• Google+
  • Commenta
19 settembre 2005

Lupi: amara sconfitta

Terza sconfitta consecutiva per i ragazzi di mister Oddo. I lupacchiotti arrivano al “Braglia” vogliosi di far bene, per riscattare l’umiliante scon
Terza sconfitta consecutiva per i ragazzi di mister Oddo. I lupacchiotti arrivano al “Braglia” vogliosi di far bene, per riscattare l’umiliante sconfitta interna con il Brescia, ma questa volta devono far i conti anche con il signor Squillace di Catanzaro. Sarà infatti il direttore di gara a condizionare, e non poco, l’andamento della gara. Ripercorriamo l’ incontro: emiliani in campo con l’ormai collaudato 4-4-2, davanti al portiere Frezzolini, Centurioni e Perna centrali, Tamburini e Pivotti sugli esterni. A centrocampo un mix di classe ed esperienza con Tisci, vecchia conoscenza dei tifosi biancoverdi, Giampaolo, Campadelli e Giampieretti. In avanti la coppia Bucchi-Colacone. Per i biancoverdi novità sul piano tattico: il professore rivede il modulo (4-3-2-1), che ha fruttato un solo punto nei primi quattro match di inizio campionato e passa ad un più pragmatico 4-4-2. Taglialtela estremo difensore, Ametrano e D’Andrea terzini e al centro fa notizia il ritorno di capitan Puleo affiancato da Masiello. A centrocampo non trova spazio Leon, abulico nelle due ultime gare, e la linea madiana è così composta da Fusco, Riccio, Allegretti e Millesi. In attaco l’inedito tandem Rastelli-Docente. La prima occasione della gara è di marca emiliana, con l’ex Tisci che da calcio piazzato impegna Taglialatela, siamo al dodicesimo minuto. Poco più tardi è ancora il numero dieci gialloblu, ex col dente avvelenato, a chiamare in causa il portiere irpino. La gara non è delle più entusiasmanti, l’Avellino attende, timoroso di scoprirsi, il Modena è poco concreto negli ultimi sedici metri. Il primo tempo scorre via, tra timide offensive da una parte e dall’ altra, ma nulla di rilevante. Nella seconda frazione la svolta. I ragazzi di Pioli entrano in campo decisi ad affondare e soprattutto con un Giampaolo rinvigorito. Il fantasista, 35 anni ma non li dimostra, inventa, verticalizza e si propone in avanti. E proprio da una sua incursione nasce l’azione del vantaggio modenese: Giampaolo entra in area, tenta la percussione sul lato corto dell’area di rigore ma Ametrano ingenuamente lo stende, per Squillace è calcio di rigore. Dagli undici metri Bucchi trafigge Taglialatela:1-0. L’Avellino non si da per vinto, tenta subito di raddrizare le sorti dell’incontro. Al minuto 68 ci riesce: Rastelli, magistralmente imbeccato da Allegretti, con un pallonetto batte Frezzolini. L’esultanza dell’attacante biancoverde è spenta dal signor Squillace che inspiegabilmente annulla la marcatura. È una mazzata tremenda per la compagine irpina che adesso è in balia di un Modena sempre più padrone del campo. Giampaolo è uno di quelli che se vuole fa la differenza, e al minuto 88 ne inventa una delle sue:parte palla al piede, porta a spasso mezza difesa irpina e porge a Campadelli un pallone, che definire invitante forse è poco, l’esterno gialloblu con un colpo sotto gonfia la rete. Il secondo gol modenese chiude l’incontro. Sconfitta amara per l’Avellino, che meritatamente aveva agguantato il pareggio.La classifica vede ora gli irpini sul fondo, davanti solo al Cesena che ha una gara im meno. Il match di martedì con il Bari sembra quanto mai decisivo:può segnare una svolta in positivo in caso di vittoria, ma se ci sarà l’ennesima battuta d’arresto la già scricchiolante panchina di Oddo si frantumerà definitavamente.
Antonello Plati

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy