• Google+
  • Commenta
12 settembre 2005

Serie A: Juve in fuga, Livorno in paradiso.

Si è conclusa ieri la 2° giornata di campionato che ha già offerto verdetti interessanti. Tra le candidate allo scudetto i bianconeri sono gli unici Si è conclusa ieri la 2° giornata di campionato che ha già offerto verdetti interessanti. Tra le candidate allo scudetto i bianconeri sono gli unici a punteggio pieno, affiancati da un Livorno incredulo che va a prendersi tre punti importanti a Padova, e dall’ Udinese che ormai è una realtà del calcio italiano.
Negli anticipi di sabato il Palermo di Del Neri dà lezioni di calcio-spettacolo all’Inter di Mancini: finisce 3-2 ma poteva essere benissimo 5-0, i nerazzurri sotto di tre gol accorciano nel finale con due gol quasi casuali di Cruz. Molte colpe per l’allenatore dell’Inter, che regala la fascia destra agli avversari mettendo davanti a Ze Maria (che non ha mai eccelso nella fase difensiva) un Veron decisamente fuori ruolo, così, prima Bonanni e poi Santana e Gonzalez, hanno fatto il bello e il cattivo tempo su quella fascia. Il Milan vince 3-1 sul Siena, ma non è stata esattamente una passeggiata: sopra di due gol subisce la rete di Tudor, ancora una volta con azione da palla inattiva, lasciando gli avversari in partita fino a quando non ci pensava Kaka, a 10 minuti dalla fine, a chiuderla. Nelle partite di ieri la Juventus ha seppellito di gol l’Empoli (4-0 il risultato finale) in una partita senza storia: dopo un quarto d’ora era già avanti di tre gol, trascinata da un implacabile Trezeguet. Importante vittoria esterna dell’ Udinese che fa un brutto scherzo al suo ex allenatore Spalletti ora alla guida della Roma: il gol di Muntari nel finale del primo tempo regala tre punti a Cosmi. Ai giallorossi non è bastato il ritorno in campo di Cassano anche se la partita è stata equilibrata e l’Udinese deve ringraziare uno strepitoso De Sanctis che ha salvato il risultato in almeno un paio di occasioni. Pareggio a Messina (2-2) per la Fiorentina di Toni (in un momento di forma eccezionale) che aveva chiuso il primo tempo sopra di due gol, e torna a casa con rammarico per l’occasione sprecata, ma con la consapevolezza di saper esprimere un buon gioco (si vede la mano di Prandelli). A Padova, città che ospita le partite in casa del Treviso, Lucarelli al 94° fa esplodere di gioia i tifosi del Livorno proiettandolo in testa alla classifica, vittoria importantissima in chiave salvezza, ma non ditelo a Spinelli, per il presidente amaranto la sua squadra è da Coppa U.E.F.A. A Marassi la Sampdoria riesce a spuntarla 3-2 su un gagliarda Reggina in un partita che ha regalato emozioni soprattutto nel finale: prima il 3-1 di Gasbarroni all’88°, poi il 3-2 di Missiroli al 95°, e dopo un minuto il rigore sbagliato da Flachi, Novellino, allenatore dei blucerchiati, è soddisfatto, ha visto una grandissima Sampdoria. Nelle altre partite da segnalare il punto prezioso dell’Ascoli a Lecce(0-0) ottenuto in dieci uomini, la vittoria del Chievo sul Parma (1-0) e il pareggio(1-1) nel posticipo serale tra Cagliari e Lazio, in una partita che vedeva il ritorno di Arrigoni sulla panchina rossoblu, accolto dal suo pubblico con fischi e cori ostili.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy