a partire dal 1960.
Nati come incontri per un limitato numero di specialisti europei, hanno successivamente acquisito una dimensione mondiale, della quale fanno fede la levatura scientifica dei partecipanti, il loro numero e la loro provenienza. Alla decima edizione del Simposio, che si terrà dal 29 Agosto al 2 Settembre 2005, è prevista la partecipazione di oltre cento studiosi, provenienti da tutti i continenti. Saranno presentati e discussi 90 lavori tendenti a fare il punto sul tema della inibizione. Come per i Simposi precedenti, i risultati conseguiti sono raccolti nei volumi degli Atti, pubblicati nella colonna degli Annali dell’Università, oggi reperibili nelle biblioteche specializzate di tutto il mondo.
Catalizzatori per il successo del Simposio possono essere considerati l’importanza e l’attualità del problema della corrosione dei materiali e della sua prevenzione e l’esistenza da molti anni all’Università del Centro di Studi sulla Corrosione “A.Daccò”, inserito nel Dipartimento di Chimica.
Per ciò che concerne il primo punto si può ricordare che i fenomeni di corrosione riconducono allo stato minerale ossidato – con formazione di ossidi e sali in ambienti aggressivi – anche i materiali e le leghe pi pregiate, il cui ottenimento era stato frutto di un costo elevato in energia e lavoro umano. Un’analisi in termini economici dei costi della corrosione e dell’anticorrosione trova concordi molti autori intorno alla cifra del 4% del prodotto interno lordo, per i paesi industrializzati. Una indagine, compiuta, alcuni anni addietro, dalla Federazione Europea della Corrosione per conto della Comunità Economica Europea, prendendo come campioni i settori agro-alimentare, delle costruzioni, dell’automobile, della cantieristica navale r delle piattaforme petrolifere, ha fornito i seguenti dati: costo globale della corrosione e dell’anticorrosione, per un paese industrializzato, pari al 4,2% del PIL; costo per persona e per anno, nell’ambito di un paese della Comunità, pari a 250 euro.
Da ciò si può comprendere come ogni contromisura tendente a ridurre i costi della corrosione rivesta interesse sia dal punto scientifico che tecnologico. In questa ottica rientrano gli inibitori di corrosione, sostanze che aggiunte a bassi livelli di concentrazione ai più svariati ambienti corrosivi, ne riducono drasticamente l’aggressività nei confronti dei diversi metalli e leghe, senza incidere negativamente dal punto di vista dell’impatto ambientale e dell’inquinamento. Fra i processi che richiedono la presenza di inibitori possiamo ricordare i trattamenti di acidificazione dei pozzi petroliferi, i decapaggi acidi nel corso della fabbricazione dell’acciaio, i lavaggi acidi di caldaie ed installazioni industriali, i trattamenti disincrostanti di condensatori e scambiatori di calore, i sistemi di raffreddamento ad acque industriali, e molti altri.
La richiesta di nuovi inibitori sempre più efficienti ed ecologici ha portato a sviluppare la ricerca per la messa punto di nuove molecole dotate di elevata efficienza inibitrice e di bassa tossicità. In questo quadro si inserisce il lavoro di ricerca del Centro Corrosione dell’Università, attualmente diretto dal Prof. Fabrizio Zucchi, dove, fin dalla fondazione negli anni cinquanta, vengono studiati i meccanismi di azione degli inibitori di corrosione e le loro applicazioni nei più svariati settori delle moderne tecnologie industriali.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy